7.8

Geneva Touring XS, speaker costoso ma di classe

Giuseppe Tripodi




Recensione Geneva Touring xS

Geneva Lab è un nome che potrebbe non dirvi molto, a meno che non siate appassionati di audio e/o design. Al contrario, se siete audiofili con un gusto per lo stile retrò, gioite: potreste aver trovato il vostro regalo di Natale. Geneva Touring xS è uno speaker Bluetooth ricercato e di classe, ma decisamente non pr tutte le tasche.

8.0

Costruzione

Sulle pagine del sito di Geneva Lab, in merito al design si legge: we’re Swiss, precision engineering is what we do. E mi sembra un’ottima frase con cui iniziare a parlare di qualità costruttiva del Touring xS. Lo speaker è costruito incredibilmente bene e già da una prima occhiata si avverte la qualità dei materiali, la ricercatezza del design, lo studio dietro il prodotto.

Geneva Touring xS è realizzato in alluminio ed ecopelle: il metallo costituisce la base e la parte superiore dello speaker, dove troviamo incastonata la rotella per accendere e regolare il volume, anch’essa in alluminio e con una gradevole zigrinatura sul bordo. Dal clic di scatto che la rotellina fa quando passa da spenta ad accesa alla trama dell’ecopelle, ogni dettaglio è ben studiato e trasmette la ricerca di un design funzionale e dal gusto retrò.

Sul retro troviamo un radiatore passivo (e vederlo vibrare con i bassi è un vero piacere) e una piccolo riquadro in cui sono racchiusi connettore microUSB per la ricarica, connettore per il jack audio (non incluso nella confezione) e tasto per l’accoppiamento Bluetooth.

Purtroppo lo speaker non abbiamo alcun tipo di protezione a liquidi (e neanche a polvere o cadute, ma questo è un aspetto secondario): un po’ un peccato, considerando anche che il Touring xS non è esattamente un prodotto economico.

Una gradita sorpresa nel contenuto della confezione: otlre l’ottimo cavo USB-microUSB, lungo un metro e mezzo e rivestito in tessuto, troviamo anche un alimentatore, solitamente non incluso con gli speaker. D’altra parte, manca purtroppo il jack audio per collegarlo in maniera analogica.

7.7

Funzioni e qualità audio

Se dovessimo valutare solo le funzioni di questo speaker, il voto di questo paragrafo sarebbe decisamente più basso: oltre la rotella, che serve sia per accendere il dispositivo che per regolarne il volume, non c’è alcun tipo di tasto per il controllo multimediale. Questo vuol dire che dallo speaker non è possibile cambiare traccia, mettere in Play/Pausa né tanto meno richiamare gli assistenti vocali. Inoltre, mentre tutti i modelli più grandi della serie Touring integrano radio FM e DAB+, qui non abbiamo nulla del genere.

Per fortuna, la scarsa dotazione in termini di funzioni viene compensata da una buona qualità audio. All’interno del Touring xS abbiamo due driver da 40 mm, che garantiscono una risposta in frequenza da 60 Hz a 20 KHz. Il risultato è un audio pulito e gradevole, che però dà il suo meglio a volumi moderati.

A volume medio sono rimasto sorpreso dai bassi corposi e avvolgenti, che mi hanno piacevolmente stupito considerando le dimensioni ridotte dello speaker. Tuttavia, portando il volume al massimo la qualità dei bassi perde un di mordente e risulta decisamente più impastata.

I medi sono particolarmente buoni: valorizzano molto le voci e restituiscono un suono caldo e pulito. Per quel che riguarda le frequenze alte, invece, risultano abbastanza buone a volume medio (molto precisi, sempre considerando le dimensioni), ma alzando al massimo si avvertono alcune distorsioni.

In ogni caso, nulla di troppo grave: la qualità sonora rimane complessivamente molto buona, specialmente considerando che parliamo di uno speaker lungo solo 17 cm e spesso 4,5 cm.

Tra le funzioni che vale la pena segnalare c’è lo spegnimento automatico: anche se vi dimenticate la rotellina a metà volume, dopo alcuni minuti di inutilizzo lo speaker si spegnerà da solo. Da persona molto distratta, apprezzo sempre chi si preoccupa di non far scaricare inutilmente la batteria, nonostante la mia testa per aria.

Molto buona anche l’autonomia: ben 20 ore con una singola ricarica. Non conosciamo la dimensione della batteria, ma dev’essere piuttosto generosa, anche perché questo si riflette anche nel peso non proprio ridotto: 725 grammi.

Il Bluetooth è alla vecchia versione 4.1, ma la connessione risulta stabile e non ci ha mai dato nessun problema nell’utilizzo quotidiano.

Merita una menzione d’onore la rotella con cui accendere la cassa e regolare il volume: l’esperienza utente è veramente ottima, ruotandola ci si sente lanciati in un’altra epoca, decisamente molto più analogica dei nostri giorni.

6.0

Prezzo

Geneva Touring xS è disponibile in quattro colorazioni, bianca, marrone, nero e rosso, ed il prezzo di listino è di 149€. Su Amazon è possibile trovare la variante bianca a 111,75€, ma anche con questa riduzione non si può certo dire che si tratti di un dispositivo economico.

Foto

Giudizio Finale

Geneva Touring xS

7.8

Geneva Touring xS

Il Geneva Touring XS non è certamente uno speaker economico, anzi, ma se la spesa non vi spaventa, vi porterete a casa una cassa dal design retrò ricercatissimo, realizzata con ottimi materiali e con una buona qualità audio.

di Giuseppe Tripodi
Pro
  • Design ricercato e materiali di qualità
  • Ottima autonomia
  • Buona qualità sonora
Contro
  • Prezzo elevato
  • Nessun controllo multimediale (impossibile mandare in Play/Pausa o cambiare canzone)
  • Nessuna protezione da liquidi o polvere