Stress e depressione sono temi che Apple ha a cuore, novità sui prossimi iPhone?

Stress e depressione sono temi che Apple ha a cuore, novità sui prossimi iPhone?
Filippo Morgante
Filippo Morgante

Apple è da sempre sensibile verso temi di salute che affliggono ampie porzioni di popolazione. L'azienda di Cupertino, ritiene che un iPhone potrebbe in futuro rilevare la depressione, l'ansia e il declino cognitivo, utilizzando una serie di indizi digitali. I dati sanitari utilizzati comprenderebbero l'attività fisica e i modelli di sonno.

Per motivi di protezione della privacy, Apple punta a far sì che tutto il lavoro di diagnosi venga effettuato direttamente sul dispositivo, senza inviare i dati degli utenti ai suoi server. Ecco quanto riportato dal Wall Street Journal:

Apple Inc. sta lavorando sulla tecnologia per aiutare a diagnosticare la depressione e il declino cognitivo, puntando a strumenti che potrebbero espandere la portata del suo fiorente portafoglio salute, secondo persone che hanno familiarità con la questione e documenti esaminati dal Wall Street Journal [...]

I dati che possono essere utilizzati includono l'analisi delle espressioni facciali dei partecipanti, il modo in cui parlano, il ritmo e la frequenza delle loro passeggiate, i modelli di sonno e la frequenza cardiaca e respiratoria. Possono anche misurare la velocità della loro digitazione, la frequenza dei loro errori di battitura e il contenuto di ciò che digitano, tra gli altri punti dati, secondo le persone che hanno familiarità con la ricerca e i documenti [...]

Gli sforzi nascono da partnership di ricerca che Apple ha annunciato con l'Università della California, Los Angeles, che sta studiando lo stress, l'ansia e la depressione, e la società farmaceutica Biogen che sta studiando il deterioramento cognitivo lieve. "Seabreeze" è il nome in codice di Apple per il progetto UCLA e "Pi" è il nome in codice per il progetto Biogen, secondo le persone e i documenti [...]

L'estensione del tracciamento degli utenti che potrebbe essere richiesto potrebbe scatenare preoccupazioni per la privacy. Per affrontarle, Apple punta ad algoritmi che lavorano sui dispositivi degli utenti e non inviano i dati ai server Apple, come mostrano i documenti.

Anche se lo sforzo è in una fase iniziale, i dirigenti Apple sono entusiasti della possibilità. Il direttore operativo Jeff Williams, che supervisiona l'unità salute di Apple, ha parlato con entusiasmo ai dipendenti del potenziale dell'azienda per affrontare i tassi crescenti di depressione e ansia, nonché altri disturbi del cervello, secondo le persone che lo hanno sentito parlare degli sforzi.

da WSJ

Lo studio UCLA traccerà i dati di 3.000 volontari a partire da quest'anno, mentre quello Biogen mira a reclutare circa 20.000 partecipanti nei prossimi due anni, circa la metà dei quali avrà già alcuni fattori di rischio per il deterioramento cognitivo.

Via: 9to5mac

Commenta