Recensione Samsung Galaxy Watch 4: "ora con più Google" (foto e video)

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Recensione Samsung Galaxy Watch 4 (44mm)

Questo nuovo Watch 4 è il nuovo smartwatch di Samsung che in qualche modo è un po' anche il punto di svolta dell'azienda in questo campo. Non solo unisce in una sola serie Watch e Watch Active, ma cambia anche il sistema operativo, andando quindi a prendere una direzione completamente nuova rispetto al passato. Scopriamolo nella recensione completa.

PRO

  • Hardware completo
  • Software ricco di funzionalità
  • Con il Play Store e le app Google
  • Bel display

CONTRO

  • Per adesso niente assistente Google
  • Autonomia di un giorno
  • Google Pay non impostabile sul tasto fisico
  • Non compatibile con iOS

Confezione

Come sempre all'interno della confezione oltre all'orologio troviamo oltre al prodotto stesso, anche il caricabatteria magnetico con connettore USB, ma senza alimentatore. Quantomeno il cavo è abbastanza lungo, permettendovi di posizionarlo agevolmente ovunque vorrete.

Costruzione e Vestibilità

In questa recensione analizzeremo nel dettaglio la versione "base" di Galaxy Watch 4, disponibile nel taglio da 40 e 44 millimetri. Esiste poi anche la variante Classic in acciaio con la ghiera girevole, da 42 e 46 millimetri, ma le specifiche vanno di pari passo. Dal punto di vista di design questo Watch 4 è abbastanza semplice, forse un po' meno aggraziato dell'ultimo Watch Active 2 da cui si ispira, ma comunque con linee moderne e due tasti fisici sul lato destro con un buon feedback alla pressione. Ovviamente ancora una volta è IP68 e resiste all'immersione fino a 5ATM. La variante da noi provata ha un cinturino che non si piega completamente verso il basso rendendolo forse non perfetto per i polsi più esili. Ma è un problema da poco: basta cambiare cinturino.

Hardware

Samsung Galaxy Watch 4 è indubbiamente uno degli smartwatch più completi dal punto di vista dell'hardware. Abbiamo un processore Exynos W920, 1,5GB di RAM e ben 16 GB di memoria interna per musica, foto e app. Ottima la connettività: Wi-Fi, Bluetooth, GPS+GLONASS e anche (ovviamente?) il chip NFC per i pagamenti. Sarà poi disponibile anche una variante LTE con eSIM, ma solo dell'operatore TIM (al momento). Sulla parte inferiore troviamo il sensore del battito cardiaco e dell'ossigenazione del sangue, oltre ai nuovi sensori che permettono di calcolare la composizione corporea e l'ECG. In tutto ciò non mancano microfono e speaker, per l'assistente vocale, per la dettatura dei testi e anche per rispondere alle telefonate. La qualità è più che buona per un ambiente silenzioso, ma solo appena sufficiente in un ambiente più rumoroso.

Display

Ottimo lo schermo da 1,2 pollici in tecnologia SuperAMOLED e risoluzione di 396 x 396 pixel. È perfettamente visibile alla luce del sole e supporta senza problemi la regolazione automatica in base alle condizioni di luce ambientali. Non manca poi il supporto anche per l'always-on display. La variante che noi abbiamo provato ha anche la ghiera touch per scorre i menù, ma in realtà è solo un modo molto intelligente per giustificare la cornice esterna che c'è, si vede, ma comunque non è enorme. Navigare con il classico scorrimento del dito rimane ancora l'opzione più semplice.

Software

Ad un primo impatto si potrebbe credere che Watch 4 utilizzi ancora il software Tizen delle precedenti versioni, ma in realtà non è così. Si tratta infatti dell'ultima versione di Wear OS con sopra l'interfaccia personalizzata One UI. Un bel passo in avanti verso una maggiore uniformità, che avvantaggia tutti. Il funzionamento è in sostanza identico: widget a destra, notifiche a sinistra, pannello dei comandi rapidi dall'alto e app dal basso. Tutte le funzioni che avevamo in precedenza le abbiamo anche qui, dimostrando come Samsung abbia lavorato egregiamente con Google per avere la migliore esperienza d'uso possibile. Un esempio è l'ottima gestione delle notifiche, perfettamente sincronizzate con lo smartphone e a cui si può rispondere con tutti i metodi possibili: dettatura vocale, tastiera, emoji, disegnando le lettere o con i messaggi predefiniti. Abbiamo la visualizzazione delle immagini nelle app che lo supportano e non dei messaggi vocali. Proprio come su tutti gli altri Wear OS.

Guadagniamo poi il Play Store, con le sue app compatibili. Ad essere del tutto onesti non moltissime e non molte più di quelle Galaxy Store. Abbiamo app come Spotify (ma solo per il controllo remoto), Shazam, Stocard e Todoist. Ma soprattutto abbiamo app Google come Maps (con la navigazione al polso), Keep e Google Pay. Quest'ultimo può essere sfruttato per i pagamenti mobili al polso, ma può essere messo come avvio rapido solo sulla doppia pressione del tasto (ma non sulla pressione prolungata). L'assistente Google era stato promesso, ma non al lancio. Speriamo possa arrivare presto, anche se ovviamente è difficile dirlo. Sicuramente il sistema è anche più scattante degli altri Wear OS: cosa non da poco.

Bene anche tutta la parte di fitness e salute. Oltre 90 sport fra cui scegliere con definizione degli obiettivi e traccia GPS per gli sport all'esterno. Il GPS si aggancia molto velocemente e i dati del fitness sono molto buoni, fra i migliori per precisione di questa tipologia di prodotti. Abbiamo poi le notifiche di inattività, il rilevamento automatico dell'attività fisica, il calcolo dello stress automatico, gli esercizi di respirazione e il rilevamento di caduta. Non manca il tracciamento del sonno e durante la notte anche il calcolo dell'ossigenazione del sangue. Punto distintivo è anche la presenza della misurazione della composizione corporea e dell'ECG. Questi dati vanno presi ovviamente con le pinze e se si vuole avere un dato professionale ovviamente bisogna rivolgersi ad un medico, ma può comunque essere uno strumento utile per avere una prima indicazione di massima.

La quantità di opzioni poi gestibili tramite l'applicazione per smartphone è quella degli smartwatch Tizen, ovvero decisamente superiore a quella dei classici Wear OS. Vi consigliamo di scorrere la galleria di screenshot qui sopra per farvi un'idea.

Autonomia

La batteria da 247 mAh della versione da 40 millimetri garantisce circa poco più di una giornata di autonomia (includendo una notte di sonno). Un risultato non certo eccezionale, ma purtroppo in linea con questo tipo di prodotti. Purtroppo la ricarica non è velocissima e impiega poco più di 1 ora e mezza. Dipenderà dalle vostre abitudini ma per noi alla fine è stato più comodo caricarlo la notte rinunciando al tracciamento del sonno. Un'ora di utilizzo del GPS consuma fra il 10 e il 15% di batteria.

Prezzo

Samsung Galaxy Watch 4 ha un prezzo di partenza di 269€ che diventano 299€ per il modello più grande. Salgono rispettivamente a 319 e 349 euro per i modelli LTE. I prezzi delle versioni Classic sono 369€ e 399€ per le versioni Wi-Fi e 419€ e 449€ per quelle LTE. Prezzi inferiori di una cinquantina di euro rispetto ai corrispettivi smartwatch che vanno a sostituire. E non possiamo che applaudire questa scelta.

Per chi acquista fino al 5 settembre ci sarà un buono del valore di 70€ da riscattare per l'acquisto su qualsiasi modello.

Foto

Giudizio Finale

Samsung Galaxy Watch 4

Samsung Galaxy Watch 4 non cambia le carte in tavola, ma in ogni caso è probabilmente la migliore soluzione da accompagnare a smartphone Android in circolazione. È ben costruito, con un ottimo display, connettività completa, buon tracciamento della salute e soprattutto il software più completo e funzionale in circolazione. Se venivate da Tizen non sentirete la mancanza (temporanea?) dell'assistente Google. L'autonomia è sempre quella purtroppo, ma su questo non sembrano esserci scappatoie.

Sommario

Confezione 7

Costruzione e Vestibilità 9

Hardware 9

Display 9

Software 8.5

Autonomia 7

Prezzo 7.5

Voto finale

Samsung Galaxy Watch 4

Pro

  • Hardware completo
  • Software ricco di funzionalità
  • Con il Play Store e le app Google
  • Bel display

Contro

  • Per adesso niente assistente Google
  • Autonomia di un giorno
  • Google Pay non impostabile sul tasto fisico
  • Non compatibile con iOS

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vive nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Se potesse vivrebbe anche in un mondo di Lego e in uno di musica elettronica.
Samsung Galaxy Watch 4 (40mm)

Samsung Galaxy Watch 4 (40mm)

  • Display 1,2" 396 x 396 PX
  • Fotocamera
  • Frontale
  • CPU dual 1.2 GHz
  • RAM 1.5 GB
  • Memoria Interna 16 GB Espandibile
  • Batteria 247 mAh
  • Android
Samsung Galaxy Watch 4 (44mm)

Samsung Galaxy Watch 4 (44mm)

  • Display 1,4" 450 x 450 PX
  • Fotocamera
  • Frontale
  • CPU dual 1.2 GHz
  • RAM 1.5 GB
  • Memoria Interna 16 GB Espandibile
  • Batteria 361 mAh
  • Android

Commenta