I pagamenti in Bitcoin diventano sempre più comuni: arriva la collaborazione tra BitPay e Apple Pay

Vito Laminafra Ma al momento solo negli Stati Uniti

BitPay è uno dei più grandi e popolari fornitori di servizi economici legati alle criptovalute. Oltre a dare la possibilità di acquistare le varie monete virtuali, Bitcoin, Bitcoin Cash ed Ether su tutte, permette agli utenti di utilizzare una carta prepagata MasterCard, per effettuare pagamenti direttamente dal portafoglio virtuale.

LEGGI ANCHE: Anche Tesla investe in Bitcoin

Da qualche giorno, BitPay ha ufficializzato la compatibilità della sua carta con Apple Pay, semplificando di molto l’utilizzo di criptovalute come metodo di pagamento per servizi “comuni”, che normalmente accetterebbero solo valute “classiche”: l’importo da versare sarà ovviamente convertito secondo i tassi correnti al momento del pagamento. L’azienda ha anche dichiarato che nel corso dei prossimi mesi arriverà il supporto anche a Google Pay e Samsung Pay.

Purtroppo però l’utilizzo di BitPay con Apple Pay è per il momento disponibile solo negli Stati Uniti ed è necessario aver installato la versione 12.1.0 dell’app. Non è chiaro quando anche gli utenti europei potranno sfruttare questa funzione, ma si tratta ad ogni modo di un grande passo avanti nell’adozione di valute alternative a euro o dollari.

Fonte: BusinessWire