Instagram chiederà documenti d’identità per contrastare bot e profili fake

Roberto Artigiani

Chiedere di fornire un documento d’identità valido per confermare che il proprio account su Instagram non è fasullo. È questo che potrebbe succedere prossimamente, anche vogliamo rassicurare i nostri lettori che molto probabilmente la notizia non li toccherà. Come riportato nel post sul blog ufficiale del social che annuncia la novità, questa richiesta verrà inviata solamente laddove emerge un comportamento potenzialmente sospetto e quindi toccherà una piccola parte della community.

L’obiettivo infatti è quello di contrastare i profili fasulli, i bot e tutte quelle attività che drogano le interazioni autentiche sulla piattaforma. A chi non dovesse rispondere verrà limitata la diffusione dei contenuti oppure verrà proprio disabilitato l’account. I parametri che potrebbero far scattare la richiesta non sono noti, ma probabilmente riguardano soprattutto quei profili privi di un nome distinguibile e chiaro, che mostrano attività quasi nulla e segnali di automazione.

LEGGI ANCHE: Come reagirà Samsung Galaxy Note 20 Ultra ai test di resistenza?

I documenti accettati per verificare l’identità sono i più disparati: certificato di nascita, patente di guida, certificato di matrimonio, scheda elettorale, tessera della biblioteca, pagella scolastica, abbonamenti a riviste, ecc.

L’obiettivo di questa operazione non sembra tanto quello di contrastare follower falsi e like automatizzati, quanto i contenuti tossici come bufale e teorie del complotto, soprattutto in vista delle prossime elezioni presidenziali USA. Questa pratica potrebbe però sollevare qualche difficoltà soprattutto in quei Paesi in cui il social viene usato da attivisti e da chi protesta contro i poteri locali. Proprio per questo motivo Instagram specifica che i documenti forniti verranno distrutti dopo 30 giorni dal termine del processo di verifica.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

Via: La RepubblicaFonte: Instagram