8.5

Samsung Galaxy Watch Active, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione Samsung Galaxy Watch Active

Chi apprezza gli smartwatch probabilmente ha ben chiara la cronostoria dei prodotti Samsung, essendo fra quelli più interessanti e con un percorso abbastanza costante nel tempo. A dispetto della costanza temporale, manca forse un filo logico conduttore, tanto che ancora oggi vengono venduti più modelli di smartwatch Samsung, dai nomi più diversi e le cui differenze sono spesse ignote ai più, se escludiamo dimensioni e design.

Come ogni nuovo lancio anche questo Galaxy Watch Active (lanciato assieme alle Galaxy Buds e a Galaxy S10) ha destato molto interesse. Scopriamolo nella nostra recensione.

LEGGI ANCHE: Miglior smartwatch

7.0

Confezione

All’interno della confezione troviamo un alimentatore magnetico con cavo e connettore USB, ma non un alimentatore dedicato. C’è poi un secondo cinturino in gomma, permettendo di scegliere fra la misura S e quella L.

9.0

Costruzione e Vestibilità

Galaxy Watch Active fa parte di quella linea di smartwatch che non vuole celare la sua tecnologia dietro ad un design più “classico”. È quindi completamente privo di ghiera e ha una forma molto morbida e per questo anche più adatta ad un pubblico femminile, che cerca un prodotto discreto e compatto. Perché per fortuna questo orologio è anche compatto, oltre che estremamente leggero con i suoi 25 grammi di peso. Al polso ce lo si dimentica, se non forse per il suo spessore, ridotto ma non certo al livello degli orologi femminili classici. È realizzato in alluminio e sulla parte frontale abbiamo un bel vetro leggermente curvo, ma nessun orpello di abbellimento. Bello anche il cinturino in gomma in dotazione che ha lo stesso sistema di chiusura (con la punta del cinturino coperta dall’altro lato del cinturino) diventata famosa con l’avvento di Apple Watch. In questo modo non ci sono problemi di aperture involontari ed è particolarmente comodo al polso quando si lavora alla scrivania.

8.0

Hardware

Non ci sono passi in avanti in termine di hardware che rimane sostanzialmente invariato. Abbiamo un processore dual core da 1,5 GHz (immaginiamo il solito Exynos 9110), 768 MB di RAM e 4 GB di memoria interna che può essere utilizzata in parte per trasferire foto o musica da ascoltare offline. La connettività è molto buona: Wi-Fi b/g/n (che si connette in automatico quando è disconnesso dallo smartphone), Bluetooth 4.2, GPS assistito da Glonass e Galileo e anche chip NFC per i pagamenti in mobilità. Abbiamo infine un microfono, ma non uno speaker, escludendoci quindi la possibilità di fare telefonate al polso. Sulla parte inferiore dello smartwatch troviamo un buon sensore di battito cardiaco.

SCHEDA: Samsung Galaxy Watch Active

9.0

Display

Galaxy Watch Active ha uno dei più piccoli display nel mondo degli smartwatch. Ancora più che sugli smartphone però, negli orologi la dimensione del display, anche partendo dal basso può essere un bel vantaggio. In questo specifico caso i 1,1 pollici di questo dispositivo hanno permesso di realizzare uno degli orologi smart più piccoli in circolazione. Abbiamo una risoluzione di ben 360×360 pixel (enorme su uno schermo così piccolo) e tecnologia SuperAMOLED, che garantisce ottimi livelli di luminosità e anche un adattamento automatico (grazie ad un sensore) in base alle condizioni di luce. C’è anche la funzione di always on che però porta giù la batteria più velocemente.

8.0

Software

Come sull’orologio lanciato lo scorso anno, anche qui troviamo Tizen OS di Samsung all’interno di questo orologio. La versione è la 4.0.0.3. A parte qualche aggiustamento estetico, in termini di funzionalità non abbiamo trovato grandi differenze. Trascinando verso il basso abbiamo le scorciatoie rapide, mentre scorrendo a sinistra abbiamo le notifiche dello smartphone e verso sinistra abbiamo i widget rapidi, per accedere a informazioni o comandi nel modo più rapido possibile. Questa navigazione è molto intuitiva ed è la stessa da tempo su Tizen. Tenendo premuto sul quadrante è possibile scegliere fra varie opzioni (tutte molto curate e belle) e modificare alcune opzioni, come il colore e le scorciatoie rapide di alcuni quadranti.

La gestione delle notifiche (se collegata ad uno smartwatch Android) è molto buona e sarà possibile anche rispondere alle notifiche che lo supportano (come WhatsApp e Telegram) tramite messaggi preimpostati (tanti!), emoji, dettatura e tastiera microscopia. Come sempre non funzionano messaggi vocali e foto. Premendo il tasto fisico in alto si va indietro nei menù mentre tenendolo premuto si attiva Samsung Pay. Funziona egregiamente con tutti i POS contactless e vi chiederà di impostare un PIN per il primo utilizzo della giornata (o dopo che ve lo siete levato dal polso). Il tasto in basso permette invece di accedere alla lista delle applicazioni. Queste sono a grandi linee sempre le stesse. Le più interessanti sono il meteo, il calendario, il lettore musicale, le sveglie e un nuovo Samsung Health, con un riassunto ridisegnato e tutti i dati di cui avreste bisogno. Potrete poi ovviamente avviare una sessione di attività fisica dall’orologio. Fra quelle disponibili troviamo: camminata, corsa, ciclismo, escursioni, nuoto (piscina e all’aperto), tapis roulant, cyclette, allenamento a circuito, macchina pesi e ancora decine di altri esercizi. Utilizza poi il GPS del telefono se connesso, oppure quello dell’orologio se in autonomia.

Molto interessante la possibilità di collegare auricolari Bluetooth direttamente all’orologio, sopratutto se abbinato alla possibilità di mettere offline intere playlist di Spotify nel caso foste iscritti al servizio in versione Premium. Un altro paio di funzionalità interessanti: una modalità notte che disattiva in contemporanea l’attivazione con la rotazione del polso e le notifiche e una funzionalità che vi indica il livello di stress e vi guida in esercizi di respirazione. Ovviamente presente anche la funzionalità per tracciare il sonno.

Bene anche il software per smartphone Android che vi permette di gestire con semplicità le notifiche, i quadranti e le app installate. Ottima Samsung Health che mostra in modo chiaro i dati raccolti tramite l’orologio

7.0

Autonomia

Questo Samsung Galaxy Watch Active è dotato di una batteria da soli 230 mAh. Non è certo un quantitativo che possa garantire i risultati del più grande Galaxy Watch, ma riesce comunque a difendersi bene. Riesce a garantire quasi 2 giorni di autonomia (non completi) tenendolo acceso la notte (connesso al Wi-Fi in automatico) e con l’awlays on spento. Da qui potrete considerare un aumento di autonomia spegnendolo la notte (e quindi realizzando tranquillamente due giorni completi), oppure inferiore, ma pur sempre completando la giornata, attivando la modalità always on. Un po’ troppo lenta la ricarica che richiede circa 2 ore per completarsi. Comoda la possibilità di ricaricarlo wireless tramite alcuni caricatori appositi (c’è anche un powerbank!).

7.5

Prezzo

Samsung Galaxy Watch Active è uno dei più economici smartwatch di Samsung di sempre, almeno per quanto riguarda il prezzo di lancio. Parliamo di 249€, nell’unica versione disponibile. Potete acquistarlo su Amazon, leggermente scontato (controllate il box sotto), oppure su ePRICE, che già lo vende a 227€.

Foto

Giudizio Finale

Samsung Galaxy Watch Active

8.5

Samsung Galaxy Watch Active

Samsung Galaxy Watch Active non è una rivoluzione ma ha un paio di punti a suo favore rispetto ai suoi "fratelli", fra questi il prezzo di lancio e le dimensioni più contenute che potranno avvicinare anche un pubblico fino ad ora ignorato a questo mondo.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Compatto e leggero
  • Bel display
  • Si ricarica wireless
  • Prezzo di lancio non troppo alto
Contro
  • Autonomia non sconvolgente
  • Poche novità
  • Ricarica lenta
  • Bixby solo in inglese

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina MobileWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.

  • Tiwi

    preferisco il watch classico, almeno a questo prezzo

  • Internet Manager

    Preferisco la versione classica del watch o addirittura del frontier, inoltre meno autonomia, assenza dello speaker, non possibile rispondere al telefono gli da il colpo di grazia…..
    Per 50 euro in più non ne vale la pena….

  • Ciaoiphone4

    Tu che hai avuto la possibilità di provare anche Apple Watch, essendo comunque smartwatch legati a sistemi operativi mobili diversi (iOS e Android), cosa pensi di uno piuttosto che dell’altro? Quale è meglio secondo te?

  • arma988

    Sapete se questa versione del software arriverà anche sui Galaxy watch?

  • Fafner

    Per quello che serve a me da uno smartwatch (che mi segni l’ora, che mi segnali le notifiche e che non mi chieda di ricaricarlo ogni 2 giorni), l’Huawei Watch GT, pur con tutte le sue limitazioni, va benissimo.