Telegram sfotte WhatsApp, che ribalta la situazione (foto)

Vincenzo Ronca

Da anni ormai vediamo spesso il parallelismo tra WhatsApp e Telegram, due delle app di messaggistica istantanea più diffuse al mondo. Le piattaforme si distinguono poco per funzionalità e più per concetti alla loro base. Uno di questi potrebbe essere identificato nella protezione della privacy dei loro utenti, campo nel quale si sono punzecchiati ultimamente.

Tutto è iniziato quando Telegram ha preso in giro WhatsApp con il tweet che vedete qui sotto, abbastanza semplice e senza alcuna allusione alla privacy.

Poi però, un po’ inaspettatamente, WhatsApp ha risposto come vedete qui sotto: la nota piattaforma di messaggistica ha citato il fatto che Telegram non abilita di default la crittografia end-to-end sulle chat dei suoi utenti. Ma Telegram ha prontamente ribattuto affermando che in realtà le chat crittografate di WhatsApp sono accessibili da Apple, perché gli utenti iOS effettuano il backup su iCloud, da Google, perché su Android il backup avviene su Drive, e da WhatsApp stessa per ripristinare i backup con il solo numero di telefono degli utenti.

Dopo quest’ultima replica però sono arrivate un paio di smentite per Telegram: il noto sviluppatore Alessandro Paluzzi ha sottolineato come in realtà le chat crittografate di WhatsApp, proprio quelle che finiscono su iCloud e Drive, non sono accessibili da parte di Apple e Google perché necessitano della chiave crittografica per essere aperte. Questo è stato confermato anche da WABetaInfo.

A rendere lo scivolone di Telegram più evidente vi è anche il fatto che WhatsApp sta per implementare la possibilità di impostare una password per l’accesso ai database di backup da parte dei singoli utenti, aggiungendo un ulteriore livello di protezione.

Via: WABetaInfo
  • Giuseppe Nicotera

    Dite a quelli di wa che i backup sono in chiaro 🤦‍♂️ che la password che vogliono mettere non è la cifratura del backup a cui solo ora stanno cominciando a lavorare…wa = cazzari

    • rsMkII

      Lungi da me voler difendere WA, anzi… Però, per capire, in che senso dici che sono in chiaro su Drive? Personalmente non riesco a trovare e/o eventualmente leggerne il db. Grazie!

      • Giuseppe Nicotera

        Un backup non cifrato lo puoi esportare su un altro dispositivo che non sia il tuo, basta avere l’accesso all’account Google/Apple per scaricare il backup ovviamente. Proprio come per un semplice hdd esterno senza cifratura..lo attacchi al tuo pc e il gioco è fatto.

        Pensa l’ennesima ironia..wa ha la funzione esporta chat e Telegram ha aggiunto quella di importare la chat….chat che sono (o dovrebbero essere) crittografate end-to-end…sono state addirittura esportate su un’altra piattaforma. Insomma mi parlano pure di sicurezza? Una chat end-to-end che quindi dovrebbe essere tra me e te e basta diventa tra me, te, il cloud esterno, Telegram e piattaforme varie…questo è wa

        • Marko4646

          Scusami, tu dici che basta avere l’accesso all’account per scaricare il backup, quindi se un malintenzionato ottiene l’accesso al tuo account, la tua preoccupazione è del file di backup di WhatsApp che non è cifrato, non degli altri file,foto e documenti presenti nel tuo cloud?

          • Giuseppe Nicotera

            Scusa ma di cosa si sta parlando in questo articolo?? Stanno affermando che i backup di wa sono cifrati e invece NON È VERO e lo dicono pure loro stessi!! Quindi parliamo di questo e non di cosa tengo io nel mio cloud. Cose da pazzi! https://uploads.disquscdn.com/images/bbc0d2503600cb31ff4884dd47313a9450bdc49c0b7833a64ec5d7d30a947e72.jpg

            Ecco una foto trovata su twitter sotto un post di Telegram! Io non uso wa da 7 anni ma questo lo ricordo bene anch’io eh!

          • Marko4646

            Sei tu che hai messo in mezzo il fatto che basta scaricare il file dal’account di drive, metterlo su un Hd esterno e il gioco è fatto, io ti faccio presente che per prendere quel file, qualcuno deve avere accesso al tuo account di google, e quindi a tutte le tue mail, foto etc e dici a me che scivo cose da pazzi? e dimmi, in quale altro modo qualcuno accede al file di backup su drive al mio posto? Ma tu preoccupati solo di whatsapp, mi raccomando.

          • Giuseppe Nicotera

            🤣🤣🤣 perché? Non è così? Sai quanta gente non sa nemmeno in quanti dispositivi ha effettuato l’accesso? Sai quanti modi ci sono per entrare in un account attraverso stratagemmi o truffe?

            Il punto del discorso è che il backup non è crittografato come affermano

  • Magda Caponigro

    Il gap che WhatsApp deve colmare rispetto a Telegram è ancora molto ampio, facendo poi parte del Gruppo Facebook e quindi completamente monitorata e accessibile da chiunque, beh… la dice lunga. “Vade Retro !” 💁‍♀️

  • FabrizioC

    Il problema di fondo sta più nel modo in cui fb/whatsapp vuole profilare le informazioni piuttosto nel modo in cui più soggetti possano avere tali informazioni senza l’esplicito consenso di profilarle.
    fb/whatsapp dovrebbe evitare di replicare a questioni concernenti la privacy degli utenti che tiene sotto ricatto.
    Che i big riescono ad accedere alle informazioni, a più informazioni di quelle che immaginiamo, è ormai un’informazione alla portata di tutti, ma la volontà che tali informazioni non debbano necessariamente essere incrociate in tutti i modi possibili rientra nei diritti che piano piano stiamo iniziando ad assimilare.

  • SuperDuo

    Whatsapp stesso, nella schermata di attivazione del backup su google drive mette in guardi:

    “I messaggi e i media sottoposti a backup In Google Drive non sono protetti dalla crittografia ent-to-end di Whatsapp”

    E un backup che non E2E è accessibile anche se criptato.

    Questo comunque non cambia che se telegram vuole fare la splendida, dovrebbe attivare la cifrature e2e di default invece che solo nelle inutili chat segrete (senza cloud, senza desktop ecc)

  • Kikko Konti

    Il gap che WhatsApp deve colmare è talmente profondo che non capisco perché si facciano ancora dei paragoni.

    L’unico motivo per cui ho ancora whatsapp sono i contatti che non hanno telegram… Davvero qualcuno ha altri motivi ?

    A parer mio non sono piattaforme paragonabili.

    Ciao a tutti

    • Gianluca DS

      Il grande limite di Telegram è sempre lo stesso, e l’hai evidenziato tu stesso: usando Whatsapp puoi contattare praticamente chiunque, usando Telegram devi tenere installato anche Whatsapp per contattare una buona fetta di persone.
      Finché la base utenti sarà quel che è, Whatsapp vincerà a man basse su Telegram. Perché un’app di messaggistica con la quale puoi fare centomila cose fighissime tranne mandare messaggi – perché i tuoi contatti non la usano – è un’app sostanzialmente inutile.
      That’s all, folks.

      • Kikko Konti

        Hai pienamente ragione.
        Se la usi come whatsapp

  • Giuseppe Nicotera

    E per quanto riguarda wabetainfo cazzari super mega galattici..che avrebbero confermato??? Che i backup sono protetti o che ci stanno lavorando?? Gente svegliatevi e boicottate tutti questi cazzari!
    https://uploads.disquscdn.com/images/5cf1a5e286562352d4c377d5108078ee7f53ce37b0cec2066d93c14e93940b73.jpg

  • Angelo

    “Le piattaforme si distinguono poco per funzionalità…” 😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂 Chi ha scritto questo non ha mai utilizzato Telegram in vita sua.
    Su WA stanno implementando funzioni minime che su Telegram esistono da anni!!