In Francia una legge impedisce ad Apple di rimuovere gli auricolari

Giuseppe Tripodi E tutti gli iPhone costano anche 30€ meno.

Nella confezione di iPhone 12 non troveremo né alimentatore da parete né auricolari: Apple ha preso la controversa decisione di rimuovere questi accessori, giustificando la scelta con ragioni di tutela dell’ambiente. Tuttavia, in Francia gli auricolari Earbuds con cavo Lightning continueranno ad essere presenti nella confezione di iPhone 12, perché la legge impedisce di vendere smartphone senza cuffiette incluse.

Per quanto strano possa sembrare, infatti, in Francia una legge approvata dall’Assemblea Nazionale del 2015 impone ai produttori di includere un accessorio che limiti l’esposizione di radiazioni per bambini sotto i 14 anni. L’articolo L. 5232-1-3 della legge, infatti, recita:

Su richiesta dell’acquirente, per la vendita di qualsiasi dispositivo di telefonia mobile, il produttore deve fornire un accessorio che limiti l’esposizione alla testa di emissioni di radiofrequenza per i bambini di età inferiore ai quattordici anni.

Per tutti i produttori, questa legge si è di fatto tradotta nell’obbligo di includere degli auricolari.

Infine, una piccola beffa per noi italiani che – come sempre – paghiamo gli iPhone di più che nel resto d’Europa.

In Francia (e nella maggior parte degli altri paesi UE), infatti, il prezzo di tutti i modelli è di 30€ di meno: il motivo per cui in Italia il prezzo di iPhone 12 parte da 939€ (e non 909€) è per via del cosiddetto equo compenso, ossia una tassa su tutti i prodotti dotati di memorie digitali che, potenzialmente, possono riprodurre contenuti multimediali piratati.

  • Magda Caponigro

    e che saranno 30€ in più per gli Apple fans… 🤭

  • Clipper

    “L’equo compenso” a volte fa sorgere il dubbio che potrebbe incentivare la pirateria; molte persone possono essere portate a pensare: “Se pago dei diritti d’autore a prescindere che scarichi illegalmente o legalmente, perchè devo scaricare legalmente e ripagare una seconda volta i diritti d’autore?”. Mi da infatti un po’ fastidio l’idea di aver pagato diritti d’autore sulle schede di memoria che utilizzo nelle mie macchine fotografiche (sono appassionato fotografo).

  • Pinco Pallino

    Saranno contenti gli i-polli…e ci faranno credere che è un vantaggio hahahah.

  • Andrea__93

    Contento di aver comprato il mio Oneplus da 256GB dalla Cina risparmiando oltre 150 euro, anziché pagare il pizzo per la memoria. Se una persona acquista o paga abbonamenti per i contenuti non vedo perché debba pagare pure una tassa aggiuntiva