Cosa ci sarà nel futuro prossimo della telefonia mobile? Opensignal ce lo svela

Filippo Morgante

Nel corso di quest’anno, le reti di telecomunicazioni e le aziende fornitrici di servizi ci hanno messo del loro meglio per riuscire a soddisfare la crescente domanda di banda da parte degli utenti. Inoltre, altri sforzi sono stati compiuti per continuare il programma di espansione della rete 5G, indispensabile per abbattere le distanze tra familiari, amici e colleghi.

LEGGI ANCHE: Vodafone taglia il 3G e PosteMobile avvisa i suoi clienti

Opensignal ha provato a prevedere quali saranno le mosse future della telefonia mobile dal 2021 in poi:

  1. Ci sarà una gestione dinamica della capacità in base alla geografia di utilizzo dei dati da parte dei consumatori. Le reti 5G saranno sicuramente maggiormente flessibili di quelle attuali, e sarà posta più attenzione nella scelta della collocazione delle antenne.
  2. Le videochiamate saranno la leva che utilizzeranno gli operatori per accelerare l’adozione del 5G.
  3. In un contesto così differente rispetto al precedente, saranno numerosi e repentini i cambi di operatore dovuti alla scarsa qualità dei servizi offerti dal proprio fornitore.
  4. La fruizione di contenuti video in streaming di maggior qualità in maniera più fluida spingerà soprattutto gli utenti 5G a consumare più dati rispetto agli utenti 4G.
  5. La crescente popolarità del mobile gaming porterà gli operatori di rete europei e americani ad essere più attivi nel settore, promettendo minori latenze, edge computing e 5G. Per fare questo prenderanno sicuramente spunto dal più avanzato mercato asiatico.
  6. Nei paesi in cui il 5G è già largamente diffuso, questo diventerà la scelta predefinita dei nuovi clienti e non sarà più qualcosa di escluso dal proprio piano tariffario per cui bisogna pagare un extra.
  7. I sempre presenti investimenti sulle reti 4G porteranno a miglioramenti che ne ridurranno il gap con quelle 5G, confondendo gli utenti.
  8. Aumenterà la velocità di spegnimento del segnale 2G e 3G per concentrarsi sui nuovi standard.
  9. L’utilizzo della rete 5G per soluzioni IoT a livello business sarà ancora frenato dalle mutate esigenze contingenti dovute al COVID.
Via: opensignal