Altra grana per Instagram: accusato di aver raccolto illegalmente dati biometrici, 100 milioni di utenti coinvolti

Vincenzo Ronca

Non sono confortanti le novità che arrivano dagli Stati Uniti per Facebook e per Instagram in particolare. In California infatti il grande social network risulta formalmente accusato di aver raccolto illegalmente i dati biometrici dei suoi utenti.

La denuncia è stata depositata a Redwood City, in California, e cita Instagram per aver raccolto dati biometrici senza l’adeguato consenso degli utenti, traendone profitto e coinvolgendo circa 100 milioni di utenti.

LEGGI ANCHE: come si usa Instagram Reels

Stephanie Otway – portavoce di Facebook – ha bollato l’accusa come infondata, riportando che Instagram non utilizza tecnologie di riconoscimento facciale. Secondo la legge californiana, la raccolta di personali illegale può costare fino a 1.000$ per violazione all’azienda che la commette. E per Facebook gli ultimi tempi non sono stati rosei: recentemente il colosso dei social network ha patteggiato per 650 milioni di dollari per un’accusa di raccolta illegale di dati biometrici, completata attraverso un tool di photo-tagging fornito da Facebook ai suoi utenti.

Fonte: Bloomberg
  • ILCONDOTTIERO

    Tutti spiano e si parla di privacy.

  • Psyco98

    Non saranno mai 1000$ se li sconti in bulk… Però anche se si riuscisse a tenere sopra ai 50 non farebbe poi così schifo…