iPhone si prepara a sostituire sia patente che carta d’identità

Che saranno integrate nel Wallet: la funzione, già annunciata, da oggi è attiva in Arizona
iPhone si prepara a sostituire sia patente che carta d’identità
Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi

Il Wallet è una delle funzioni più apprezzate di iPhone: permette di pagare comodamente con la propria carta di credito, ma anche di portare con sé biglietti e ogni genere di carta di fidelizzazione (proprio come un portafogli reale).

Ma non è un segreto che Apple voglia ampliare le funzioni di Wallet, che potrà diventare anche un sostituto per la patente e la carta d'identità. La possibilità di aggiungere questi documenti è stata annunciata in passato, ma oggi da oggi è effettivamente attiva in Arizona. Inoltre, presto verrà abilitata anche in Colorado, Hawaii, Mississippi, Ohio e Puerto Rico.

Il processo per aggiungere la patente o la carta d'identità al Wallet è semplice ed analogo a quanto avviene adesso con le carte di credito. Oltre a scannerizzare fronte e retro, però, bisogna seguire anche una procedura (che prevede inquadrare il viso) che permetterà alle autorità locali di verificare i documenti e autorizzarne l'uso all'interno di Wallet.

Una volta aggiunto il documento al Wallet sarà possibile utilizzarlo anche tramite Apple Watch.

Tuttavia, è bene frenare gli entusiasmi: il processo per sostituire i documenti fisici sarà ovviamente molto lungo. Ad esempio, da quel che si legge sul sito Apple, sembra che in un primo momento i documenti su Wallet potranno essere utilizzati solo in alcuni checkpoint del TSA (Transport Security Administration) nell'aeroporto di Phoenix.

Non sappiamo quanti anni ci vorranno prima di vedere qualcosa di simile in Italia (o anche se succederà mai): per funzionalità simili, Apple deve collaborare direttamente con le autorità dei singoli paesi e i processi sono ovviamente lunghi e complessi.

Mostra i commenti