Fortnite Touch su iPhone e Android con RTX grazie a GeForce NOW: la nostra prova

Fortnite Touch su iPhone e Android con RTX grazie a GeForce NOW: la nostra prova
Lorenzo Delli
Lorenzo Delli

Fortnite torna stabilmente su iPhone e su Android (non tramite Play Store  o apk) grazie a GeForce NOW di NVIDIA. Fortnite Touch, questo il nome della versione sviluppata in collaborazione tra Epic Games e NVIDIA, aveva già fatto parlare di sé qualche mese fa grazie ad un'apposita closed beta che ha aiutato le due realtà a perfezionarlo. Pensate che oltre 500.000 utenti hanno testato con mano la beta di Fortnite Touch, effettuando oltre 4 milioni di sessioni di streaming su centinaia di tipologie di dispositivi mobili.

Oggi 19 maggio Fortnite Touch viene rilasciato ufficialmente su GeForce NOW, il servizio di gaming in streaming di NVIDIA. Ma come ci si accede da iPhone o iPad? E come da Android?

Fortnite iPhone - Come giocare

Per giocare a Fortnite Touch su iPhone non è necessario scaricare applicazioni. È sufficiente aprire il sito ufficiale di GeForce NOW da Safari (play.geforcenow.com), il browser stock di iPhone, effettuare il login con il proprio account NVIDIA, e infine collegare anche il proprio account Epic Games a NVIDIA. Per quest'ultimo passaggio dovete recarvi nel tab Impostazioni (pulsante in alto a sinistra) e cercare la sezione denominata Connessioni. Qui potrete collegare i vostri account Ubisoft, Steam ed Epic Games e sbloccare le vostre librerie di gioco in GeForce NOW. Collegando Epic Games, se ovviamente avete già giocato in precedenza a Fortnite, avrete l'accesso a Fortnite Touch. La stessa procedura funziona anche su iPad.

Fortnite Android con GeForce NOW

Fortnite non è più disponibile sul Play Store da tempo. Per scaricarlo si deve passare direttamente dal sito di Epic Games, ma grazie a GeForce NOW c'è un altro modo. Potete scaricare l'app gratuita di GeForce NOW e giocarlo in streaming, effettuando il login con il vostro account NVIDIA e collegandoci quello di Epic Games.

Download GeForce NOW Android

Fortnite Touch: gratis o a pagamento?

Di base, con l'accesso a GeForce NOW e all'account Epic Games, si può giocare a Fortnite Touch gratuitamente sia su Android che su iPhone e iPad. Il servizio di gaming in streaming di NVIDIA prevede però tre fasce di utilizzo, con relativi costi di abbonamento:

  • Abbonamento gratis: esperienza di gioco di base, accesso standard (non prioritario), sessioni di gioco di un'ora alla volta
  • Abbonamento Priority (9,99€ al mese): esperienza di gioco RTX, accesso prioritario ai server premium, sessioni di gioco di 6 ore, fino a 1080p a 60 fps
  • Abbonamento RTX 3080 (19,99€ al mese o 99,99€ per 6 mesi): esperienza di gioco con RTX 3080 e ray tracing, accesso esclusivo, sessioni di gioco di 8 ore, risoluzione fino a 4K@120fps

Potete insomma provare come funziona, anche per testare la vostra connessione, e poi decidere se provare uno dei due abbonamenti a pagamento. Occhio anche ai requisiti di rete. GeForce NOW richiede almeno 15 Mbps per giocare in 720p a 60 FPS o una 25 Mbps per 1080p a 60 FPS. È anche richiesta una latenza inferiore a 80 ms da un data center NVIDIA. Nel caso di abbonamento alla versione RTX 3080 sono richiesti almeno 40 Mbps per lo streaming fino a 4K a 60 FPS e almeno 35 Mbps per 1440p a 120 FPS.

La nostra prova

In questi ultimi giorni abbiamo avuto modo di provare Fortnite Touch su Android con l'abbonamento RTX 3080, ovvero il top tra quelli disponibili. Che dire: con una connessione dati decente, non solo il gioco è difficilmente distinguibile dalla versione classica, ma gira anche al meglio delle possibilità. Sul nostro fido Google Pixel 6, tramite l'app di GeForce NOW, Fortnite Touch viene riprodotto a 120 frame al secondo con Ray Tracing attivo e dettagli al massimo. Già nell'hub della sezione Creativa si notano i riflessi migliorati concessi dagli effetti RTX. Ovviamente per giocare a 120 frame al secondo sono necessari smartphone o tablet con display a 120 Hz. Nel caso di Android, NVIDIA suggerisce di attivare l'opzione 120 Hz (o maggiore) manualmente, di sfruttare una rete Wi-Fi a 5 GHz e di disabilitare eventuali opzioni di risparmio energetico del dispositivo.

Il gioco gira sempre fluido senza intoppi o latenze di alcun tipo. Abbiamo provato con mano anche una classica modalità zombie realizzata da un giocatore, con ondate sempre più grandi di zombie e vari giocatori a collaborare, riuscendo a giocare a 120 frame al secondo senza intoppi di genere. Se notate, negli screenshot in galleria abbiamo attivato il contatore di fps (in alto a destra), che mostra valori sempre uguali o molto vicini a 120. Da notare che il gioco segnala anche la carica residua dello smartphone, proprio come se fosse installatlo sullo stesso. Ma la cosa che più sorprende è probabilmente la presenza dei comandi touch (da qui il nome Fortnite Touch) e la loro reattività generale.

Non c'è neanche bisogno di impostare nulla: si possono avviare GeForce NOW e Fortnite senza l'ausilio di controller o altre periferiche esterne. Fortnite passa automaticamente ai comandi touch, permettendovi di navigare tra i menu del gioco con il touch-screen. Anzi, è il gioco stesso a spiegarci i rudimenti dei comandi e a farci selezionare alcune preferenze legate proprio al contesto mobile. Si può ad esempio attivare il fuoco automatico in caso di nemico nel mirino, che ci evita di dover premere il tasto di fuoco posto sulla destra. Avviata una partita di qualsiasi tipo vi troverete di fronte i classici comandi da smartphone a cui eravate probabilmente abituati in precedenza (se lo avevevate provato). Nel caso ci si sentisse confusi, nelle impostazioni ci sono due schermate che riepilogano tutti i comandi touch a disposizione, sia per il combattimento che per la modalità costruzione.

L'unico neo, se si può definire tale, è che l'immagine risulta leggermente "evanescente". Attenzione, non si parla di definizione delle texture o di risoluzione, quanto più di resa complessiva dello streaming. In ogni caso durante l'azione è davvero difficile rendersene conto. Fortnite poi è un gioco multiplayer online: pensare di avere a disposizione uno stream di un gioco del genere, riprodotto a 120 fps con effetti ray tracing attivi su uno smartphone è abbastanza impressionante.

Non vi rimane che testare GeForce NOW e Fortnite Touch con mano direttamente sui vostri dispositivi mobili. Potete valutare la reattività e la comodità dei comandi touch implementati anche con l'abbonamento gratuito di GeForce NOW!

Mostra i commenti