“Whatsapp e i Termini di Servizio”, il sequel: continuano i chiarimenti da parte dell’app (foto)

Enrico Gargiulo -

Sembra che sentiremo parlare ancora per un po’ del binomio Whatsapp e Termini di Servizio: dopo essere diventato un caso mondiale mesi fa, del quale vi abbiamo parlato in quest’articolo, l’applicazione di messaggistica torna sotto i riflettori con aggiornamenti, affermando che i cambiamenti saranno relativi a funzioni business opzionali e impegnandosi a fornire dettagli sempre più trasparenti circa la raccolta dati.

Nessun timore, quindi, per gli utenti della versione standard di Whatsapp: potrete continuare a scrivere e ricevere messaggi sotto la tutela della crittografia end-to-end. Diverso è il caso per le conversazioni intrattenute con account Business: a questi saranno dati nuovi strumenti di archiviazione e gestione delle chat che permetteranno di fruire di nuovi servizi che Facebook intende lanciare. Va detto che resterà sempre una targhetta ad evidenziare ogni contatto business, pertanto starà a voi scegliere se scrivergli o meno, consapevoli che farlo potrebbe portarvi a ricevere inserzioni e pubblicità mirate.

LEGGI ANCHE: Telegram sfotte Whatsapp, che ribalta la situazione

Sono già molti i profili Business di Whatsapp che si servono di Facebook Shops per esporre i propri prodotti, quindi siate consapevoli che, nell’interagire con lo shop, starete condividendo dei dati con Facebook. Di nuovo, queste funzioni sono e saranno completamente opzionali, mentre starà a voi scegliere o meno di scrivere a un profilo business o se evitare di farlo.

Via: WABetaInfo