E se Apple vendesse un iPhone a 199€?

E se Apple vendesse un iPhone a 199€?
Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi

Il costo degli iPhone è sempre stato molto elevato: il prezzo alto, oltre a scoraggiare chi non vuole spendere troppo per i propri dispositivi, ha di fatto escluso i mercati emergenti come la maggior parte dei paesi di Africa e America del Sud, nonché parti importanti dell'Asia tra cui è doveroso citare l'India, con la sua popolazione da oltre un miliardo di persone.

Nonostante le pressioni degli operatori, Apple non ha mai lanciato un dispositivo davvero economico: nel 2016 la società ha presentato il primo iPhone SE, dal costo di 399$, un prezzo nettamente più basso rispetto ai top di gamma, ma comunque nettamente superiore rispetto alla fascia bassa del mercato Android.

Tuttavia, la strategia di Apple potrebbe cambiare: la società di Cupertino sta puntando sempre di più sui servizi, che offrono ricavi maggiori. E, proprio per questo motivo, avere quanti più iPhone possibili in giro diventa cruciale.

A tal proposito, Mark Gurman di Bloomberg ha avanzato un'ipotesi molto interessante nell'ultimo numero della sua newsletter, Power on: con il lancio del nuovo iPhone SE (il primo con 5G, che verrà presentato martedì 8 marzo) secono Gurman Apple continuerà a vendere il modello della generazione precedente a un prezzo molto concorrenziale, forse 199$.

La stima dei costi di produzione del precedente modello di iPhone SE era di circa 200$: ovviamente i costi si saranno ridotti rispetto al 2016, ma è comunque probabile che Apple avrebbe ricavi irrisori da un iPhone SE venduto a 199$ (di solito le società guadagnano almeno il 30%-40% dalla vendita di hardware).

Tim Cook con il Primo Ministro indiano Narendra Modi nel maggio 2016. Fonte: AP/Press Information Bureau of India

Tim Cook con il Primo Ministro indiano Narendra Modi nel maggio 2016. Fonte: AP/Press Information Bureau of India

Tuttavia, come già accennato un iPhone davvero economico potrebbe favorire la penetarazione di Apple nel mercato indiano (dove attualmente ha solo il 5% del marketshare e dove la spesa media per un nuovo dispositivo è di 196$) e, in generale, favorire l'adozione di servizi Apple.

Nonostante tutto, però, non c'è alcuna certezza in merito: lo stesso Gurman, che ha avanzato l'ipotesi, non si dice affatto sicuro e aspetta la presentazione di martedì sera per scoprirlo.

Commenta con noi l'evento
Mostra i commenti