La crittografia end-to-end per le chat Messenger e Instagram rinviata per una buona causa

Si parla dell'abilitazione di default della tecnica per preservare i contenuti dei messaggi scambiati in chat.
La crittografia end-to-end per le chat Messenger e Instagram rinviata per una buona causa
Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca

La crittografia end-to-end è un potete strumento per la sicurezza e la privacy degli utenti che usano piattaforme di messaggistica istantanea perché prevede che il contenuto dei messaggi scambiati possa essere accessibile esclusivamente al mittente e al destinatario, escludendo il provider del servizio.

In questo ambito WhatsApp offre questa tipologia di crittografia attivata di default sulla sua piattaforma. La stessa cosa non si può dire per le chat Instagram e Facebook Messenger. Per queste due piattaforme, unificate recentemente da Meta, la crittografia end-to-end di default non arriverà prima del 2023. Come riferito da Antigone Davis, il capo della sicurezza in Meta, la scelta è dovuta alla volontà di preservare la sicurezza degli utenti.

Si parla di preservare la sicurezza degli utenti perché Meta si riferisce alle possibili attività criminali svolte sulle loro piattaforme di messaggistica. Il monitoraggio, e l'eventuale contrasto, di queste attività potrebbe infatti venire minato dall'implementazione della crittografia end-to-end su queste piattaforme.

La questione è molto delicata: da un lato si vuole preservare la privacy degli utenti con questo tipo di crittografia e dall'altro diversi governi, come quello britannico, pressano affinché venga limitato l'impiego di questa tecnica in modo che il monitoraggio e la prevenzione di eventuali abusi possano essere sempre efficaci.

Meta non ha ancora dettagliato come intende soddisfare entrambi gli aspetti della questione, si parla di una tecnica che prevede la combinazione di informazioni non soggette a crittografia che porterebbe comunque a un'efficace monitoraggio delle eventuali attività illecite o offensive. Torneremo ad aggiornarvi appena verranno condivisi ulteriori dettagli su tempistiche e soluzioni.

Via: The Verge
Fonte: The Guardian

Commenta