Immuni tra le migliori in Europa per la protezione dei dati personali, il suo controllo ora passa alle istituzioni

Vincenzo Ronca

Arrivano positive e incoraggianti notizie per Immuni, l’app di contact tracing che il Governo italiano ha adottato per contrastare e limitare la pandemia di COVID-19. Oltre ad aver raggiunto i primi importanti risultati, l’app è stata lodata per diversi aspetti.

L’Italia con Immuni è uno dei pochi paesi europei ad aver rispettato molti dei principi sanciti dalla convenzione per la protezione dei dati del Consiglio d’Europa, nota come Convenzione 108. Questo è quanto emerge dal rapporto “Soluzioni digitali per combattere il COVID-19“, un report stilato a livello europeo. Il nostro paese inoltre è stato uno dei pochi, insieme a Francia, Finlandia, Belgio e Norvegia, ad aver preparato una legge specifica per ridurre l’impatto del contact tracing sui dati personali dei cittadini.

LEGGI ANCHE: le migliori offerte del Prime Day 2020

Immuni è stata sviluppata per l’Italia da Bending Spoon, un’azienda nata in Danimarca che si è offerta di cooperare gratuitamente alla realizzazione dell’app. L’app è ormai giunta al termine del suo sviluppo e dunque, come preventivato, il suo controllo ora passerà al  Commissario Straordinario per l’emergenza, del Ministero della Salute e del Ministro dell’Innovazione. Il suo prossimo passo sarà l’integrazione con le app di contact tracing attive negli altri paesi europei.

Le note positive per Immuni non finiscono qui: l’app ha passato con successo lo scrutinio del Massachusetts Institute of Technology, un’istituzione accademica che non ha bisogno di presentazioni, dopo i diversi apprezzamenti da numerosi esperti di diritto, di sicurezza, di tecnologia e di design digitale. Forse questo può contribuire a convincervi, se ancora non lo foste, a rispondere all’imperativo morale nell’utilizzarla quotidianamente.

Via: Corriere Comunicazioni
  • L0RE15

    Tante lodi ma delle pecche in pochi ne parlano. Ad esempio che il BT é in grado di agganciare anche dispositivi dall’altra parte di un muro oppure che il telefono con app attiva può esser lasciato in una borsa non vicina a noi ma vicina ad altre borse con altri telefoni (ad esempio al centro sportivo). E di casistiche simili se ne potrebbero ipotizzare molte altre…
    Imperativo morale può essere tale se viene dato uno strumento efficace al 99%, cosa che un’app installata su un telefono che non è sempre vincolato alla persona che lo usa e basato sulla tecnologia BT, non può essere. C’è troppo margine d’errore e, spesso e volentieri, non è ricostruibule il momento del presunto contagio. Poi, se come per le mascherine, vogliamo dire che meglio quello di nulla, posso anche essere d’accordo. Vedo molto più concreto l’imperativo morale di evitare assembramenti, cosa che, purtroppo, invece, vedo ogni giorno in giro in mille occasioni…

  • ILCONDOTTIERO

    Finché non fanno un sistema di tracciamento come in Corea del Sud e non mettono fine agli assembramenti inutile insistere.
    Nessuno dice che gli assembramenti sono molto più attuali di prima che arrivassero le prime restrizioni a marzo . Purtroppo la gente vuole essere libera e uno sentendosi ” rinchiuso ” cerca di trasgredire.
    Finché siamo in pochi che aderiscono nel nome del buon senso la situazione rimarrà tale .
    Basterebbero regole Feree e precise che siano rispettate , senza chiudere tutto e tutti rendendo partecipi tutti attivamente .
    Capisco che non è facile , ma ci vuole collaborazione e soprattutto chiarezza e rispetto .
    La Privacy in questo contesto pare un paradigma atto più a fare nascondere che
    a scovare.

  • Franco Andreuccetti

    Io non ho l’abitud
    ine di portare sempre il tel.con me come i giovani o i manager.Quindi lasciandolo il auto o nel bauletto dello scooter rischierei allert non veri perche qualcuno che si avvicina alla mia auto/ moto positivo
    quando io non ci sono…
    Poi non so se il mio tel.e’ compatibile,ha circa 4/5 anni…
    Dovrei cambiare abitudini e telefono…
    Sono troppo grande o vecchio
    ormai a questa eta’ non si cambia piu’

    • carlo

      la società tutta che ti sta intorno, i tuoi parenti, tua moglie e figli e nipoti ringraziano.

      • Franco Andreuccetti

        👍👍👍