In futuro anche i dispositivi indossabili parteciperanno al sistema di tracciamento per il Covid-19 (foto)

Roberto Artigiani

Estendere il sistema di notifica e tracciamento per il Covid-19 attualmente implementato sugli smartphone anche sui dispositivi indossabili. È questo lo scopo dei lavori avviati dal consorzio Bluetooth SIG e annunciato con un post sul sito ufficiale. Le operazioni però potrebbero richiedere mesi e, per quanto il fine appaia nobile ed attuale, rimangono diversi dubbi.

Come dichiarato dal consorzio, effettivamente ci sono parecchi soggetti che non usano o non portano sempre con sé il proprio smartphone, tra cui soprattutto gli studenti più piccoli (ammesso che le scuole siano aperte). C’è quindi la possibilità che invece continuino ad indossare uno smartwatch o una smartband che potrebbe sostituire il telefono nel sistema di rilevamento all’esposizione del Covid-19.

LEGGI ANCHE: Apple pronta a lanciare un nuovo iPad 2020 insieme a iPhone 12?

Il metodo da attuare sui wearable sarebbe del tutto analogo a quello presente sui telefoni e manterrebbe le stesse caratteristiche, tuttavia ci sarebbe comunque bisogno di uno smartphone a cui il dispositivo indossabile possa appoggiarsi e fare riferimento per poter inviare e scaricare contatti e notifiche. Ad ogni modo ben 130 membri del consorzio hanno preso parte al gruppo di lavoro per definire le specifiche necessarie e ci vorranno mesi prima di raggiungere una prima bozza.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

Via: Android PoliceFonte: Bluetooth SIG, Fonte 2