Tinder sta cercando di rendere più sicuri gli appuntamenti “al buio”

Filippo Morgante

Match Group, la società che controlla la nota applicazione di incontri Tinder, si sta muovendo per cercare di rendere più sicuri gli incontri con persone sconosciute. In questo senso si inserisce l’investimento effettuato in Garbo, una no-profit che permette di eseguire controlli su altre persone avendo a disposizione solamente il loro nome e numero di telefono oppure il loro nome completo.

LEGGI ANCHE: Kuo si corregge: per gli AirPods 3 c’è da aspettare

Garbo dice di raccogliere “registri pubblici e rapporti di violenza o abuso, compresi arresti, condanne, ordini restrittivi, molestie e altri crimini violenti”, oltre a dare la possibilità di inserire manualmente altre informazioni utili (funzione però non attiva al momento). Ci aspettiamo che questa funzionalità venga in qualche modo integrata in Tinder, in modo da rendere possibile per gli utenti controllare la fedina penale prima di darsi appuntamento.

I controlli sulla storia delle altre persone non saranno gratuiti, ma Match Group sta lavorando con Garbo affinché siano disponibili per il maggior numero di utenti al giusto prezzo. Potrebbero anche essere inseriti in qualche abbonamento. Il team inizierà a testare le capacità di Garbo su Tinder nei prossimi mesi negli Stati Uniti, sperando che un giorno questa importante miglioria possa raggiungere anche l’Italia.

Via: TheVerge