Anche Facebook lancia il suo clone di Clubhouse (foto)

Vincenzo Ronca Facebook ha anche lanciato i contenuti podcast sulla sua piattaforma.

Non ci sono assolutamente dubbi sul fatto che Clubhouse abbia dettato legge a partire dall’inizio di quest’anno nel settore dei social network, portando una ventata di novità che non si vedeva da tempo. I suoi rivali non hanno atteso molto per seguire le sue orme.

Dopo Twitter e Spotify, anche Facebook lancia ufficialmente la sua nuova sezione chiaramente e ampiamente ispirata a Clubhouse. Parliamo delle Audio Room, le quali arrivano in anteprima negli Stati Uniti, per un ristretto numero di utenti. Le Audio Room sono davvero molto simili alle stanze audio sulle quali si basa la struttura operativa di Clubhouse.

LEGGI ANCHE: tutto sul Prime Day 2021

Una volta creata una nuova Audio Room, gli utenti Facebook potranno parteciparvi ascoltando le conversazioni di chi è autorizzato a parlare e del creatore dello spazio, con la possibilità di intervenire a loro volta se autorizzati dall’amministratore. Facebook farà spazio alla novità nella parte superiore del suo feed, esattamente sopra le Storie, a conferma di credere particolarmente nella novità.

Facebook ha fatto sapere che correlerà la nuova sezione Audio Room al programma Stars, dedicato agli account Business e che prevede di implementare nuovi strumenti e iniziative per stimolare gli influencer a creare contenuti nell’ambito delle Audio Room.

La novità di Facebook al momento è accessibile a un ristretto numero di utenti negli Stati Uniti: nello specifico, solo coloro con un discreto numero di follower e con una buona reputazione. Le stanze saranno comunque accessibili a tutti, e tutti potranno intervenire se autorizzati da colui che ha creato lo spazio. Ci aspettiamo un più largo rollout nelle prossime settimane.

A corredo della novità Audio Room, Facebook ha iniziato a distribuire anche i contenuti podcast sulla sua piattaforma. Al momento sembrano tutti contenuti riservati alla platea statunitense ma ci aspettiamo che presto verranno allargati anche all’Europa.

Fonte: Engadget