App

Che cos'è Yuka, l'app che valuta i prodotti alimentari e i cosmetici

Che cos'è Yuka, l'app che valuta i prodotti alimentari e i cosmetici
SmartWorld team
SmartWorld team

I consumatori consapevoli trascorrono tanto tempo al supermercato a controllare i valori nutrizionali e gli ingredienti dei prodotti che hanno intenzione di acquistare. In questo caso, la tecnologia fornisce un contributo interessante con l'app Yuka.

L'app Yuka

Arriva in Italia Yuka, l’applicazione francese che valuta i prodotti esposti sugli scaffali del supermercato e fornisce ai clienti una valutazione completa sulla loro qualità. Tra gli obiettivi di Yuka c'è quello di migliorare la salute dei consumatori aiutandoli a decifrare le etichette dei prodotti alimentari e cosmetici.

In questo modo, questi potranno fare delle scelte migliore al momento della spesa. L'app è uno strumento utile per i consumatori attenti e interessati a ciò che si acquista. I prodotti che si hanno oggi a disposizione sono talmente tanti che alle volte risulta complicato scegliere il migliore, o quello che fa al caso proprio. L’app fornisce un contributo al momento della scelta, con una valutazione dei prodotti su una scala di valori che si esprime in colori e cifre.

L'analisi dei prodotto e i valori riportati

Il procedimento è estremamente semplice.

Sarà sufficiente scansionare il codice a barre del prodotto interessato con la fotocamera del proprio smartphone. Nell’arco di pochi secondi Yuka fornisce la sua valutazione. L’applicazione assegna agli alimenti un punteggio su una scala che va da zero a cento. Il responso può essere scarso (rosso), mediocre (arancione), buono (verde chiaro) o eccellente (verde scuro). Il giudizio dell’app comprende anche gli elementi positivi e negativi del prodotto analizzato. L’utente avrà a disposizione informazioni circa la presenza di additivi da evitare, la quantità di grassi saturi, sale, zuccheri, calorie, fibre, proteine o la presenza di altri nutrienti benefici.

La base dati di Yuka

Yuka valuta i prodotti alimentari e cosmetici, sulla base di un database che, nel nostro Paese, comprende circa il 75% di tutti i prodotti disponibili sul mercato e che troviamo sugli scaffali. Per aggiungere un prodotto assente sarà sufficiente seguire le istruzioni presenti sull’applicazione, inserendo i dati e inviando le foto richieste. Se un prodotto ottiene una valutazione negativa, si otterrà anche un suggerimento con un’alternativa valida.

Come avviene la valutazione dei prodotti alimentari

L'intenzione del team di Yuka è quella di indurre l'industria del settore agroalimentare e cosmetico a migliorare l’offerta, sfruttando un consumo consapevole da parte dei clienti. L’app francese per la valutazione dei prodotti alimentari si basa su tre criteri:

Le caratteristiche nutrizionali

Su questi valori si basa il 60% della valutazione. Il calcolo prende in considerazione i seguenti elementi: proteine, fibre, frutta e verdura come elementi positivi e calorie, zuccheri, sale e grassi saturi come elementi negativi.

La presenza di additivi

Su questo valore si basa il 30% della valutazione. Questo valore si incentra sulle conoscenze scientifiche attuali e dagli studi provenienti da istituti scientifici e da entità indipendenti. Secondo queste nozioni, a ciascun additivo si associa un livello di rischio che va da elevato (rosso), moderato (arancione), limitato (giallo), nessun rischio (verde). Oltre alla categorizzazione in colori, l’app riporta anche le informazioni relative alla sostanza e le fonti scientifiche utilizzate per la stima.

L’aspetto bio

Su questo valore si basa il 10% della valutazione. I prodotti biologici, dotati di logo ufficiale europeo o nazionale possono sfruttare questa percentuale. Una sorta di bonus garantita dal divieto di utilizzo di pesticidi chimici, estremamente dannosi per la nostra salute.

Come avviene la valutazione dei prodotti cosmetici

Yuka, come affermato precedentemente, oltre ai prodotti alimentari fornisce una stima anche di quelli cosmetici. Questa si basa sull’analisi degli ingredienti utilizzati per comporre il prodotto in questione. Anche in questo caso le sostanze vengono divise in quattro categorie in base al rischio che possono rappresentare: elevato (rosso), moderato (arancione), ridotto (giallo), nessun rischio (verde). Questa categorizzazione considera gli effetti sulla salute (siano essi dimostrati o potenziali) con particolare attenzione agli aspetti cancerogeni, irritanti, agli allergeni e all’interferente endocrino. Il giudizio su questi prodotti dipende principalmente dalla componente che presenta il maggiore livello di rischio. Se l’articolo in analisi ha un ingrediente con rischio elevato (rosso), l’intera valutazione del prodotto non supererà i 25/100. Questo sistema tutela il consumatore e ha l’obiettivo di promuovere acquisti consapevoli.

Commenta