Le AirPods 3 potrebbero avere qualcosa da “Pro”: trapelano promettenti dettagli

Vincenzo Ronca

Apple è riuscita a ritagliarsi una rilevante fetta di mercato anche nel settore delle cuffie true wireless grazie alle sue AirPods, ormai disponibili in diverse varianti e che stanno per debuttare con la terza generazione.

Nuovi e importanti dettagli sono stati condivisi dal noto analista Apple Ming-Chi Kuo sulle AirPods 3. Secondo gli ultimi dettagli emersi in rete, le prossime AirPods verrebbero realizzate secondo la tecnologia SiP: questa è la stessa mediante la quale vengono realizzate le AirPods Pro e ha il vantaggio di ottimizzare ulteriormente gli spazi all’interno delle cuffie. Questo significa che, mantenendo le stesse dimensioni delle generazioni precedenti, le AirPods 3 potrebbe includere più componenti.

LEGGI ANCHE: AirPods Pro, la recensione

Questo suggerisce che le AirPods 3 potrebbero potenzialmente offrire più feature hardware rispetto alle generazioni precedenti: questo bonus potrebbe riguarda la cancellazione del rumore, la gestione dell’assistente vocale o chissà cos’altro. Secondo Kuo, anche il design delle AirPods 3 sarà più simile a quello della variante Pro.

Il passaggio alla tecnologia di assemblaggio SiP significherà un aumento dei guadagni anche per i fornitori di Apple. Nonostante queste novità, è previsto un rallentamento della crescita del segmento AirPods per Apple nel 2021, dopo un 2020 che ha visto il 65% in più delle vendite rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Fonte: Apple Insider
  • Mariux Revolutions

    Se Apple non produrrà più AirPods nel taglio classico, ovvero le non in-ear, allora dovrò nuovamente cambiare lido, quando le mie AP di 2a generazione se ne andranno al Creatore (speriamo il più tardi possibile)

    • Roran

      idem, le cuffie in-ear le trovo scomodissime e troppo isolanti, anche se sulle AirPods Pro c’è la modalità trasparenza per ascoltare l’audio esterno, ma non le ho mai provate…

      • Mariux Revolutions

        Ma infatti so che le Pro sono ottime, sulla qualità non si discute. Solo che le mie orecchie non le reggono, ecco perché Apple dovrebbe mantenere un parco variegato di indossabili