Roaming UE: come calcolare i GB all'estero dal 1 luglio 2022

Dal 1° luglio 2022 cambiano le regole del roaming, ecco come cambia la formula per calcolare i gigabyte a disposizione.
Roaming UE: come calcolare i GB all'estero dal 1 luglio 2022
Antonio Lepore
Antonio Lepore

Finalmente è stato raggiunto l'accordo tra le istituzioni europee per estendere per ulteriori 10 anni l'abolizione del roaming a pagamento, sospeso per la prima volta nel 2017. Il nuovo regolamento, che entrerà in vigore da domani (1° luglio), infatti, prolungherà il già esistente "Roam Like Home", in scadenza proprio oggi (30 giugno). I clienti, dunque, potranno continuare a chiamare, ad inviare messaggi ed a navigare su Internet senza sostenere costi aggiuntivi rispetto alle tariffe nazionali. E a proposito di traffico dati, gli utenti avranno più Giga a disposizione rispetto al passato. A riguardo, però, occorre fare un minimo di chiarezza.

Il limite del volume dei dati utilizzabili in Europa sussiste soltanto se si ha un piano telefonico con dati illimitati oppure se si paga meno per un GB di dati rispetto al tetto massimo all'ingrosso, attualmente fissato a 2 euro al Giga più IVA. In Italia, ad esempio, tutti gli operatori telefonici propongono un costo al GB inferiore ai 2 euro. Dunque, l'operatore potrebbe applicare un limite ai dati sfruttabili in Europa. In ogni caso, per calcolare quanti Giga potremmo avere a disposizione all'estero esiste una formula: costo del piano telefonico/costo al GB all'ingrosso moltiplicato per 2.

Formula calcolo GB roaming UE

Una bella notizia, però, è in arrivo. Dal 1° luglio, il costo del GB all'ingrosso scenderà da 2,50 a 2 euro (IVA esclusa). È ovvio, quindi, che se questo costo scenderà, salirà la soglia di Giga disponibili in Europa. Ad esempio, se avete sottoscritto un'offerta da 10 euro mensili per 80 Giga, dovrete fare queste operazioni matematiche per calcolare la soglia minima di Giga che l'operatore dovrà mettervi a disposizione:

  • Scorporare l'IVA al 22% dal costo della tariffa. Quindi fare 10 euro/1,22= 8,19 euro
  • Il costo del GB all'ingrosso sarà di 2 euro dal 1° luglio. Dunque, occorrerà fare (8,19/2)x2= 8,19 GB. Questo sarà il "budget" minimo di Giga che l'operatore dovrà fornire agli utenti.

La formula generica sarà questa:

GB all'estero = [(costo del piano telefonico / 1,22) / costo al GB all'ingrosso)] x 2

Il costo del GB all'ingrosso diminuirà costantemente nel corso dei prossimi anni, fino ad arrivare a 1€ al GB.

Come si comporteranno i vari operatori

  • Iliad non ha ancora aggiornato il volume dei Giga disponibili in roaming in Europa. Tuttavia, sembrerebbe che sarà superiore al minimo stabilito dalla formula di cui sopra.
  • TIM resterà fedele al risultato della formula
  • Vodafone ha facilitato il compito ai suoi clienti, mettendo a disposizione una pagina che calcolerà automaticamente il tutto. WindTre ha già considerato la tariffa all'ingrosso che entrerà in vigore il 1° gennaio 2023, ovvero 1,80 al Giga (qui la pagina ufficiale dell'operatore per il calcolo automatico).
  • In fondo, la "regina" dei Giga, cioè Fastweb, che sarà l'operatore che dovrebbe fornire più Giga ai suoi clienti applicando la formula stabilita dall'UE.

Per quanto riguarda il prezzo del singolo GB per il roaming UE, subirà un costante caldo fino al 1° gennaio 2027, quando il costo sarà di 1 euro a GB (il costo rimarrà fisso fino al 30 giugno 2032).

Mostra i commenti