8.3

Recensione Fitbit Sense: ci tiene alla vostra salute (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione Fitbit Sense

Fitbit ha aggiunto un nuovo indossabile alla sua linaa di prodotti: si chiama Sense e si aggiunge ai prodotti già esistenti portando però avanti una nuova filosofia sempre più incentrata sulla salute e integrando nuovi sensori affinché questa possa essere tracciata al meglio.

LEGGI ANCHE: Migliori smartwatch

7.5

Confezione

Fitbit è una delle poche aziende che ha l’accortezza di includere spesso un secondo cinturino di diversa misura per garantire la soluzione migliore a tutti, in base alla dimensione del proprio polso. Oltre a questo troviamo ovviamente anche il caricatore che adesso è completamente magnetico e non più “a pinza” come nei precedenti modelli.

8.5

Costruzione ed Ergonomia

Il design di Sense è estremamente simile a quello della famiglia Versa: è pulito ed elegante e permette allo smartwatch di essere anche comodo e leggero. I cinturini hanno ora un nuovo sistema di aggancio e sgancio magnetico molto più pratico rispetto al passato, pur adottando una soluzione proprietaria. L’orologio è realizzato in acciaio per la cornice e in policarbonato per la parte inferiore. Resiste all’acqua per immersioni fino a cinque atmosfere. Comodo il cinturino in dotazione, che rimane sempre saldo e non da fastidio quando utilizza a lungo stando alla scrivania al computer.

9.0

Hardware

L’hardware di questo Sense è simile a quello degli altri modelli del passato, se escludiamo la parte di sensoristica per la salute. Abbiamo il Wi-Fi per l’aggiornamento del firmware, il Bluetooth per la connessione allo smartphone e anche il chip NFC per i pagamenti tramite Fitbit Pay. Inferiormente troviamo i sensori per il battito cardiaco e quelli per il calcolo dell’SpO2, associati ora ad altri componenti che permettono di calcolare l’umidità della pelle e la temperatura esterna. Altri componenti sono invece inclusi nella scocca dell’orologio e permettono di calcolare anche un ECG: una bella novità sul mercato europeo (dove Samsung e Amazfit non hanno mai ottenuto le certificazioni). Presente il GPS per il tracciamento della posizione durante l’attività fisica. Non mancano infine un microfono e un piccolo speaker. Non siamo invece molto felici della scelta di abbandonare il tasto fisico laterale per uno virtuale: non comodissimo.

9.0

Display

Cresce anche la dimensione del display che è ora da 1,58 pollici, in tecnologia AMOLED e con risoluzione di 36 x 366 pixel. È ben visibile all’esterno anche nelle giornate assolate e può essere risvegliato con semplicità ruotando il polso. Si può anche scegliere di attivare una modalità di always-on che mostrerà sempre l’orario, anche senza necessità di sbloccare lo schermo. La luminosità infine è molto buona e si regola correttamente in automatico.

8.5

Software

Sense arriva sul mercato con una versione completamente ripensata del suo OS. Abbiamo ora FitbitOS 5 che ripensa in parte anche la disposizione dei vari menù. Dal quadrante principale è possibile scorrere verso destra per accedere ad un pannello di scorciatoie, dove troviamo quella molto comoda per il sonno, che disabiliterà in automatico l’accensione con il movimento del polso e attiverà la modalità non disturbare. Scorrendo verso il basso si apriranno le ultime notifiche: vengono mostrate in modo chiaro e gli emoji compaiono correttamente. Non è possibile invece guardare le foto delle chat o ascoltare i messaggi vocali. È però possibile rispondere a queste notifiche usando la dettatura vocale, oppure utilizzando dei messaggi preimpostati, oppure delle emoji. La possibilità di ottenere input vocali vi permetterà anche di accedere ad Alexa e entro fine anno anche a Google Assistant (Fitbit è pur sempre un’azienda Google!). Scorrendo verso l’alto troviamo il riepilogo della giornata, con informazioni sullo stato dell’attività fisica, del meteo o del rilassamento.

Il tasto fisico permette di accedere alle app rapide con una doppia pressione o ad una app preferita con la pressione prolungata. Accedendo alla lista di tutte le app installate troviamo una nuova funzione denominata Scansione EDA che vi permetterà di fare una scansione del vostro stato fisico basandosi sull’attività elettrotermica, ovvero tracciando, fra le altre cose, anche la sudorazione. Si può eseguire una scansione rapida di 2 minuti, oppure una più lunga, con una voce guida che vi permette anche di rilassarvi e recuperare energie e concentrazione. Abbiamo poi ovviamente il menù dell’allenamento con tantissimi sport disponibili, personalizzabile con gli obiettivi o con le informazioni che si vuole vedere durante l’attività sportiva. Non mancano sveglia, timer, meteo, esercizi di respirazione e agenda. Potrete pagare con le banche compatibili con Fitbit Pay e anche modificare i quadranti direttamente dall’orologio. Bizzarra la scelta di associare la scansione dell’SpO2 notturna ad uno specifico quadrante. Non c’è per esempio un’app per calcolarla puntualmente a richiesta.

Infine troviamo l’integrazione con Fitbit Coach per gli allenamenti, Alexa e il controllo musicale di Spotify e Deezer, ma purtroppo non l’ascolto indipendente dallo smartphone. Insieme a Google Assistant l’azienda pianifica di introdurre la risposta alle telefonate direttamente dall’orologio entro fine anno.

A chiudere il cerchio delle possibilità offerte dall’orologio troviamo l’ECG. Richiede 30 secondi e al termine ci verrà data un’indicazione se è stata rilevata qualche irregolarità cardiaca. Dall’applicazione è possibile esportare un PDF per il vostro medico. Tutto il sistema su Fitbit Sense sembra molto completo, ma non particolarmente fluido. Non ci sono mai dei veri blocchi, ma l’interfaccia a volte non risponderà rapidamente come speravate ai vostri tocchi. Speriamo che questo possa essere risolto con un aggiornamento.

L’applicazione per smartphone è ormai un hub sempre più ricco di informazioni sulla vostra salute e qui potrete anche avere informazioni complete su come avete dormito. Il nuovo menù dedicato alla salute contiene poi tante metriche interessanti che prima non erano disponibili, come la variabilità del battito cardiaco, la velocità di respirazione e la variazione della temperatura della pelle. Tutti questi dati vengono raccolti durante la notte. Sono dati interessanti, anche se sospettiamo che portino poco valore aggiunto a chi non sappia bene come interpretarli. Ci sono degli spunti nell’app, ma speriamo in futuro di trovare un nuovo riassunto nell’app Fitbit che provi a spiegare meglio cosa succede al nostro corpo. Certo, siamo lontani (per fortuna?) da quando le app sostituiranno i medici, ma Fitbit forse potrebbe osare anche di più, visto tutti i dati raccolti. E poi ovviamente abbiamo la traccia dell’attività fisica (con tantissimi dati) e vari percorsi guidati, sia di respirazione/relax che di allenamento. Non entreremo nel dettaglio di ogni possibilità, ma vi invitiamo a guardare il nostro video per avere un’idea ancora più completa. I dati che raccoglie (almeno quelli verificabili) sono sempre molto precisi.

Ricordiamo però che Fitbit Premium abilita alcune delle funzioni di cui abbiamo parlato sopra e che quindi bisognerà considerarne l’attivazione (dopo i 6 mesi gratuiti) per sfruttare al meglio Fitbit Sense.

8.0

Autonomia

Fitbit Sense ha una batteria che gli permette di durare senza interruzioni per circa 5 giorni (e 4 notti). Attivando l’always-on display questa autonomia si abbassa a circa 3 giorni. L’utilizzo del GPS ovviamente incide maggiormente. Un utilizzo di circa un’ora influisce per circa l’8% sulla batteria.

6.5

Prezzo

Fitbit Sense viene venduto a 329€ e questo prezzo include anche 6 mesi di Fitbit Premium. Il prezzo è indubbiamente importante, ma è anche vero che l’hardware di questo dispositivo non è presente in praticamente quasi nessun altro orologio in commercio. Fitbit Sense è disponibile su Amazon. Controllate il box a seguire per eventuali ribassi di prezzo.

Foto

Giudizio Finale

Fitbit Sense

8.3

Fitbit Sense

Fitbit Sense è probabilmente "troppo" per molti, anche considerando il prezzo. Tanti potrebbero accontentarsi del Versa 2 o 3. Ma è anche vero che ad oggi nessun orologio è davvero così tanto orientato al mondo della salute, superando di tanto la concorrenza. La piattaforma Fitbit è ormai matura e ricca di dati e Fitbit Premium è un servizio utile e completo. Speriamo in una possibilità di vedere meglio lo stato della salute complessivo dell'app e in un aggiornamento che velocizzi il sistema.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Nuovi sensori per misurare lo stato di salute
  • Comodo e sottile
  • Buon display
  • Rilevamento preciso
Contro
  • Prezzo alto
  • Musica Spotify non offline
  • La risposta alla notifiche è solo per Android
  • Sistema non fluidissimo

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina MobileWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.

  • Sam

    Un po’ costoso ma è un bellissimo healthwatch. L’unica cosa che mi rende dubbioso è la SpO2 di notte. Una mia collega sta lavorando ad una cosa simile e sta uscendo pazza per riuscire a prenderla di notte (pur non avendo la limitazione del posizionamento sul polso)

  • Tiwi

    poteva essere migliore, specie per quel che costa..insomma

  • 🍄Acida Lisergica🍄

    Per carità, per adesso è no! Senza tasti touch, laggoso, alcune funzionalità che non servono, 10 euro di abbonamento al mese per le funzioni premium, che poi premium de che? … non ci siamo. Forse con futuri aggiornamenti e un prezzo più basso magari ci può stare.