Le Galaxy Buds 2 passano da iFixit: la riparabilità non è il loro forte

Ma la situazione è lievemente migliorata rispetto al modello Pro
Le Galaxy Buds 2 passano da iFixit: la riparabilità non è il loro forte
Vito Laminafra
Vito Laminafra

iFixit ha finalmente messo le mani su Galaxy Buds 2, le ultime cuffie wireless arrivate in casa Samsung: il precedente teardown di Galaxy Buds Pro non ha dato i risultati sperati, visto che la batteria era saldata, ma con il nuovo modello la situazione è leggermente migliorata (spoiler: la batteria è comunque saldata).

Riuscire ad accedere alla componentistica interna degli auricolari non è semplice: iFixit ha utilizzato una morsa per riuscire a creare un piccolo spazio tra le due parti della scocca in plastica e poi, tramite uno plettro, ha definitivamente separato le due parti. Rispetto al modello Pro, troviamo molta meno colla, probabilmente per via del fatto che hanno un rating IP più basso.

A questo punto, tutti i componenti vengono via facilmente: la scheda logica ha uno solo connettore per può essere staccato senza problemi, ma anche in questo caso la batteria risulta saldata e questo rende più complicata un'ipotetica sostituzione. Con l'aiuto di un asciugacapelli, è possibile riscaldare e quindi rimuovere gli speaker veri e propri.

Molto semplice invece smontare il case: una volta rimossa la parte interna con un pletto, la batteria viene via con estrema facilità dopo aver svitato un paio di viti. In definitiva, il punteggio assegnato alla riparabilità delle cuffie è di 5 su 10.

Commenta