8.0

FLIR ONE Pro, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti




Recensione FLIR ONE Pro

FLIR è un brand molto forte per quanto riguarda il mondo della rilevazione termica. Uno dei suoi prodotti più interessanti è sicuramente ONE, adesso giunto nella sua terza generazione e di cui noi proviamo la variante Pro.

Si tratta di un piccolo gadget, fornito di custodia per il trasporto, da collegare al proprio smartphone. Integra un connettore USB-C ed è in vendita anche una variante con il connettore Lightning per iPhone. Una delle cose per cui si fa apprezzare fin da subito è la presenza di una piccola rotella che permette di estendere la lunghezza del connettore. questo vi permetterà non solo di far aderire perfettamente il prodotto allo smartphone, ma anche di poterlo collegare anche a smartphone dotati di cover.

Sul lato lungo esterno troviamo il connettore USB-C che permette di caricare la sua batteria interna, che garantisce circa un’ora di autonomia complessiva. Sempre sullo stesso lato c’è anche il tasto di accensione. L’applicazione per smartphone Android e iOS è gratuita e funziona a dovere, seppur avendo un’interfaccia non sempre intuitiva e in vari casi un po’ macchinosa. Il fatto che i menù non ruotino ruotando il telefono poi non aiuta. Fin dalla connessione potrete iniziare a osservare le misurazioni termiche attorno a voi, rilevando i punti più caldi ed i punti più freddi. Il tutto è mostrato grazie al mix delle immagini provenienti dal sensore classico e quello termico, con risoluzione di 160 x 120 (abbastanza alta per la tipologia).

La gamma cromatica si adatterà in automatico al punto più freddo e più caldo dell’immagine, per mostrare più variazioni possibili ed possibile misurare temperature da -20° a 400° (anche questo è un ottimo valore). Potrete invece a scelta impostare il range massimo e poi cambiare le palette colori, utile per evidenziare situazioni differenti. Infine potrete bloccare il range di valori con quello inquadrato al momento o ribaltare la visuale in caso di selfie (essendo USB-C potete inserirlo in entrambi le direzioni).

L’immagine, sopratutto quando mixata con quella della fotocamera principale è nitida e potete aggiungere più informazioni inserendo rilevazioni di temperatura: puntuali, oppure mediati in un area quadrata o circolare. Il tutto poi potrà essere salvato come foto, video (Full HD) o timelapse. Non abbiamo rilevato problemi se non, durante video più lunghi una tendenza a “resettare” il rilevamento e ripartire con uno scarto di qualche secondo, rendendo impossibile quindi creare un video senza “interruzioni”.

Le applicazioni di questo dispositivo sono molteplici e tutte ovviamente, visto il prezzo di vendita, per i professionisti. Architetti, muratori, tecnici, ingegneri sono solo alcune categorie. Potrete trovare una perdita, trovare un tubo o rilevare se ci sono animali nel vostro giardino. Anche al buio completo.

L’autonomia è sufficiente e vi garantirà circa 1 ora di utilizzo. Sufficiente per la maggior parte di utilizzi. Dopodiché andrà ricaricato tramite il connettore USB-C.

FLIR ONE Pro ha un prezzo di 486€ sul sito ufficiale, che diventano 469€ su Amazon. Si tratta sicuramente di un prezzo importante, ma più contenuto rispetto ad altri strumenti professionali che restituiscono un risultato simile. Il vantaggio è poi quello di avere l’immagine o il video pronti già sul proprio smartphone, con multipli posizionamenti di indicatori di temperatura.

Giudizio Finale

FLIR ONE Pro

8.0

FLIR ONE Pro

FLIR ONE Pro è un prodotto incredibile e stupefacente. Funziona bene, nonostante il software non proprio "moderno". È uno strumento per professionisti e in quest'ottica il prezzo, sicuramente alto, è giustificato.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Compatto e tascabile
  • Ottimo risultato
  • Risoluzione più alta di altri prodotti
  • Si può utilizzare con le cover
Contro
  • La versione USB-C e iPhone sono diverse
  • L'app potrebbe essere aggiornata
  • L'autonomia non supera l'ora di utilizzo
  • Tiwi

    insomma, buona, qualcosina da migliorare. però non è male