Chuwi Hi12 dual boot, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Il mondo dei tablet dual boot è abbastanza nebuloso e sono pochissime le aziende (tutte cinesi) che si lanciano in questa avventura. Fra queste c'è sicuramente Chuwi con il suo Hi2, tablet da ben 12 pollici con Android 5.1 e Windows 10.

PRO

  • Ben 4 porte USB classiche
  • Tastiera comoda
  • Ampio e luminoso display
  • Switch semplice fra i due sistemi

CONTRO

  • Touchpad poco preciso
  • Layout della tastiera in inglese
  • Ricarica lenta
  • Il tablet "dondola" un po' rispetto alla tastiera

Confezione

La confezione di Hi12 non è particolarmente generosa e al suo interno troviamo solo il tablet, il cavo USB-microUSB e l'alimentatore a 5V/3A. La tastiera è da acquisatre a parte e viene inviata in una confezione separata.

Costruzione ed Ergonomia

Hi12 è un tablet da 12 pollici e come tale non è sicuramente il prodotto che volevate se stavate cercando qualcosa di estremamente portatile. Ma detto questo il lavoro fatto da Chuwi per questo tablet è comunque molto buono, considerando il fatto che il tablet stesso è dotato di un hardware importante e di porte USB standard. Lo spessore è contenuto a soli 8,9 millimetri ed è invece il peso (860 grammi) a farsi sentire e a rendere Hi12 un prodotto "importante". Questo peso deriva però anche da una qualità costruttiva superiore alla media, essendo il tablet interamente realizzato in metallo.

Lo stesso non si può dire della tastiera, che è invece realizzata interamente in plastica, leggermente morbida, piacevole al tatto e che non trattiene le impronte. Il peso è importante (circa altri 800 grammi) e serve però a tenere il tablet saldo senza farlo ribaltare. L'aggancio è solido ma l'alloggiamento del tablet fa comunque un po' di gioco e "dondola" se solleviamo il 2-in-1 dalla scrivania. La tastiera è di buona qualità, i tasti sono ben distanziati e hanno una buona corsa. Non sono retroilluminati e purtroppo la tastiera è disponibile solo con il layout americano. Bocciato invece il touchpad, piccolo e poco preciso. Meglio munirsi di un mouse Bluetooth (o con adattatore). Altre due porte USB sono disponibili sulla dock, che non richiede di essere alimentata o ricaricata.

Hardware

All'interno di Chuwi Hi12 troviamo un processore Intel Cherry Trail Atom X5 Z8300 quad core da 1,84 GHz, mentre la RAM ammonta a ben 4 GB (DDR3). La memoria interna è di 64 GB ed è partizionata in modo che Android abbia circa 10 GB e Windows i restanti (di cui disponibili circa 27). La Wi-Fi è b/g/n e la sua stabilità e velocità ci sono sembrati un po' altalenanti, ma comunque abbastanza in linea con altri prodotti simili. Presente anche il Blutooth 4.0 (molto stabile) e un led di notifica, funzionante però solo per indicare la ricarica in corso. Buoni i due speaker, che offrono un volume corposo anche se non di particolare qualità.

Sempre parlando di connessioni Hi12 offre un alloggiamento microSD (consigliato il suo utilizzo per condividere file fra le partizioni), una uscita video microHDMI e ben 4 porte USB, due sulla tastiera e due sul tablet, di cui una di tipo 3.0.

Fotocamera

Le due fotocamere sono da 5 e 2 megapixel. Non ci soffermiamo troppo su questo dettaglio vista l'oggettiva scomodità nel fotografare con questo dispositivo. In ogni caso possiamo dire che la qualità è più che sufficiente per un prodotto simile, ma non vi aspettate di poterlo usare per le foto della vostra vacanza.

Display

Il display da ben 12 pollici ha una risoluzione 2K, ovvero 2160 x 1440 pixel nel particolare formato 3:2 (una via di mezzo fra il 4:3 e il 16:9) particolarmente gradevole. La luminosità è buona e spazia in un range molto ampio ma purtroppo non dispone della regolazione automatica e sulla tastiera non c'è una scorciatoria per la regolazione rapida della stessa. Consigliamo poi la rimozione della pellicola preapplicata che trattiene molto le impronte. Si tratta nel complesso di un buon display per un prodotto economico e di tale risoluzione, benché gli angoli di visione siano solo buoni, anche a causa della distanza del display dal vetro esterno.

Software

Potrete scegliere all'avvio se avviare Windows o Android. La selezione può essere fatta entro i primi 10 secondi utilizzando il bilanciare del volume o la tastiera. Se nessuna selezione viene fatta viene avviato l'ultimo sistema operativo utilizzato. Da entrambi gli OS c'è una scorciatoia per riavviare sull'altro sistema operativo.

Android

Android è disponibile alla versione 5.1 ed è in una variante totalmente stock. Chuwi preinstalla qualche app in cinese che è possibile rimuovere. Il drawer sfrutta malamente lo spazio disponibile e noi abbiamo subito installato un launcher alternativo. Il sistema riesce ad eseguirsi in modo soddisfacente e si riesce ad utilizzarlo come un classico tablet Android senza particolare problema. Non ci sono altre personalizzazioni di Chuwi all'interno di questo tablet, ma confermiamo il pieno supporto alla tastiera e agli accessori più classici, come chiavette USB o mouse Bluetooth.

Windows

Windows 10 è disponibile su questo tablet alla versione Home 64 bit. Come per Android anche qui non ci sono personalizzazioni del produttore. Il sistema si presenta quindi come una classica sessione di Windows 10 in modalità desktop. Si riesce ad utilizzare agevolmente con un mouse esterno e la sua tastiera, ma scrodatevi di utilizzarlo con il touchpad integrato, decisamente troppo poco preciso.

Autonomia

La batteria da 11000 mAh offre risultati altalenanti. Su Android con un utilizzo intenso fatica a portarvi a fine giornata, risultato che è invece possibile ottenere su Windows. Non indifferenti poi i tempi di ricarica, che superano anche con l'alimentatore in dotazione anche le 6-7 ore.

Prezzo

Chuwi Hi12 viene venduto ad un prezzo molto concorrenziale: solo 205€ su Gearbest, mentre la tastiera costa appena 36€ sempre su Gearbest.

Foto

Giudizio Finale

Chuwi Hi 12 dual boot

Chuwi Hi12 mantiene le promesse: vi farà usare Android 5.1 o Windows 10 senza alcun problema, con prestazioni più che onorevoli per quasi qualsiasi tipo di utilizzo (ma dimenticatevi il gaming). È tutto superiore alla media, ma ricordatevi però che non state comprando un top di gamma dei brand più blasonati e non rimarrete delusi.

Sommario

Confezione 7

Costruzione ed Ergonomia 7.5

Hardware 8

Fotocamera 6.5

Display 8

Software 7

Autonomia 6.5

Prezzo 9

Voto finale

Chuwi Hi 12 dual boot

Pro

  • Ben 4 porte USB classiche
  • Tastiera comoda
  • Ampio e luminoso display
  • Switch semplice fra i due sistemi

Contro

  • Touchpad poco preciso
  • Layout della tastiera in inglese
  • Ricarica lenta
  • Il tablet "dondola" un po' rispetto alla tastiera

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vive nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Se potesse vivrebbe anche in un mondo di Lego e in uno di musica elettronica.

Commenta