Con iPhone potremo indicare chi erediterà i nostri dati in caso di decesso

La funzione di eredità digitale sarà disponibile con iOS 15.2, attualmente rilasciato in versione beta pubblica
Con iPhone potremo indicare chi erediterà i nostri dati in caso di decesso
Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi

Con l'aggiornamento ad iOS 15.2, appena entrato in beta pubblica, su iPhone arriverà la possibilità di indicare un contatto che erediterà i nostri dati in caso di decesso.

Sebbene non se ne parli ancora molto, l'eredità digitale è un tema che sta diventando centrale nella gestione dei dati personali: considerando la quantità di foto, documenti e file di ogni tipo che conserviamo sui nostri dispositivi, è importante pensare a cosa succederà a questi dati dopo la nostra morte.

Per evitare che tali dati rimangano bloccati su un dispositivo, protetti dalla sicurezza del nostro account, le aziende stanno lavorando per implementare un modo per lasciare in eredità i dati.

Ci eravamo occupati di eredità digitale anche nel nostro podcast quotidiano, Il tech delle cinque: potete ascoltare la puntata in questione dal player qui sotto.

Apple aveva già annunciato che questa possibilità sarebbe arrivata con iOS 15 e adesso, con la beta di iOS 15.2, possiamo mostrarvi come funziona.

Eredità digitale su iPhone con iOS 15.2

Nota: tutti gli screenshot che vedete di seguito sono stati catturati su iPad, ma la procedura è analoga su iPhone.

Per scegliere chi sarà il proprio erede digitale, bisogna aprire le Impostazioni, cliccare sul proprio nome e poi selezionare Password e sicurezza > Contatto erede.

A questo punto bisognerà selezionare un contatto dalla nostra rubrica, scegliendo tra email e numero di telefono.

Il scelto riceverà una chiave sotto forma di codice QR e codice alfanumerico: questa chiave sarà lo strumento per sbloccare ed accedere ai dati del defunto, tramite l'apposito strumento online messo a disposizione da Apple.

Per i contatti che utilizzano già un dispositivo con iOS 15.2, la chiave verrà memorizzata automaticamente e collegata all'account Apple ID; in caso contrario, sarà necessario fornire la chiave al contatto con un altro metodo.

Apple vi proporrà di inviarla per mail o via SMS (a seconda del metodo scelto) e vi darà la possibilità di stampare una copia del contratto e del relativo codice QR e chiave alfanumerica. Infine, iOS ricorda che la data del compleanno sarà utilizzata come metodo di contro-verifica: pertanto, vi propone di aggiornarla nel caso non fosser corretta.

Il contatto selezionato potrà accedere ai dati del defunto tramite il portale Eredità digitale di Apple: per completare la procedurà sarà necessario avere un Apple ID (che potrà essere creato al momento se necessario) e fornire il certificato di morte della persona di cui si sta cercando di recuperare i dati. In nessun caso, quindi, la chiave fornita potrà essere utilizzata in un contesto diverso da quello del decesso.

Commenta