App

Telegram accoglie la pubblicità: non mirata, non invasiva e privacy-oriented

Sapevamo che questo momento sarebbe arrivato, ma Durov sembra aver fatto le cose per bene
Telegram accoglie la pubblicità: non mirata, non invasiva e privacy-oriented
Nicola Ligas
Nicola Ligas

Vi ricordavate vero che la pubblicità sarebbe arrivata su Telegram? Lo aveva annunciato il suo stesso fondatore nemmeno un anno fa, ed ora finalmente quel momento è arrivato: ecco come funziona la Telegram Ad Platform.

Si tratta di un programma che consente a privati ed aziende di creare ed inviare messaggi sponsorizzati, ma con alcuni paletti che dovrebbero fare contenti gli utenti. Anzitutto la pubblicità comparirà solo su canali pubblici con oltre 1.000 iscritti. Detta altrimenti, non ci sarà alcun messaggio promozionale nelle chat private o nei gruppi.

Telegram rinnova inoltre il suo impegno al rispetto della privacy, ribadendo che non verranno raccolti dati dagli utenti, né prima né dopo l'eventuale clic, e non ci sarà alcun tipo di analisi: non si tratta insomma di pubblicità mirata. Al contrario, i contenuti sponsorizzati mostrati saranno basati sul topic principale del canale pubblico nel quale compariranno, e pertanto tutti vedranno la stessa pubblicità.

Telegram sembra insomma voler fare le cose per bene, cercando da una parte di monetizzare una piattaforma in continua crescita, i cui costi lieviteranno di conseguenza, e dall'altra di non tradire la fedeltà della propria user base, cosa che, da utente, è la più importante.

Commenta