Immuni da record: in una settimana è stata scaricata da 1 milione e 400 mila persone

Federica Papagni -

Immuni entra nella soglia degli 8,1 milioni di download. L’app di contact tracing ha guadagnato solo nell’ultima settimana ben 1 milione 400 mila di persone che in Italia hanno deciso di scaricarla, numero che in percentuale corrisponde al 15% della popolazione di età superiore ai 14 anni.

Parte del merito deve essere riconosciuto dalla campagna di sensibilizzazione che il governo ha messo in atto grazie anche alla collaborazione con media e sanità. A partire dal suo arrivo, l’app ha inviato 8.300 notifiche e finora con il suo apporto sono stati rintracciati 477 utenti positivi e tra gli obiettivi del team di sviluppo c’è la possibilità di farla comunicare con le app omologhe presenti in altre zone d’Europa, in modo tale da poter estendere i confini di tracciamento al di là delle Alpi.

LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sull’Amazon Prime Day 2020 in Italia

La ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, ha dichiarato tramite la sua pagina Facebook che per via dell’aumento dei casi in tutta Italia è necessario alzare l’asticella del livello di guardia e adottare comportamenti virtuosi. Convivere con la pandemia è possibile, come lo è una ripresa delle attività produttive. Però il percorso deve essere completato e per farlo è necessario uno sforzo comune. Afferma inoltre “Come ha detto il Presidente Mattarella, tenere aperto il Paese è una responsabilità di tutti. E se tutti ci atteniamo alle regole e rispettiamo i protocolli di sicurezza, possiamo riuscirci. Proteggiamo noi stessi, i nostri cari, le nostre comunità. Indossiamo la mascherina, manteniamo il distanziamento, scarichiamo Immuni App: piccole, grandi attenzioni che fanno la differenza. Insieme possiamo vincere questa sfida”.

Via: laRepubblica
  • mat.01

    Per fortuna! Chissà che continui ad aumentare

  • Fulvio C

    È uno strumento utilissimo ma il dato fornito, di per sè, non significa niente. Gli scaricamenti non significano necessariamente installazioni attive: un utente può aver scaricato l’app più volte man mano che veniva aggiornata, oppure può averla scaricata e poi rimossa, oppure ancora può averla installata senza attivarla. O ancora scaricata e rimossa, riscaricata e rimossa. L’app simile svizzera, ad esempio, tramite l’Ufficio di Statistica nazionale fornisce i dati dei donwnlod e delle installazioni realmente attive. Il tutto tramite una richiesta “fittizia” inviata all’app ogni 5 gg. Sarebbe bello sapere anche questi dati per Immuni. Comunque scaricatela e tenetela attiva.

  • Porcellone

    Dio mio…aiutaci…usciremo mai da questa farsa maledetta?

    • ZannaMax

      Ormai hanno un giocattolino con cui giocare. Difficilmente se lo lasceranno scappare.

  • Marko4646

    Dovete spiegare che per funzionare l’app non deve essere solo scaricata, cioè se viene scaricata da 50 milioni di persone ok, ma funzionerà solo se quelli positivi danno il consenso a inserire la loro positività anonima, nel database. Cosa che non è automatica come si può pensare. Altrimenti non serve a niente usarla.

    • Daniele Segato

      Più che altro dovrebbero essere formati tutti quelli che fanno i tamponi per aiutare / spingere i positivi a segnalare tramite l’app.

      Oltre che dirlo, certamente.

  • Alex T

    ovviamente è un dato che non significa assolutamente nulla, però continuiamo a dirlo lo stesso e a farci i titoloni !

  • L0RE15

    “La ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, ha dichiarato tramite la sua pagina Facebook che nonostante l’aumento dei casi in tutta Italia è necessario alzare l’asticella del livello di guardia e adottare comportamenti virtuosi.”

    Nonostante l’aumento?! Sará “a causa dell’aumento”…