Inizia oggi la dismissione delle antenne 3G di Vodafone: ecco quali potrebbero essere i disagi

Filippo Morgante

Facendo seguito a quanto aveva già annunciato da tempo, Vodafone nella giornata odierna ha ufficialmente iniziato la dismissione della tecnologia 3G su tutto il territorio nazionale. Parallelamente è previsto un potenziamento della rete 4G, ma alcuni clienti di Vodafone e degli operatori virtuali che sfruttano la sua rete potrebbero subire dei disagi.

LEGGI ANCHE: Fastweb corre più di tutti e risulta il miglior operatore di linea fissa del 2020, seguono TIM e Vodafone

Lo spegnimento delle prime antenne avverrà oggi 25 gennaio 2021, e il processo dovrebbe concludersi entro la fine del mese di febbraio. Con la dismissione del 3G Vodafone Italia dirotterà i suoi sforzi verso il potenziamento delle reti 2G e 4G e verso lo sviluppo della futura rete 5G. L’operatore, grazie a questa mossa, conta di ampliare la copertura 4G ad altri 1100 comuni e contemporaneamente di ridurre il consumo energetico di circa 100 GWh per il 2021.

Ad essere interessati saranno ovviamente anche tutti quegli operatori virtuali che sfruttano la rete Vodafone, come per esempio PosteMobile, che ha già avvisato i suoi clienti di tale operazione. Lo switch off della rete 3G indurrà probabilmente molti operatori virtuali all’implementazione della tecnologia VoLTE, che permette di effettuare chiamate su rete 4G e navigare su internet simultaneamente. Senza tale tecnologia e in assenza di rete 3G, le chiamate verrebbero infatti dirottate sulla rete 2G, che non permette la navigazione internet durante le telefonate. Oltre a ciò, se possedete un cellulare non ancora abilitato al 4G o una SIM non valida per questa rete (di capacità inferiore a 128k), potreste riscontrare nel prossimo futuro dei rallentamenti nella navigazione internet dovuti all’utilizzo della lenta rete 2G. Per agevolare il passaggio a nuovi smartphone o la sostituzione della SIM agli utenti interessanti, Vodafone ha attivato il piano “4G per tutti“.

Via: MondoMobileWeb
  • riky1979

    In Svizzera hanno dismesso la rete 2G, i TomTom con sim integrata usano il 2G e la cosa l’ho saputa da TomTom, mentre in Italia si dismette la rete 3G ma non la 2G; mi chiedo quale sia il criterio di scelta: frequenze da usare per 5G o 4G? numero elevato di dispositivi iot 2g? Questa non credo perchè sarebbero ben contenti di farti ricomprare tutto quanto.

    • carlo

      copertura e obblighi di legge.

    • Berserker02

      Semplicemente potenziamento del 4G a danno del 3G. Dismettere è comunque un’idiozia. vista l’attuale (scarsa) copertura in molte zone, ma a fronte dei problemi in zone isolate ci sarà un forte potenziamento nelle zone cittadine …

    • Antoniosolid

      In realtà in Svizzera solo alcuni gestori hanno spento il 2G (tra cui quello cui si appoggia TomTom) mentre altri hanno assicurato che rimarrà attivo almeno per un paio d’anni, tre. Tra l’altro una sua dismissione a livello mondiale oggi come oggi sarebbe contro producente considerando tutti i dispositivi tipo allarmi o centraline che ancora si appoggiano ad esso per disporre dei servizi telefonici base. La 3G invece era usata dagli smartphone per navigare (ormai rari perchè la maggior parte supportano il 4G base). Essendo lo spettro delle radiofrequenze molto limitato e con l’arrivo del 5G si è costretti a mettere da parte il vecchio.
      Considera che una dismissione di massa venne già fatta all’epoca della chiusura del TACS e lì furono dolori per molti quindi non la vedo terribile.

  • konami7

    Ottimo, ma una domanda postemobile è ufficialmente passata alla rete vodafone? Perché l’avevano annunciata parlando di inizio 2021… Grazie

  • Michael Polisini

    Dalle mie parti (provincia di Teramo), è da ottobre che hanno spento l’antenna 3G. Spero almeno che si daranno una mossa a potenziare la rete 4G. Non voglio abbandonare ho. Mobile, ma alla fine operatori che si basano sulla linea TIM (miglior ricezione nel mio paese), c’è ne sono molti