Miglior smartphone fotocamera frontale – Settembre 2019

La nostra lista delle migliori fotocamere frontali su smartphone di settembre 2019.

Gli amanti dei selfie sapranno bene che non è sempre semplice trovare smartphone soddisfacenti per quanto riguarda la qualità della fotocamera anteriore – o “delle fotocamere”, se si tratta di più ottiche frontali. La maggior parte dei produttori come Samsung, Huawei, Apple e Google si concentra moltissimo sul comparto fotografico principale, quello posteriore, come potete notare nella lista dei migliori smartphone per fotocamera che trovate al link seguente.

LEGGI ANCHE: Miglior smartphone fotocamera

Risulta molto più raro che le aziende dedichino la stessa attenzione per quanto riguarda la fotocamera selfie (aggiornato a settembre 2019), cosa che complica non poco la ricerca. La missione non è, però, impossibile e questa guida all’acquisto vi aiuterà a scoprire quali sono i migliori smartphone per i selfie, in base alla bontà della fotocamera frontale. In questo modo potrete avere una lista dettagliata sui prodotti più interessanti per quanto riguarda gli scatti con la fotocamera frontale, cosa particolarmente gradita per coloro che condividono spesso e volentieri il proprio volto sui social. Come da tradizione abbiamo selezionato dispositivi per tutte le tasche, acquistabili sugli store online come Amazon o nei negozi fisici come Unieuro, MediaWorld ed Euronics.

Come scegliamo i migliori smartphone per fotocamera frontale?

Per trovare il prodotto giusto potete fare affidamento su alcuni aspetti fondamentali, in grado di fornire sin da subito un quadro abbastanza chiaro di quello che offre lo smartphone, pensando in particolare alla qualità della sua fotocamera selfie. Proprio questi aspetti sono stati quelli che abbiamo tenuto in massima considerazione nella scelta dei dispositivi da inserire nella nostra lista, dunque li riportiamo qui di seguito spiegando in dettaglio la loro importanza.

  • Sensore: il cuore del comparto fotografico, l’elemento che raccoglie la luce e la trasforma in dati digitali, poi elaboratori dal software del dispositivo. Avere un buon sensore fotografico è il primo passo per ottenere scatti di qualità, anche se spesso non è sufficiente. I megapixel contano, e non poco, ma conta anche la capacità di saperli gestire al meglio.
  • Ottica: avere un’ottica luminosa – valore di apertura basso – è una buona notizia, ma avere due ottiche con diversa lunghezza focale è ancor meglio, perché è possibile gestire situazioni diverse scegliendo l’angolo di campo più adeguato.
  • Tecnologia: in questa categoria ricadono tutti i sensori e le altre funzionalità hardware dedicate al miglioramento degli scatti o degli altri strumenti utilizzabili con la fotocamera frontale, come ad esempio il riconoscimento facciale. Avere uno scanner 3D è un valido aiuto sia per lo sblocco che per gli effetti creativi sui selfie, ma solo in pochi possono vantare queste funzionalità.
  • Software: aspetto importantissimo quando si tratta di smartphone con sensori frontali non molto prestanti, spesso può fare la differenza tra uno scatto con colori impastati ed un selfie da social-star. L’ottimizzazione software ha subito un netto miglioramento generale negli ultimi anni, grazie all’integrazione dell’intelligenza artificiale e di altre tecnologie di elaborazione, ma bisogna saperla utilizzare al meglio per ottenere selfie di altissima qualità.
  • Funzioni: la maggior parte degli smartphone di aziende cinesi puntano sull’ormai arcinoto effetto bellezza, integrato nativamente su molti prodotti, ma non mancano altri effetti creativi semplici da usare, come quello per la sfocatura dello sfondo. Da non dimenticare anche il supporto agli avatar animati, disponibile solo su alcuni particolari modelli.

Quali sono i migliori smartphone per fotocamera frontale?

Abbiamo selezionato per voi i migliori smartphone per fotocamera frontale, organizzandoli per fascia di prezzo e per funzionalità particolari. Per la maggior parte dei dispositivi descritti potete trovare i link relativi alla recensione completa e il box per acquistarli su Amazon, Unieuro, MediaWorld, Euronics o altri store.

Migliori smartphone per fotocamera frontale a meno di 300€

In questa fascia di prezzo di sono smartphone di livello medio-basso che sanno comunque distinguersi dalla media, grazie a sistemi di fotocamere frontali di buona qualità. Il segreto della maggior parte di questi modelli è quello di montare una dual-cam sulla parte anteriore, che aggiunge qualcosa in più per le possibilità creative.

Xiaomi Redmi Note 6 Pro

Uno dei pochi dispositivi di fascia bassa con una doppia fotocamera frontale, per la precisione in configurazione 20 MP (f/2.0) + 2 MP. Anche se la qualità non è paragonabile a quella dei top gamma, questo particolare set di ottiche permette di ottenere scatti con buoni dettagli e, soprattutto, utilizzare al meglio gli effetti creativi, come ad esempio le funzionalità di sfocatura dello sfondo per i selfie.

Huawei Mate 20 Lite

Anche in questo caso ci sono due ottiche diverse, ma la configurazione della dual-cam anteriore sale addirittura a 24 MP + 2 MP. Tanti pixel da gestire, tanti effetti creativi da poter utilizzare, il tutto aiutato dalla buona elaborazione del sistema AI di Huawei. Da non dimenticare che anche il resto dell’hardware non è niente male, cosa che fa di questo Mate 20 Lite uno dei migliori smartphone nella fascia bassa del mercato.

Nokia 7 Plus

Nokia 7 Plus è uno dei migliori smartphone mai prodotti da Nokia negli ultimi anni. Ha una sola fotocamera frontale con un sensore da 16 MP con apertura f/2.0, ma l’esperienza della società finlandese in campo fotografico riesce a prendere il meglio dall’hardware, dando la possibilità all’utente di ottenere selfie di buona qualità.

Migliori smartphone per fotocamera frontale a meno di 600€

Qui ci troviamo di fronte a dispositivi di fascia alta, in alcuni casi quasi top gamma. Non a caso si parla di prodotti che hanno un comparto fotografico già molto avanzato sulla parte posteriore e che integrano una buona ottica anche sulla parte frontale. Va aggiunta anche l’ottimizzazione software, in alcuni casi davvero ben curata, che permette di ottenere risultati più che soddisfacenti.

Samsung Galaxy A8 (2018)

Doppia fotocamera frontale anche per questo Galaxy A8 (2018), che monta sulla parte alta della superficie anteriore una combo da 16 MP + 8 MP dotata di due ottiche con apertura f/1.9. Ciò produce scatti molto convincenti in tutte le condizioni di luce, in particolare grazie all’ottica grandangolare che permette di inquadrare una parte più ampia della scena. Da citare anche un buon effetto di sfocatura, ottenibile proprio grazie alle due fotocamere selfie.

Xiaomi Mi MIX 3

Il particolarissimo design slider di Mi MIX 3 gli permette di nascondere le sue due ottiche frontali al di sotto dello schermo, che si abbassa tramite il meccanismo di scorrimento ideato da Xiaomi. Il sensore principale è da 24 MP ed offre già una buona qualità, ma grazie all’aiuto del secondo sensore di profondità da 2 MP è possibile utilizzare al meglio tanti effetti creativi. Probabilmente il miglior comparto di fotocamere selfie per uno smartphone Xiaomi.

HTC U12+

I selfie scattati con HTC U12+ sono di ottimo livello, grazie alle due fotocamere frontali da 8 MP con apertura f/2.0. Anche se i sensori non hanno un numero elevatissimo di pixel, la gestione software dell’azienda ha saputo ottimizzare al meglio il risultato di scatto finale, dando anche qualche bella opportunità per quanto riguarda le funzionalità avanzate. Non dimentichiamo che U12+ è un top di gamma di razza dotato di un hardware di spessore, non solo per quanto riguarda la parte fotografica.

ASUS Zenfone 6

ASUS Zenfone 6 (2019) ha una caratteristica unica in questa lista. Ha la fotocamera ribaltabile. Questo significa che la qualità della fotocamera principale è identica a quella della fotocamera frontale, perché le fotocamera sono esattamente le stesse. E questo vuol dire poter sfruttare la fotocamera da 48 megapixel per i vostri selfie, così come anche poter sfruttare la fotocamera secondaria grandangolare da 13 megapixel. Il tutto con la possibilità di fare foto con effetto sfocatura e tutte le altre funzionalità che ASUS aveva pensato per voi.

Samsung Galaxy A80

Samsung Galaxy A80 è un prodotto decisamente unico e che in questa classifica ha una posizione di onore. Galaxy A80 nasce quasi solo con in testa chi si fa molti selfie o, ancora meglio, chi utilizza molto la videocamera frontale per registrare molti video. Questo perché è l’intero modulo con tripla fotocamera a scorrere e poi ruotare per essere utilizzato come fotocamera frontale. Un risultato sorprendente che permette anche di registrare video con lo sfondo sfuocato tramite software.

Migliori smartphone per fotocamera frontale top gamma

Se volete il meglio dell’esperienza fotografica per i vostri selfie, qui trovate tutte le migliori soluzioni del momento. Le migliori fotocamere frontali sono quelle dei top gamma, ma le implementazioni sono diverse a seconda del produttore: alcuni puntano su sensori con tanti pixel, altri sfruttano un’ottima elaborazione software tramite intelligenza artificiale, ma ci sono anche quelli che puntano su un sistema di dual-cam avanzato, più versatile e adatto ad ogni occasione.

Samsung Galaxy S9+ / Note 9

I due top gamma Samsung del 2018 presentano una configurazione identica per la fotocamera frontale, che ha un singolo sensore da 8 MP con un’ottica a f/1.7. Ciò produce ottimi risultati, soprattutto per merito dell’ottimizzazione software integrata dal produttore: le foto hanno un’esposizione ben calibrata, colori fedeli e una messa a fuoco precisa. Da segnalare anche la possibilità di girare video in 4K tramite la fotocamera frontale di Note 9 e lo scanner dell’iride, utilizzabile per lo sblocco rapido del dispositivo.

Samsung Galaxy S10+

La generazione 2019 ha fatto fare un gran salto in avanti a Samsung per quanto riguarda il comparto fotografico anteriore, che con questo Galaxy S10+ si impone come uno dei migliori sul mercato, se non il migliore in assoluto. La dual-cam frontale di questo modello propone una configurazione da 10 MP (f/1.9) + 8 MP (f/2.2), che combina sensori di ottima qualità ad un’ottimizzazione software altrettanto buona. Le due fotocamere selfie sono, tra l’altro, incluse nel piccolo elemento ovale piazzato direttamente sopra al display, cosa che le rende ancora più protagoniste del design del dispositivo.

Huawei P30 Pro

Proseguendo l’ottima tradizione degli ultimi anni, Huawei P30 Pro si è dimostrato da subito un dispositivo molto valido per quanto riguarda i selfie e gli scatti con la fotocamera frontale, che per la cronaca è un singolo sensore da ben 32 MP e apertura f/2.0, integrato in un piccolo notch a goccia sopra al display. Si tratta di un comparto tecnico di grande qualità, sfruttabile in maniera molto soddisfacente anche per i video grazie al supporto allo standard HDR+.

Google Pixel 3 / 3 XL

I Pixel 3 sono tra le soluzioni migliori in assoluto per quanto riguarda la fotografia su smartphone, anche in tema di selfie. Entrambi adottano una configurazione frontale basata su due sensori da 8 MP. L’ottica principale ha un’apertura f/1.8, mentre la seconda è un obiettivo grandangolare impostato a f/2.2 e perfetto per i selfie di gruppo. L’elaborazione software di Google fa il resto, rendendo i Pixel 3 tra i migliori selfie-phone in circolazione.

Apple iPhone XS / XS Max

Gli iPhone 2018 non hanno portato grandi rivoluzioni per quanto riguarda la selfie-cam, ma l’ottimizzazione software di Apple continua a regalare soddisfazione ai suoi clienti. Il sensore frontale usato su iPhone XS e XS Max è un 7 MP con apertura f/2.2, ma grazie anche al sensore Face ID è possibile utilizzarlo al meglio per i tanti filtri creativi proposti all’interno dell’app fotocamera, come l’effetto sfocatura e gli Animoji.

Migliori smartphone con doppio schermo

Non sempre avere una fotocamera frontale di buon livello è una cosa necessaria, anzi diventa superfluo nel caso degli smartphone dual-screen. Su questi prodotti non troverete alcuna fotocamera selfie, ma potrete sfruttare le ottiche sul retro per poter scattare o registrare video mentre controllate l’inquadratura sullo schermo posteriore. Si tratta di una radicale trasformazione del concetto di “selfie”, ma è certamente una novità molto interessante per chi vuole la massima qualità di scatto anche per questo tipo di foto.

Nubia X

Le uniche fotocamere si trovano sul retro ed accoppiano un sensore da 16 MP (f/1.8) con uno da ben 24 MP (f/1.7). La loro qualità è molto alta e potrete sfruttarle per i selfie grazie al secondo schermo posteriore. Ovviamente sono supportati tutti gli effetti creativi e le modalità avanzate disponibili sulla dual-cam, e questo è un fattore di certo da tenere in considerazione su un dispositivo tanto particolare.

  • ACQUISTO: 462€ (AliExpress)

Vivo NEX Dual Display

Vivo NEX Dual Display potrebbe essere quasi considerato il selfie-phone definitivo, grazie al suo design davvero particolare. Esattamente come Nubia X presenta solo le fotocamere posteriori, che possono essere utilizzate per i selfie controllando l’immagine nel display posteriore. In questo caso le ottiche sono ben tre: la principale da 12 MP (f/1.8), la seconda ria da 2 MP (f/1.8) e un terzo sensore TOF (Time of Flight) per raccogliere i dati sulla profondità. Questa configurazione riesce a fornire una qualità molto alta per gli scatti in qualsiasi condizione di luce, per la gioia di tutti gli amanti dei selfie.

 

Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

DA NON PERDERE

Se cercate prodotti differenti dai migliori smartphone per fotocamera frontale, eccovi qualche alternativa:

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina MobileWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.