Apple sta lavorando per portare finalmente il supporto agli utenti multipli su iOS (foto)

Apple sta lavorando per portare finalmente il supporto agli utenti multipli su iOS (foto)
Roberto Artigiani
Roberto Artigiani

Possibilità di impostare più utenti e iOS sono due termini che non fanno rima. Lo sanno bene i possessori di un iPhone o un iPad condiviso con altre persone. Trovare il modo di accontentare entrambi è difficile e richiede una elevata dose di compromessi, ma tutto si potrebbe risolvere se ognuno avesse accesso a un proprio account utente con le sue impostazioni, i suoi dati, ecc. Proprio questo è il tema centrale nell'ultimo brevetto registrato da Apple ed emerso in queste ore.

Per la verità a Cupertino stanno lavorando sul multiutente dal lontano 2013, ma la speranza è che questa sia la volta buona. La certificazione, a dire il vero, parla in generale di "dispositivi", ma dal momento che macOS già offre da tempo il supporto alle utenze multiple, sembra evidente che il riferimento implicito sia verso smartphone e tablet.

Il cuore del brevetto affronta soluzioni possibili per assicurare l'attuale elevato livello di sicurezza dei dati degli utenti, nel caso in cui ce ne sia più di uno su un sistema. Ci sono quindi riferimenti alla criptazione dei dati per consentire di poter accedere ai propri solo al soggetto che si autentica, ma per il resto si parla molto di un SoC esterno al processore principale, deputato fondamentalmente alla sicurezza. Si tratta, in sostanza, di una sorta di guardiano che sorveglia tutte le richieste in entrata sul dispositivo e, anche se non viene mai chiamato in causa, è inevitabile pensare al chip T2.

Un altro aspetto affrontato è come evitare che eventuali utenti malintenzionati possano tentare con un attacco di "forza bruta" ad accedere. Per frustrare tentativi in rapida successione infatti viene previsto un limite prima che il telefono si blocchi, ma anche un significativo rallentamento da parte del sistema per ostacolare la progressione delle prove e frustrare l'attaccante.

Commenta