Anche su iPhone, dovreste aprire Immuni una volta al giorno

Giuseppe Tripodi -

Nelle ultime settimane, diversi utenti iPhone hanno riportato un malfunzionamento dell’app Immuni: in particolare, il software di contact tracing non ha notificato le esposizioni.

L’ipotesi più probabile è che iOS abbia bloccato le operazioni in background, impedendo all’applicazione di controllare le esposizioni e inviare la relativa notifica.

Si tratta di un bug già noto su Android dove, proprio al fine di scongiurare eventuali problemi con i processi in background, Immuni riportava già da tempo una dicitura che invita l’utente ad avviare l’app una volta al giorno per forzare il controllo delle esposizioni.

Fino ad oggi, sull’app per iPhone non c’era alcun avviso simile. Tuttavia, proprio alla luce dei malfunzionamenti degli ultimi giorni, anche su App Store è stata appena rilasciata una nuova versione dell’app che invita l’utente ad avviare Immuni una volta al giorno.

La schermata iniziale di Immuni, prima e dopo l’update

Vale la pena precisare che, contrariamente a quanto ipotizzato da alcuni, il problema non sembra essere riconducibile ad iOS 14 e si è verificato anche con iOS 13.7. Secondo quanto riportato da Wired, Apple è a conoscenza del problema dalla scorsa settimana, ma non ha ancora rilasciato comunicazioni ufficiali in merito.

Per aggiornare Immuni (ricordandovi di aprirlo una volta al giorno!) non vi rimane che cliccare il badge qui sotto.

Aggiornamento01/11

Secondo quanto riferito da Repubblica, il nuovo aggiornamento dell’applicazione risolverebbe il bug che impediva l’invio di notifiche. Pare, infatti, che il problema fosse legato nello specifico all’app Immuni e non riguardasse il framework sviluppato da Apple e Google.

Nonostante tutto, con il nuovo update Immuni suggerisce anche su iOS di avviare l’app una volta al giorno per aggiornare la lista.