Tim Cook intervistato durante il VivaTech: la privacy è un diritto umano fondamentale (video)

Vito Laminafra

Durante la conferenza VivaTech, evento riguardante le maggiori startup e aziende attive nel settore tecnologico d’Europa, è intervenuto Tim Cook, amministratore delegato di Apple, che è stato intervistato da Guillaume Lacroix, fondatore e CEO di Brut.

LEGGI ANCHE: Il ritorno dei Tamagotchi in versione smartwatch

La maggior parte dell’intervista, che potete vedere interamente nel video in basso, è incentrata sul tema privacy e sicurezza, sempre molto caro ad Apple: per Tim Cook, la privacy è un diritto umano fondamentale ed è un aspetto sempre messo al primo posto nella sua azienda. Cook si è poi detto estremamente favorevole alle stringenti norme europee del GDPR: “siamo stati grandi sostenitori del GDPR fin dall’inizio e lo supporteremo anche in futuro, perché c’è ancora così tanto da fare nel mondo della privacy” ha dichiarato.

Il CEO di Apple chiude poi le porte al sideloading della app su iPhone, ovvero la possibilità di trasferire app dal un computer senza passare da App Store: “ciò distruggerebbe la sicurezza dell’iPhone‌ e le molte delle iniziative sulla privacy che abbiamo integrato nell’App Store come App Tracking Transparency, che costringe gli sviluppatori a ottenere il permesso per tracciare i dati”.

Verso la fine della discussione, a Tim Cook è stato chiesto della tanto vociferata Apple Car e ovviamente il CEO ha ritenuto opportuno non esporsi su questo argomento: “per quanto riguarda le auto, devo mantenere alcuni segreti”, ha detto Cook. “Dobbiamo sempre avere qualche asso nella manica, per cui non credo che commenterò le voci sulla macchina”.

Via: MacRumors
  • Ugo

    capisco che non fosse un’intervista “giornalistica” nel vero senso della parola, ma io credo che ogni volta che si parli di privacy non si possa evitare di fare la domanda relativa alla Cina.
    Cook ha risposta varie volte sul tema, spesso con creativi giri di parole, ma credo che la domanda dovrebbe essere automatica per ogni volta che viene pronunciata la parola “privacy”