L'ultima novità di Facebook su iOS sulla privacy: si prospetta un duello con Apple? (foto)

L'ultima novità di Facebook su iOS sulla privacy: si prospetta un duello con Apple? (foto)
Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca

Non si prospetta una prima parte dell'anno tranquilla tra Facebook e Apple, i due giganti potrebbero scontrarsi sul tema della privacy degli utenti. Le premesse ci sono tutte, soprattutto alla luce dell'ultima mossa di Facebook.

Il colosso dei social network ha appena avviato la distribuzione di un nuovo messaggio agli utenti con iPhone e iPad per spingerli ad aderire al tracciamento online delle loro preferenze. Una misura, quella di Facebook, che sarebbe stata concepita per spingere gli utenti a permettere un tracciamento più efficace, il quale dovrebbe portare alla ricezione di annunci pubblicitari più mirati e in accordo col profilo utente.

Perché solo su iOS? Perché Apple sta per introdurre un'importante misura opposta a quella appena avviata da Facebook: a partire dalla prossima primavera la casa di Cupertino renderà obbligatorio per gli sviluppatori di app e servizi richiedere l'autorizzazione esplicita da parte degli utenti per attivare il tracking online. La misura di Apple è ovviamente dalla parte della privacy dei suoi utenti. Gli utenti potranno di fatto rinunciare in modo chiaro a rendere disponibile e condivisibile il loro codice identificativo per inserzionisti (IDFA) alle aziende.

Facebook ha commentato in più occasioni la scelta di Apple, affermando che tale misura penalizzerà le piccole imprese, rendendo i loro annunci meno efficaci e meno raggiungibili, pertanto questo potrebbe portare a una diminuzione delle entrate. Anche Mark Zuckerberg e il CEO di Apple Tim Cook non si sono scambiati troppi complimenti in questo contesto, scontrandosi per lo più sui diversi modelli di business che hanno le rispettive aziende. Secondo Facebook, il nuovo messaggio di Apple per i suoi utenti rappresenterebbe un falso compromesso tra privacy e annunci personalizzati.

Dal canto suo, Facebook ha affermato che il suo di messaggio mira effettivamente a rendere comprensibile cosa significa per gli utenti abilitare gli annunci personalizzati, per mezzo del tracking online. Finora su iOS gli sviluppatori avevano facoltà di richiedere o meno l'autorizzazione esplicita al tracciamento degli utenti, in pochi l'hanno fatto. Questo dalla prossima primavera sarà obbligatorio, e secondo le prime stime meno del 20% degli utenti Facebook acconsentirà al tracciamento: Zuckerberg sembra aver già messo le mani avanti.

Fonte: The Verge

Commenta