Come risolvere i problemi di batteria su iPhone senza contattare l’assistenza

Come risolvere i problemi di batteria su iPhone senza contattare l’assistenza
SmartWorld team
SmartWorld team

Chi più e chi meno, a tutti sarà capitato di avere problemi con la batteria dell'iPhone. In molti casi ci troviamo di fronte a situazioni soltanto temporanee, che si presentano ad esempio dopo l'installazione di nuovi aggiornamenti iOS sullo smartphone o a causa di un consumo eccessivo delle applicazioni in background.

Ma potrebbe anche darsi che i problemi di autonomia dell'iPhone siano ricondubili a qualcosa di più serio, e non è infrequente che ciò accada. A prescindere dalle casistiche, vogliamo darvi alcune dritte su come risolvere i problemi di batteria su iPhone e migliorare l'autonomia dello smartphone attraverso alcuni semplici trucchi.

L’iPhone dura poco dopo un nuovo aggiornamento

Se la batteria di iPhone dura poco dopo un nuovo aggiornamento, potrebbe trattarsi di una situazione momentanea. In genere, è sempre consigliato eseguire un ripristino dello smartphone prima di installare una nuova versione di iOS, così da avere un sistema "pulito" ed evitare che si attivino processi anomali tali da prosciugare l'autonomia in un batter d'occhio.

Attendete qualche giorno per verificare che la situazione possa tornare da sola alla normalità; se così non fosse, si tratta sicuramente di qualche problema intrinseco alla versione di iOS, magari perché poco ottimizzato in termini di consumo energetico, oppure perché qualche applicazione sta consumando eccessivamente. Se nel primo caso occorrerà aspettare che Apple rilasci un update migliorativo, nel secondo caso è possibile intervenire manualmente seguendo l'apposita procedura che descriveremo tra un attimo.

Risolvere i problemi di batteria su iPhone nuovo

Fonte: Fonte foto Unsplash

Se invece avete acquistato un nuovo iPhone e notate che la batteria dello smartphone si scarica troppo velocemente, non preoccupatevi. I dispositivi mobili hanno infatti bisogno di qualche ciclo di ricarica affinché le batterie entrino a pieno regime: in gergo, si parla proprio di rodaggio. Inoltre, il fatto di scaricare app, giochi, contenuti multimediali, o semplicemente di configurare il nuovo iPhone, provoca di per sé un consumo maggiore di batteria.

Questo perché viene utilizzato continuamente il Wi-Fi; inoltre, Spotlight, ossia il sistema di ricerca iOS, deve indicizzare tutto. E poi c'è anche l'effetto novità che non bisogna sottovalutare: soprattutto nei primi giorni siamo soliti smanettare di più con il nostro smartphone, utilizziamo molto la fotocamera (ed è una delle app che consumano di più sui dispositivi mobili) e proviamo alcune novità di iOS come le Animoji (a proposito, vi consigliamo di leggere il nostro articolo sulle memoji di iOS 15). 

Se nonostante queste premesse la batteria dello smartphone dura poco, continuate a leggere questo articolo per risolvere i problemi di batteria su iPhone.

Controllate il consumo energetico delle app

Potete risolvere i problemi di batteria su iPhone attraverso un accurato monitoraggio del consumo delle app, così da verificare la presenza di applicazioni che, magari dopo essere state aggiornate sull'App Store, stanno scaricando improvvisamente l'autonomia a causa di un consumo eccessivo in background (in gergo, si parla proprio di draining app). Consigliamo di seguire questo rimedio prima di ripristinare l'iPhone, anche perché in molti scenari la causa principale dei problemi di autonomia sullo smartphone sono proprio i consumi anomali delle applicazioni. 

Aprite l'app Impostazioni, scorrete in baso fino a cercare "Batteria", quindi cliccate su questa voce. Nella schermata "Mostra attività" dovreste ottenere un'analisi approfondita del consumo energetico delle applicazioni e del consumo in background di ciascun software installato sul proprio dispositivo. Consigliamo di approfondire la ricerca selezionando la voce "Ultimi 10 giorni", così da avere un quadro più ampio della situazioni.

Se avete aggiornato una certa app nei giorni scorsi e notate da un po' che la batteria dell'iPhone dura poco, è probabile che la causa della scarsa autonomia sia proprio quel software. Anche le app dei social network consumano molto e se notate in generale un tempo di utilizzo in background considerevole, è probabile che sia proprio questo il problema. 

Se così è, potete provare a forzare l'arresto dell'applicazione. Come vedremo a breve quando parleremo della procedura per ripristinare l'iPhone, non c'è un metodo unitario perché molto dipende dal tipo di iPhone in vostro possesso. Se avete uno smartphone Apple con il pulsante Home, basterà fare doppio clic su quest'ultimo per visualizzare l'elenco delle applicazioni. Scorrete fino all'app che avete visto consumare di più, quindi effettuate uno swipe dal basso verso l'alto per chiuderla. 

Se il vostro iPhone ha il Face ID, la chiusura delle app si farà invece tramite gesture. Scorrete verso l'alto partendo dalla parte inferiore dello schermo e tenete il dito fino a quando non apparirà l'interfaccia multitasking di iOS. A questo punto, scorrete lateralmente fino all'app che ha il consumo in background maggiore ed effettuate anche in questo caso uno swipe verso l'alto per chiuderla definitivamente. 

Se il problema non si risolve, toccherà disinstallare l'app dall'iPhone e reinstallarla, oppure attendere il rilascio di un nuovo aggiornamento su App Store. 

Risolvere i problemi di batteria su iPhone con un ripristino

La procedura per ripristinare l’iPhone vale anche per iPad

La procedura per ripristinare l’iPhone vale anche per iPad

Se il consiglio di prima non ha avuto l'effetto sperato, la prima cosa da fare in situazioni come queste è ripristinare l'iPhone: è un rimedio vecchio, a volte anche fastidioso, ma che funziona sempre se l'unità fisica (la batteria) installata sul vostro smartphone gode ancora di buona salute, e vedremo tra poco come verificare. Potrà essere una scocciatura formattare lo smartphone e re-installare le app su iPhone, ma si tratta del prezzo da pagare per eliminare eventuali processi anomali che fanno scaricare la batteria.

Ci sono tanti modi per ripristinare l'iPhone, ma vogliamo concentrarci in questo articolo sul metodo che riteniamo più semplice, e cioé quello effettuato direttamente dal sistema operativo mobile di Apple e senza quindi dover passare da servizi esterni come ad esempio iTunes. Sarà quindi sufficiente seguire la procedura che descriveremo a breve per ripristinare lo smartphone iOS.

Prima di fare qualsiasi operazione, è bene eseguire un backup dei propri dati personali su iCloud. Per verificare che il backup su iCloud sia attivo basterà entrare nelle Impostazioni dell'iPhone, cliccare sul tuo nome (si tratta della prima icona che appare nella schermata delle impostazioni), scegliere l'icona di iCloud e nella successiva schermata selezionare Backup iCloud, avendo cura di controllare che la relativa opzione sia attiva. A questo punto, clicca su "Esegui backup adesso" per avviare appunto la procedura per conservare i dati personali presenti sul device. Potrebbero volerci diversi minuti in base alla quantità dei dati archiviati: il consiglio è semplicemente quello di non allarmarsi e di attendere. 

Ora che abbiamo eseguito un backup dei dati, è possibile procedere con il ripristino dello smartphone. Ancora e una volta, entriamo nell'app Impostazioni, selezioniamo la voce "Generali", quindi tocchiamo su "Trasferisci o inizializza iPhone" nella schermata successiva. Siamo giunti quasi a buon punto. Selezionate adesso l'opzione "Inizializza contenuto e impostazioni" e confermate con il tasto "Continua": per motivi di sicurezza, iOS chiederà l'inserimento del passcode (il codice di sblocco dell'iPhone) prima di procedere.

Per avviare il ripristino, toccherà soltanto premere il pulsante "Inizializza iPhone" posizionato in basso alla schermata. Anche in questo caso potrebbero volerci diversi minuti: non vi resta che pazientare.

Come controllare lo stato di salute della batteria dell’iPhone

Fonte: Fonte foto Unsplash

Avete fatto tutto quello che vi abbiamo suggerito ma il vostro smartphone continua a durare poco. In molti casi non è possibile risolvere i problemi di batteria su iPhone se l'unità fisica installata all'interno dello smartphone si è infatti deteriorata. Si tratta di una situazione normale, soprattutto se avete acquistato il dispositivo da ormai diversi anni e avete effettuato diversi cicli di aggiornamento.

Apple ha previsto un utile sistema nelle impostazioni che permette di vedere lo stato della batteria dell'iPhone. Sarà sufficiente entrare nelle impostazioni, scorrere in basso e toccare la sezione "Batteria", quindi selezionare l'opzione "Stato Batteria" posta sotto la voce della percentuale batteria e dell'attivazione del risparmio energetico su iPhone. 

Vi spieghiamo anche brevemente come interpretare i dati, perché potrebbero essere di non facile lettura. Se visualizzate una percentuale del 100%, significa che la batteria dell'iPhone è ovviamente in perfette condizioni. Un risultato inferiore è tuttavia normale se utilizzate lo smartphone da qualche tempo. L'importante è assicurarsi di non avere una percentuale sotto all'80%, perché in questo caso sarà necessario portare lo smartphone in un centro di assistenza autorizzato e cambiare la batteria dell'iPhone. Grazie a questo intervento, i problemi di batteria su iPhone saranno soltanto un lontano ricordo.

Come migliorare l’autonomia di iPhone

Se finora abbiamo parlato di come risolvere i problemi di batteria sullo smartphone, vogliamo darvi adesso qualche suggerimento per migliorare la batteria dell'iPhone. Perché sì, è possibile aumentare l'autonomia del dispositivo, a patto di disattivare e quindi rinunciare a servizi e funzionalità, in special modo quelli che hanno un alto consumo energetico.

La prima cosa che vogliamo dirvi è di caricare correttamente lo smartphone per prolungare il ciclo di vita delle batterie. Una delle regole d'oro è ad esempio quella di non scendere sotto il 40-30% di autonomia e di caricare lo smartphone fino all'80%. Inoltre, attivate la luminosità automatica su iPhone: sempre dalle impostazioni, cliccate sulla voce "Schermo e luminosità" e attivate l'interruttore (da grigio a verde) su "Automatico".

Un altro suggerimento per migliorare la batteria dell'iPhone è disattivare l'aggiornamento delle app in background, così da evitare che quest'ultime possano aggiornarsi continuamente – soprattutto quelle che il sistema operativo riconosce come le più utilizzate. Per farlo basterà aprire l'app Impostazioni, scorrere in basso e cliccare sulla voce "Generali", quindi toccare su "Aggiornamento app in background" e disattivare l'interruttore (da verde a grigio) affianco alla scritta "Aggiornamento app in background". Se proprio volete mantenere questa funzione, potete semmai disattivarla soltanto per alcune app specifiche, magari quelle che avete visto consumare di più.

Infine, disabilitate la funzione download automatici, così da evitare che le applicazioni vengano aggiornate silenziosamente: potrete farlo voi stessi, magari quando la batteria dello smartphone ha una carica sufficiente (almeno il 50%) oppure prima di caricarlo. Per disattivare gli aggiornamenti automatici dovrete aprire l'app Impostazioni, scorrere fino alla voce "App Store" e, nella successiva schermata, disabilitate l'opzione "Aggiornamenti app" nella sezione "Download automatici".

Tenete comunque conto che utilizzare funzioni come la rete cellulare e l'hotspot possono scaricare velocemente la batteria dell'iPhone. Se siete a casa, è consigliato utilizzare il Wi-Fi, così come è opportuno disabilitarlo quando si è fuori: la continua ricerca di reti wireless potrebbe infatti consumare batteria.

Mostra i commenti