I nuovi iPhone potrebbero arrivare sul mercato in ritardo, ma c’è veramente da sorprendersi?

Giovanni Bortolan

Nonostante ci si stia avvicinando sempre più alla data di presentazione (e chissà, di lancio?) dei nuovi iPhone, un velo di mistero aleggia attorno ai prossimi melafonini. Oggi, secondo quanto riportato da Qualcomm su The Verge, potremmo avere un’ulteriore conferma del fatto che alcuni dei modelli di iPhone 12 non saranno da subito disponibili.

Le cause sono sempre le medesime e le potete immaginare bene (ritardi di produzione e mancanza di personale causa pandemia in primis), e sembrano tradursi nel report sui guadagni nel Q3 del produttore leader di processori in un non quantificabile ritardo relativo ad “un terminale top di gamma 5G previsto per il Q4”. Inutile dire che l’indiziato numero uno è proprio l’iPhone 12 5G. A confermare tutto ciò è lo stesso Akash Palkhiwala (Chief Financial Officer di Qualcomm), che racconta come una parte dei chip 5G pronti per essere spediti a settembre sia stata posticipata alla fine dell’anno.

Jon Prosser poi, noto leaker che più volte ha azzeccato le date di presentazione dei dispositivi Apple tuona:

LEGGI ANCHE: Apple sfoglia il calendario: iPhone 12 l’8 settembre e primi Mac con processori ARM il 27 ottobre?

Viste le premesse non ci sarebbe da stupirsi se tutti questi ritardi dovessero rivelarsi concreti, e francamente non sarebbe nemmeno la prima volta (per motivi dissimili) per Apple. Nel lontano 2017 l’iPhone X fo presentato a settembre e commercializzato a novembre; stessa sorte per l’iPhone XR, annunciato anch’esso a settembre e rilasciato un mese dopo.

Via: 9to5macFonte: The Verge