8.2

Tribit FlyBuds 1: cos’altro chiedere per meno di 50€?

Giuseppe Tripodi




Recensione Tribit FlyBuds 1

Recensione Tribit FlyBuds 1 – Nati inizialmente come prodotto di nicchia, gli auricolari true wireless sono diventati un vero standard del settore, con centinaia (migliaia?) di modelli disponibili. Questa diversificazione ha portato anche una stratificazione dei prezzi, al punto che oggi troviamo modelli da poche decine di euro.

LEGGI ANCHE: Migliori auricolari wireless

È il caso anche di queste FlyBuds 1, nuovi auricolari di Tribit, azienda che abbiamo imparato a conoscere e apprezzare per il rapporto qualità/prezzo dei suoni dispositivi. Le Tribit FlyBuds 1 costano appena 45€: ne varrà la pena?

Confezione

All’interno della confezione di vendita, oltre il case di ricarica e gli auricolari, troviamo un cavetto USB – USB-C (piuttosto corto), ben 5 paia di gommini aggiuntivi e un laccetto, da legare all’apposita linguetta.

Questo laccetto può essere utile per legare gli auricolari allo zaino o ad un portachiavi: normalmente non mi farebbe impazzire l’idea di lasciare il case degli auricolari appeso, ma la custodia di queste Tribit FlyBuds 1 sembra particolarmente resistente, pronta per essere maltrattata un po’.

Costruzione e comodità

Partiamo proprio dal case, che non ci prova neanche a competere con quelle custodie sottili e fighette in stile AirPods: la custodia di ricarica delle Tribit FlyBuds 1 è nera e tozza, alta più di due dita, difficile da tenere con discrezione nella tasca dei jeans.

D’altra parte, questo case trasmette una grande sensazione di solidità: è robusto e davvero molto solido, con un rivestimento gommato che ne migliora la resistenza agli urti. Difficile immaginare uno scenario in cui questa custodia possa venire danneggiata da una caduta.

La chiusura è magnetica: sollevato il coperchio, troviamo i due auricolari nei loro alloggi e quattro LED bianchi, che indicano lo stato di carica. La porta USB-C per la ricarica si trova sul lato, protetta da uno sportellino. Infine, sul fondo troviamo una sezione circolare: si tratta del pannello per la ricarica wireless: queste FlyBuds 1, infatti, suportano lo standard Qi e per ricaricarle è sufficiente poggiare il case su una basetta. Sempre rimanendo in tema: dato che mancano LED esterni, il case ci avvisa con una piccola vibrazione quando inizia la ricarica.

Gli auricolari sono piccoli e molto leggeri ma, nonostante tutto, possono risultare un po’ fastidiosi alle orecchie dopo un utilizzo prolungato per diverse ore. Questo anche perché le due cuffiette sono identiche tra loro: non c’è una distinzione tra destra e sinistra, gli auricolari sono identici e possono essere indossati indifferentemente.

Questo aspetto risulta comodo sotto certi aspetti (riposizionarle nel case è assolutamente immediato, grazie anche agli ottimi magneti che li riportano subito posizione), ma probabilmente rende gli auricolari leggermente meno ergonomici.

Su ogni cuffietta troviamo un piccolo LED e un pulsante multifunzione, abbastanza facile da premere. Rispetto ai pannelli touch, i pulsanti fisici risultano sempre più “precisi” perché restituiscono un feedback meccanico, ma allo stesso tempo possono risultare fastidiosi, perché richiedono di spingere gli auricolari verso il condotto uditivo. In questo caso, la pressione richiesta per fare clic è abbastanza bassa e non dà troppo fastidio.

Infine, gli auricolari non temono l’acqua (neanche l’immersione completa!): sono infatti dotati di certificazione IPX8, ossia completamente impermeabili.

Funzioni e qualità audio

Parliamo un po’ di suono: i driver da 8,2 mm offrono una qualità audio discreta. Il suono è molto corposo, con bassi piuttosto enfatizzati: d’altra parte, le altre frequenze non suonano male e il risultato è un profilo sonoro dinamico e divertente da ascoltare. La classica V-shaped signature, insomma, che piace a grandi e piccini e compensa eventuali sbavature con il dinamismo delle frequenze: d’altra parte, non stiamo certo parlando di auricolari da audiofili, ricordiamo sempre che queste cuffiette costano appena 45€.

Il Bluetooth è ovviamente in versione 5.0, il che ci permette di utilizzare gli auricolari anche per guardare film, garantendo sincronia tra audio e video.

Per il resto non troviamo funzioni particolari: si tratta di cuffiette che puntano tutto sulla croncretezza, un prodotto affidabile senza spendere un accidente. E sull’affidabilità non c’è molto da dire: gli auricolari non hanno mai perso un colpo, sono sempre stati pronti e collegati con lo smartphone non appena rimossi dalla custodio di ricarica.

Come accennato nel paragrafo precedente, i controlli sono affidati a pulsanti fisici, abbastanza comodi da premere. Le funzioni al clic sono indifferenti per i due auricolari:

  • Clic > Play/Paysa o Rispondi/Chiudi chiamata
  • Doppio Clic > Traccia successiva o Rifiuta chiamata
  • Triplo Clic > Assistente vocale
  • Pressione prlungata > Spegni / Riaccendi l’auricolare

Ad esser sincero non capisco molto il senso di spegnere un auricolare tramite pressione prolungata, ma certamente non dispiace.

L’autonomia è decisamente buona: 6 ore con una singola ricarica, a cui se ne aggiungono altre 30 fornite dal case di ricarica, per un totale di circa 36 ore.

I microfoni sono abbastanza scarsi, come tutte gli auricolari in questa fascia di prezzo: possono andare bene per una chiamata se vi trovate in casa (o comunque in luoghi silenziosi), ma all’esterno catturano molto rumore di fondo. Di seguito una rapida regisrazione eseguita sul balcone di casa (come potete ascoltare, la voce è piuttosto metallica).

Pervedibilmente, le FlyBuds 1 non possono essere connesse a più di un dispositivo contemporaneamente. Inoltre, non avendo un tasto per forzare l’abbinamento Bluetooth, per abbinarle ad un nuovo dispositivo è necessario prima scollegare quello precedentemente connesso.

Prezzo

Il prezzo delle Tribit FlyBuds 1 è davvero ottimo, considerando qualità complessiva ed affidabilità: le trovate a 45€ su Amazon.

Inoltre, fino al 5 giugno,  è possibile approfittare dello sconto esclusivo per i nostri lettori: -25% inserendo il codice sconto

37APFL7K

Con questa promozione, le Tribit FlyBuds 1 vi costeranno circa 33€ e, a questa cifra, diventano davvero un best buy.

Foto

Giudizio Finale

Tribit FlyBuds 1

8.2

Tribit FlyBuds 1

Le Tribit FlyBuds 1 sono degli auricolari solidi ed affidabili, che spiccano soprattutto per il rapporto qualità/prezzo: a soli 45€ (o meno) vi portate a causa delle cuffiette con un suono decente, lunga autonomia e ricarica wireless. Peccato solo che, come sempre in questa fascia di prezzo, i microfoni siano piuttosto scarsi.

di Giuseppe Tripodi
Pro
  • Solide ed affidabili
  • Prezzo contenuto
  • Ricarica wireless
Contro
  • Microfoni scarsi
  • Case un po' ingombrante

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina MobileWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.

  • Giovanni aka Maiti Gion

    Molto interessanti per il prezzo …
    @Giuseppe hai per caso provato come ergonomia in caso di attività sportiva? Si possono usare per correre ad esempio o “ballano” nell’orecchio?

    Sto cercando un paio di auricolari “sportivi”, non so se buttarmi direttamente sui buds+ di samsung che costicchiano o su qualcosa di più economico.

    In passato con questa categoria di prodotti con altri marchi (Aukey, Tws) ho riscontrato scarsa ergonomia (fastidio nelle orecchie) o scarsa qualità di connessione, in pratica ho già preso due o tre auricolari wireless negli anni che sono lì a prendere polvere perché scomodi o di scarsa qualità.

    A me interessa poco l’audio in chiamata, e tutto sommato anche poco le funzioni “smart” ma la qualità sonora, la comodità e stabilità nell’orecchio.

    • peppeuz

      Ciao, le ho usate un po’ durante gli allenamenti in casa.
      Stavano abbastanza salde alle orecchie, ma tieni presente che non sono pensate per lo sport: temo che muovendosi di di più di quanto facessi io, potrebbero sfilarsi

  • Tiwi

    bene non benissimo, a questo prezzo direi che ci stanno