La guerra tra gli operatori si gioca a colpi di GB: più traffico dati, prezzi più bassi

La guerra tra gli operatori si gioca a colpi di GB: più traffico dati, prezzi più bassi
Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca

Per inquadrare lo stato del mercato degli operatori mobile in Italia è molto utile analizzare i risultati principali emersi dal report periodico realizzato da SOStariffe.it.

Una delle evidenze che emerge dai risultati riguarda il traffico dati a disposizione: sia gli operatori mobile che quelli virtuali hanno incrementato il contenuto medio di traffico dati per i loro clienti rispetto allo scorso anno. Si è passati dai 57 GB del 2021 ai 70 GB del 2022, mentre la forbice passa trasla tra 70 GB e 90 GB se consideriamo solo gli operatori classici. In entrambi i casi l'aumento corrisponde a più del 25%.

Dunque è evidente che la concorrenza viene applicata soprattutto in termini di traffico dati a disposizione. Relativamente ai minuti di chiamate inclusi, vediamo un trend abbastanza stabile rispetto allo scorso anno: se consideriamo tutti gli operatori sul mercato, i minuti a disposizione sono passati dai 2.520 ai 2.736, mentre sono scesi da 2.842 ai 2.739 se non si considerano gli operatori virtuali.

Gli SMS a disposizione hanno visto un lieve aumento rispetto allo scorso anno: attualmente si hanno mediamente a disposizione circa 2.000 SMS al mese, mentre lo scorso anno la quantità si aggirava attorno ai 1.700.

Altro aspetto importante riguarda la variazione dei canoni medi: nel 2021 la tariffa mensile media corrispondeva a 11,09€ mentre nel 2021 è scesa a 10,79€. Considerando soltanto gli operatori classici le tariffe medie sono scese da 14,80€ ai 14,44€.

Riguardo le offerte 5G, il 2022 ha visto un incremento delle offerte disponibili. In generale i costi corrispondono a quasi il doppio di quelli legati alle offerte con traffico LTE, ma offrono circa il 60% di GB in più.

Via: Mondo3
Mostra i commenti