iPhone 12 e 12 Pro: testata la loro resistenza alle cadute. Come avranno reagito? (video)

Federica Papagni -

Tanto belli, quanto delicati. Ogni volta che il nostro dispositivo compie un volo per poi inevitabilmente scontrarsi con il pavimento, nella nostra mente qualcosa si blocca. I pensieri vengono cancellati e sostituiti da una sola domanda: sarà salvo oppure lo schermo sarà diventato una copia su vetro di una ragnatela? Ebbene molte volte è esattamente questo dubbio che spinge i più curiosi a testare il grado di vulnerabilità degli smartphone alle cadute, e ovviamente i nuovissimi iPhone 12 non potevano essere esclusi.

Con questi dispositivi, Apple ha introdotto Ceramic Shield, un nuovo tipo di vetro dello schermo che “fornisce il più grande salto di durata mai visto su iPhone”. L’azienda pubblicizza specificatamente un aumento di 4 volte nella resistenza alle cadute, ma sarà effettivamente vero? Il video che vi riportiamo in fondo dà la risposta. I due protagonisti sono l’iPhone 12 e l’iPhone 12 Pro e il loro faccia a faccia con la forza di gravità da varie altezze.

LEGGI ANCHE: Recensione Apple iPhone 12

Nell’andare a tirare le somme di questa prova è lecito notare che il Ceramic Shield protegge la parte anteriore dei dispositivi, mentre per quella retrostante non si conosce la tipologia di vetro utilizzato. Ma vediamo ora i risultati. Se l’iPhone 12 Pro ne è uscito indenne, anche se con qualche ammaccatura, dalle continue cadute, per l’iPhone 12 questo discorso non è possibile farlo: infatti, anche se lo schermo è integro, la parte posteriore presenta un’irrimediabile rottura. Danneggiare il dorso dei dispositivi non è pesante solo per fini estetici, ma soprattutto perché il rischio maggiore è quello di rovinare anche la fotocamera, rendendo così impossibile godere delle sue capacità al 100%.

Anche se il test mostrato è stato messo in atto al solo fine di verificare la resistenza alle cadute, è utile anche per constatare la resistenza ai graffi del Ceramic Shield.

Video

  • Ciaoiphone4

    Sul frontale è un ottimo passo in avanti, considerando che il 90% dei casi il retro è protetto da una custodia. Il prossimo passo sarà per il retro!