C’è uno smartphone in uso per ogni italiano e uno nel cassetto, ma ne ricicliamo sempre troppo pochi

Roberto Artigiani

Per ogni cittadino italiano ci sono 0,96 cellulari in uso, mentre quelli dismessi e tenuti da qualche parte “a riposo” sono circa 1,05 a testa. Lo dice la statistica realizzata da reBuy, il noto sito specializzato nell’usato che ha preso in considerazione diversi aspetti della vita degli smartphone nei Paesi europei più USA, Canada e Nuova Zelanda.

Dallo studio emergono diverse classifiche in base ai vari aspetti presi in considerazione e l’Italia si posiziona il più delle volte a metà classifica, né virtuosa né da matita rossa. Siamo tra quelli che producono più rifiuti elettronici (2.078 tonnellate), ma la percentuale sul totale pur non essendo delle migliori, si aggira attorno al 75%.

LEGGI ANCHE: Last minute Cyber Monday, le ultime offerte

Questo dato fa sì che se mettessimo insieme tutti i metalli preziosi contenuti nei dispositivi (come oro, argento, platino, palladio e rame) avremmo un tesoretto di 160,2 milioni di euro. Altro dato curioso è il fatto che almeno un terzo delle famiglie italiane usa/vende/regala telefoni di seconda mano. Per consultare il report completo vi rimandiamo al link in fonte dove potete trovare tutte le tabelle e i dati.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

Fonte: reBuy
  • Timothy

    Ehm… Non saprei, ma credo di falsare leggermente la statistica. Io nel cassetto ho un LG Optimus One, un Motorola moto G (prima edizione), un Redmi 3, un Oneplus 3T, un P8 lite ed un sony Xperia z3 Compact… Trovo difficile buttare via il vecchio telefono e pure darlo ad altri. Quindi in genere lo tengo e lo riconverto in altro.

    • Pablito

      Io il mio moto G prima generazione l’ho rimesso in funzione mese scorso per darlo a mio padre (che lo usa solo per le chiamate) ma saperlo ancora in funzione mi fa piacere XD

  • Maxi

    io ne ho 8 : 3 vecchi nokia 3410, due Ericsson T28, due nokia E51 e un Samsung A5 2017
    In effetti dovrei decidermi a buttarli, specie i più vecchi
    🙂