App

Immuni sempre più efficace: superate le installazioni minime e in arrivo un call center per assistere gli utenti

Immuni sempre più efficace: superate le installazioni minime e in arrivo un call center per assistere gli utenti
Roberto Artigiani
Roberto Artigiani

Il Ministero della Salute ha diramato gli ultimi numeri registrati da Immuni che finalmente sta prendendo piede tra la popolazione: al 27 ottobre infatti risultano 9,43 milioni di download. Questa cifra è in netta crescita rispetto agli 8,6 milioni segnati a metà mese quando è stata superata la soglia minima per rendere l'app efficace nella prevenzione dei contagi. Secondo uno studio dell'Università di Oxford infatti il sistema di notifica di esposizione è in grado di ridurre infezioni e decessi quando viene utilizzato da almeno il 15% della popolazione.

Al momento l'Italia sarebbe a quota 16% (considerati tutti i cittadini maggiori di 14 anni), anche se siamo ancora lontani dalla soglia del 60% inizialmente ipotizzata perché la sua opera sia pienamente effettiva. Tornando sui numeri il Ministero ha dichiarato che finora Immuni ha segnalato 1.673 casi di positività generando 41.426 notifiche. Il picco è stato registrato lo scorso 27 ottobre: 143 positivi per 5.195 notifiche in un giorno solo.

Allo stesso tempo, viste anche le difficoltà nel tracciare tutti i contatti, il Governo si sta adoperando per potenziare l'app e renderla più efficace.

Proprio con questo scopo è stata predisposta l'attivazione di un call center per aiutare gli utenti nell'uso dell'app. Questa mossa chiuderebbe quindi una delle più grandi lacune di Immuni: l'assenza di assistenza dopo la ricezione di una notifica di esposizione. Presto, chi si dovesse trovare in questa spiacevole situazione, potrà contattare un operatore e farsi guidare nei passi successivi.

La novità è stata introdotta con l'ultimo Decreto Ristori (art.20) e finanziata con 4 milioni di euro. Allo stesso tempo viene deciso che il referto elettronico sanitario con esito positivo sarà immediatamente disponibile per gli utenti, attraverso la piattaforma nazionale del Sistema Tessera Sanitaria, nel Fascicolo Sanitario Elettronico e finirà anche al Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria locale territorialmente competente.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

Via: CorCom

Commenta