8.4

Recensione iPhone 11 Pro: non per tutti (ma non solo per i Pro) (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione iPhone 11 Pro

Cambia il nome e le varianti che lo scorso anno erano le versioni base di iPhone (ovvero XS e XS Max), diventano le versioni di fascia superiore, ovvero 11 Pro e 11 Pro Max. Oggi iniziamo testando la versione più compatta di questi due modelli e anche quella più economica.

LEGGI ANCHE: Recensioni iPhone

6.5

Confezione

Finalmente abbiamo qualcosa da dire sulla confezione di iPhone, o quantomeno abbiamo qualcosa da dire che non sia necessariamente qualcosa di negativo. Finalmente sparisce il sottodimensionato alimentatore da 5W in favore di uno da ben 18W che possa sfruttare davvero la velocità di ricarica di questo dispositivo. In più questo alimentatore è dotato di porta USB-C. Benchè lo smartphone quindi sia “ancora” lightning, quantomeno il cavo USB-C/lightning in dotazione vi permetterà di collegare il vostro iPhone 11 Pro ad un MacBook uscito negli ultimi 3-4 anni, senza necessità di un adattatore. Meglio tardi che mai. Ancora presenti le cuffie auricolari di buona qualità con connettore lightning e manca invece l’adattatore per il jack audio da 3,5 millimetri.

9.5

Costruzione ed Ergonomia

iPhone 11 Pro è in sostanza quasi l’unico vero top di gamma in commercio a potersi davvero definire compatto. E questo è un vantaggio enorme per Apple che riempie un vuoto lasciato colpevolmente dalla concorrenza. iPhone 11 Pro poi non è da meno rispetto agli altri prodotti dell’azienda: è costruito in modo impeccabile e in mano questa qualità viene trasmessa fin dal primo minuto di utilizzo. Quest’anno è stato scelto poi un vetro posteriore opaco e satinato al tatto, che diventa invece lucido solo attorno alle tre fotocamere. È una scelta stilistica che abbiamo apprezzato molto, anche se forse lo penalizza un minimo in termini di scivolosità, così come anche il peso leggermente aumentato. Sempre in acciaio inossidabile lucido il profilo dello smartphone. La più grande novità dal punto di vista costruttivo quest’anno è poi il raggiungimento dello standard IP68 per la resistenza ad acqua e polvere.

8.5

Hardware

L’hardware è stato ovviamente aggiornato. La più grande novità è il nuovo processore Apple A13 Bionic a 7nm. È una CPU esa core da 2,65 GHz con GPU a 4 core. La RAM è da 4 GB e abbiamo tre tagli di memoria: 64, 256 e 512 GB non espandibili. In tutta onestà il primo taglio di memoria è del tutto anacronistico considerando sopratutto l’idea Pro che si vuole dare a questo prodotto. La connettività è LTE fino a 1600 Mbps, il Wi-Fi è con il nuovissimo standard 6 e il Bluetooth è 5.0. Funziona molto bene il GPS assistito e abbiamo sempre l’NFC, la cui unica vera funzione su iOS al momento rimane Apple Pay. Ottimo lo sblocco tramite il sensore biometrico facciale 3D che riconosce il nostro volto ancora più velocemente e anche ad inclinazioni leggermente superiori al passato. Manca la radio FM e non c’è il jack audio. Anche il supporto dual SIM è latente, visto che la eSIM non è ancora supportata da nessun operatore italiano. Fantastico il motorino della vibrazione i cui feedback contribuiscono a garantire una sensazione di qualità molto alta. Molto bene anche l’audio stereo.

SCHEDA: iPhone 11 Pro

9.0

Fotocamera

Rispetto ad iPhone XS questo 11 Pro guadagna una terza fotocamera, questa volta grandangolare. Ma sarebbe un grosso errore considerare questa fotocamera solo per questa novità. Il trio di fotocamere da 12 megapixel (stabilizzate quella standard e zoom 2x) regalano scatti di una qualità che da tempo non si vedeva su iPhone (almeno se rapportata alla concorrenza del tempo). Finalmente iPhone può davvero compete ad armi pari e anche primeggiare in molti comparti (come dimostra anche il nostro test). Le foto sono ottimamente bilanciate, con colori morbidi ma mai sbagliati (se non la leggera tinta gillastra di iPhone, comunque più tenue) e luci gestite sempre al meglio. In più al buio una modalità notturna automatica migliorerà gli scatti quasi senza farvene accorgere. Più lo smartphone sarà reso stabile (per esempio con un cavalletto) e più la modalità notturna si prenderà tempo per scattare al meglio. È poi possibile passare con uno zoom fluido fra le tre fotocamere, anche durante la registrazione video. Il bilanciamento fra i tre sensori è quasi perfetto: un lavoro su cui quasi nessuna azienda sembra mai aver voluto concentrasi fino ad ora. Funziona bene anche la modalità sfocature, che guadagnerà ancora punti (in teoria) con l’arrivo di Deepfusion nel corso del mese.

Tra le altre novità una grafica dell’interfaccia leggermente ridisegnata, con la possibilità di scattare raffiche scorrendo verso sinistra e di registrare video tenendo premuto il tasto di scatto. Miglioramenti anche per la fotocamera frontale da 12 megapixel ƒ/2.2 che ora registra anche video in slowmotion (gli “slofie”) e video in 4K a 60 fps. Parlando di video è indubbio come Apple, seppur tallonata dalla concorrenza, sia ancora un punto di riferimento imbattuto. Fluidità, definizione e resa dei colori è ancora al top della categoria: ad ogni risoluzione scelta.

9.0

Display

iPhone 11 Pro ha un display da 5,8 pollici con risoluzione di 1125 x 2436 pixel in tecnologia Super Retina XDR, ovvero un nome altisonante per dire “un OLED di ottima qualità”. Supporta le tecnologie Dolby Vision e HDR10, oltre a risvegliarsi agevolmente sollvando lo smartphone e garantendo la compatibilità con il true tone che adatta il colore dello schermo alla luce ambientale. Sparisce invece il force touch. Probabilmente non lo usavate ma la troviamo comunque una sconfitta.

9.0

Software

Non spenderemo altre parole per iOS 13 (nello specifico 13.1.2) considerando i fiumi che abbiamo speso nella recensione completa. Si tratta di un’ottima versione aggiornata, estremamente simile esteticamente a quanto visto in passato e con qualche novità minore, come la modalità scura (che si può anche attivare in automatico con il lo scorrere della giornata). Un’altra novità di rilievo è l’introduzione della modalità di scrittura a scorrimento sulla tastiera di iPhone, che però continua ancora a non vibrare alla pressione. Migliorato anche AirDrop che permette di scambiare i file puntando fisicamente lo smartphone verso il dispositivo destinatario.

8.5

Autonomia

Grandissimo lavoro di Apple sulla batteria di iPhone 11 Pro che, pur essendo da soli 3046 mAh, riesce a garantire risultati straordinari. Si riesce ora arrivare sempre a fine giornata, cosa che per la scorsa generazione di iPhone era vera a malapena per iPhone XR e del tutto solo per XS Max. Tanto lavoro di ottimizzazione, ma anche una batteria (benché “piccola”) più capiente dello scorso anno e questo si è tradotto in un minimo aumento di spessore e peso. Supportata ora la ricarica rapida a 18W. Sempre presente la ricarica wireless.

5.5

Prezzo

iPhone 11 Pro viene venduto a partire da 1189€ e si sale a 1359€ per la variante da 256 GB, la prima che consiglieremmo davvero. Sono veramente tanti soldi ed è difficile giustificare la spesa. Apple avrebbe probabilmente potuto applicare un prezzo più “ragionevole” anche alla sua famiglia di prodotti Pro come ha fatto per iPhone 11, o quantomeno partire da almeno 128 (se non 256) GB di memoria interna nel taglio più piccolo.

iPhone 11 Pro è disponibile su Amazon. Vi consigliamo di controllare il box a seguire per eventuali abbassamenti di prezzi in futuro.

Foto

Giudizio Finale

iPhone 11 Pro

8.4

iPhone 11 Pro

iPhone 11 Pro è uno smartphone ottimo sotto tutti gli aspetti. Il display è di qualità, la batteria è capiente e l'autonomia è ottima. Le piccole modifiche nel design ci hanno poi convinto, così come le novità nel software. Infine le fotocamere: finalmente di nuovo al top. La definizione Pro ci è però sembrata forzata: questo è "solo" l'iPhone per chi può spendere (almeno 1359€) e vuole il meglio del meglio. Per gli altri c'è iPhone 11.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Fotocamera al top
  • Autonomia sopra la media
  • Sblocco facciale (3D) ottimo
  • Ottime prestazioni
Contro
  • Niente jack audio
  • 64 GB di partenza sono pochissimi
  • Al lancio niente dual SIM in Italia
  • Prezzo troppo alto

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina MobileWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.

  • Ciaoiphone4

    Ciao ciso, il video non funziona!

    • C’era stato un problema, ho dovuto ricaricarlo. Ora è ok 🙂

      • Ciaoiphone4

        Grazie! Sempre disponibile e rapido!

  • Aggiornato con video corretto 🙂

  • eLar

    Di essere bello è bello, di funzionare funziona. Il problema sono i soldi, costa davvero tantissimo.

  • Carlo

    Anche XS e XS max dello scorso anno sono IP68, la novità è che 11 Pro e Pro max sono certificati per 4 metri anziché 2