Ho ripreso ad usare Apple Watch e cavolo quanto mi erano mancate queste funzioni!

Chi se ne frega delle notifiche al polso: sono le piccole cose che fanno la differenza!
Ho ripreso ad usare Apple Watch e cavolo quanto mi erano mancate queste funzioni!
Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi

MacBook, iPhone, AirPods e iPad: questa era la mia dotazione giornaliera fino a qualche giorno fa.

Cosa manca? Apple Watch, ovviamente.

Sicuramente tantissimi utenti che utilizzano prodotti della mela vi avranno già raccontato quanto è bello e come funziona bene e perché è indispensabile lo smartwatch di Apple. E figuratevi se non lo so anche io, che con i dispositivi Apple ci lavoro.

Ed Apple Watch l'avevo già provato, ovviamente: l'ho usato a lungo, l'ho amato, prima di accantonarlo per un periodo. Perché non vado troppo d'accordo con gli aggeggi al polso, e poi c'è Dubbio, il mio cane, che per i suoi denti e i nostri giochi era una minaccia continua a quel costosissimo orologio.

E poi c'è da dire che a me le notifiche al polso non piacciono granché: mi distraggono, interrompono il flusso di lavoro o di lettura, e poi detesto guardare una notifica dall'orologio quando sto parlando con qualcuno.

Ma qualche giorno fa, preso dalla nostalgia, ho ritirato fuori il vecchio Apple Watch Series 4 e l'ho rimesso al polso.

L'ho coperto con un case piuttosto atroce da pochi euro preso su Amazon per salvaguardarlo da Dubbio, ho ridotto al minimo le notifiche e me ne sono innamorato di nuovo.

Con questo case un po' plasticoso l'Apple Watch perde un po' in termini di design, ma almeno è al sicuro quando gioco col cane. E devo dire che  l'effetto è meno atroce di quanto temessi.

Con questo case un po' plasticoso l'Apple Watch perde un po' in termini di design, ma almeno è al sicuro quando gioco col cane. E devo dire che l'effetto è meno atroce di quanto temessi.

Ma le funzionalità che mi erano mancate non sono quelle di cui si sente parlare più spesso: sono delle piccolezze, delle minuzie che migliorano la mia esperienza d'uso.

Ve le racconto qui.

Controllo del volume con la rotellina

Sembra una roba da poco, ma diventa subito indispensabile: molti degli auricolari che utilizzo non hanno la possibilità di regolare il volume (ad esempio, gli AirPods Pro…), quindi per alzare o abbassare è necessario tirare fuori l'iPhone dalla tasca.

Una seccatura infinita, specialmente in contesti in cui non è proprio immediato sfilare l'iPhone, come in metropolitana. Invece, con Apple Watch, basta ruotare un po' la rotellina, che ti dà anche quel meraviglioso feedback aptico. Fantastico.

Far suonare l'iPhone da remoto

 La possibilità di far squillare l'iPhone per ritrovarlo è ovviamente la funzione più amata da tutti gli smemorati.

La possibilità di far squillare l'iPhone per ritrovarlo è ovviamente la funzione più amata da tutti gli smemorati.

Io sono una persona smemorata e non l'ho mai nascosto. Mi capita, più di una volta al giorno, di dimenticare dove ho lasciato l'iPhone. Normalmente, ovviavo al problema facendo suonare l'iPhone con il Tile Mate attaccato al portachiavi (dato che con AirTag non è possibile).

Ma quando non trovo neanche le chiavi? O quando – come in questo momento – la batteria del Tile è scarica e devo ricordarmi di comprarne una nuova? E poi che dire di quelle (rare) volte in cui Tile fa le bizze?

Insomma, con Apple Watch al polso diventa tutto più immediato e far squillare lo smartphone per ritrovarlo è un attimo. Una manna per tutti i distratti.

Sblocco automatico

In questo caso mi riferisco sia allo sblocco automatico del Mac (che digitare la password fa così anni '90), ma anche – e soprattutto! – dello sblocco automatico di iPhone quando si indossa la mascherina.

Chiunque abbia un iPhone e non un Apple Watch sa benissimo quanto sia frustrante fare a meno del Face ID e dover digitare il PIN, inutile spenderci una parola in più.

Pagamento con Apple Pay

Vuoi mettere quanto è comodo pagare con l'orologio? E prima o poi vi racconterò anche della soddisfazione del mostrare il Green Pass direttamente dal polso all'ingresso dei ristoranti.

Vuoi mettere quanto è comodo pagare con l'orologio? E prima o poi vi racconterò anche della soddisfazione del mostrare il Green Pass direttamente dal polso all'ingresso dei ristoranti.

Perché niente mi rende più milanese imbruttito di entrare in metropolitana pagando il biglietto poggiando Apple Watch al POS dei tornelli. E, metropolitana a parte, se utilizzate Apple Pay, averlo sempre al polso è indiscutibilmente comodo.

E se le prime volte vi sentirete un po' in imbarazzo a pagare con l'orologio è perfettamente normale, non preoccupatevi. Fatelo comunque, specialmente se al bancone del bar c'è una simpatica vecchina che guarda l'Apple Watch come se fosse magia nera: sarà un'ottima occasione per fare due chiacchiere e raccontarle di come funziona la tecnologia nel 2021.

Siri a portata di polso

Hey Siri, ascolta tutte le mie richieste sussurrate con discrezione!

Hey Siri, ascolta tutte le mie richieste sussurrate con discrezione!

Normalmente non uso moltissimo Siri, ma quando ho al polso Apple Watch mi capita di adoperare più spesso l'assistente vocale della mela. Perché non devo urlare, non devo tener premuti tasti o fare niente di strano: mi basta portare Apple Watch vicino la bocca e iniziare a sussurrare un comando.

È quasi incredibile quanto funzioni bene, e mi permette di dare comandi a Siri con naturalezza, senza ingombri e senza urlare.

Commenta