Trump concede più tempo a ByteDance per dismettere le attività di TikTok

Roberto Artigiani

Lo scorso venerdì il presidente Trump ha emanato un nuovo ordine esecutivo con cui concede più tempo a ByteDance per vendere o dismettere le attività di TikTok negli USA. Inizialmente il termine era stato fissato a 45 giorni, cioè entro il 20 settembre, ora invece sono stati aggiunti altri 45 giorni con scadenza finale il 12 novembre 2020.

Nel documento ufficiale si legge che “ci sono prove credibili che ByteDance possa compiere atti che minacciano la sicurezza nazionale degli USA” tirando quindi in ballo ancora una volta questioni di sicurezza nazionale per motivare misure così drastiche. L’azienda cinese dal canto suo ha dichiarato che “TikTok è amata da 100 milioni di utenti americani perché è un spazio di divertimento, espressione di sé e connessione con gli altri”.

LEGGI ANCHE: Instagram chiederà documenti d’identità per contrastare bot e account fake

Il nuovo ordine esecutivo specifica anche che ByteDance deve eliminare tutti i dati degli utenti statunitensi, compresi quelli raccolti da Musical.ly, l’app acquisita dall’azienda nel 2017 che poi si è evoluta in TikTok. Finora Microsoft si è detta interessata a rilevare le attività americane dell’applicazione – anche se recentemente Bill Gates ha definito il potenziale accordo come “un calice avvelenato” – ma in teoria le trattative si sarebbero dovute concludere il 15 settembre, quindi prima della vecchia scadenza. Chissà se nella decisione di posticipare c’entri l’interesse dimostrato da Twitter.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

Via: The Verge