Il nuovo processore per gli smartwatch Wear OS che migliora autonomia e prestazioni

Emanuele Cisotti - Si chiama Qualcomm Snapdragon Wear 4100+ ed è un bel passo avanti.

Qualcomm, azienda leader nella produzione di microprocessori e SoC per smartphone e prodotti connessi, annuncia oggi l’arrivo di un nuovo System-on-a-Chip per smartwatch Android e Wear OS. Si tratta del nuovo Qualcomm Snapdragon Wear 4100+, che arriva a circa un anno e mezzo dal lancio di Wear 3100 che avrebbe dovuto rilanciare il mondo degli smartwatch Android un po’ stagnante. Non è esattamente quello che è successo in questo lasso di tempo, ma questo nuovo processore sembra garantire performance migliorate abbastanza da poter di nuovo ingolosire i vari produttori.

Esattamente come il predecessore, anche qui abbiamo un sistema big.LITTLE, con un SoC principale SDM429w completamente rinnovato e che passa dal processo produttivo a 28 nanometri a quello a 12 nanometri. Un salto in avanti dovuto, in un modo di smartphone che utilizzano processi produttivi a 7 nanometri. Questa miniaturizzazione permetterà ai componenti non solo di occupare meno spazio, ma soprattutto di consumare molto meno. Si parla di un 25% di risparmio energetico in più a fronte di un miglioramento delle performance dell’85%. a supporto di questo SoC ci sarà una versione migliorata del co-processore Qualcomm QCC1110 lanciato due anni fa. Questo co-processore si occuperà di funzionare a regimi energetici estremamente contenuti quando l’orologio sarà in stand-by.

Tornando al SoC SDM429w questo non avrà solo un processo produttivo più moderno ma anche nuovi core Cortex-A53 che lavoreranno fino a 1,7GHz, una nuova GPU Adreno A504 e una frequenza medio di funzionamento più alta (750 MHz). Il nuovo QCC1110 migliorato invece supporterà ora fino a 64.000 colori (prima erano 16) e molte nuove funzioni. Quando l’orologio sarà in standby, oltre a mostrare un quadrante molto più ricco di dettagli e colori, avremo un costante aggiornamento sui passi, sul battito cardiaco e sui promemoria.

Riassumendo i miglioramenti in numeri Qualcomm parla di un 85% in più di velocità per la CPU, di un 85% di prestazioni in più della memoria, di una velocità del 250% in più della GPU e di un 2x per quanto riguarda miglioramenti per la fotocamera. Perché sì, Qualcomm prevede che sempre più smartwatch avranno una fotocamera frontale per le videochiamate nei prossimi anni. Nell’uso pratico gli smartwatch con Snapdragon Wear 4100+ avvieranno le applicazioni più velocemente e avranno un’interfaccia più fluida. Entrambe caratteristiche per cui Wear OS, ha sempre sofferto rispetto ai concorrenti come watchOS di Apple. Nel mondo degli smartwatch Android l’unico modo per sopperire a questi difetti era aumentare la frequenza di lavoro della CPU o aumentare la RAM, riducendo però l’autonomia.

In più gli orologi dotati di questa piattaforma potranno anche supportare pienamente il 4G fino a 150Mbps anche con pieno supporto alle eSIM. Gli altri componenti del SoC promettono poi altri miglioramenti, come il supporto al Bluetooth 5.0, lo streaming audio A2DP e miglioramenti nel posizionamento GPS.

Tutto questo nuovo sistema permetterà agli sviluppatori di realizzare applicazioni più complesse e complete anche dal punto di vista del design e di garantire funzionalità avanzate anche quando lo schermo è in standby, per esempio mostrando il tragitto su una mappa durante una sessione di trekking.

Il primo smartwatch a utilizzare questo SoC sarà il nuovo TicWatch Pro 3 di MobVoi. Vi daremo sicuramente maggiori dettagli non appena saranno disponibili.

  • Okazuma

    Perfetto, faccio subito il reso del Fossil Garret HR, un top di gamma, che ho comprato qualche giorno fa.
    299 euro (in offerta a 160) ed INUTILIZZABILE!
    Senza usarlo arriva alle 20 con il 30% di autonomia e Assistant non funziona come segnalato da migliaia di utenti con altrettanti orologi diversi di marche diverse.
    Spero che questo 4100+ sia la vera svolta perché OGGI, WearOS, è assolutamente insufficiente sotto OGNI PUNTO DI VISTA.
    Ne potrei scrivere per altri 20 minuti ma mi fermo qui

    • Luke

      Veramente fitbit è stata comprata da google. Cmq x me wear os funziona bene. Ho un tic watch 2 e se non fosse che hanno messo una ram scadente (infatti la versione 2 2020 ne ha il doppio) sarebbe davvero buono. Tutti gli smartwatch hanno 1 giorno di autonomia più dipende da come lo si utilizza

      • Michael Polisini

        Tutti i wearOS hanno un giorno di autonomia, ma il Samsung Galaxy Watch arriva tranquillamente a tre.

        • Andrea

          Esatto, io ho io 42 mm e spegnendolo quando vado a dormire faccio sempre due giorni o più

        • Luke

          Ma sistema operativo? Tizen? Certo allora ti posso dire che il watch gt 2e arriva a 2 settimane… Sistema operativo diverso

          • Michael Polisini

            Il Watch GTe di Huawei non è un vero smartwatch, visto che non può né inviare messaggi WhatsApp o Telegram, né gestire certe di credito, o qualsiasi altra app scaricata da uno Store. Cosa che invece è possibile fare con i dispositivi Tizen

      • Okazuma

        Lo so che Fitbit è di Google, per questo spero che si sbrighino a fare qualcosa insieme visto che fino ad ora non c’è un Fitbit WearOS e sembra che non ci sia nulla in cantiere.
        Cmq non so se la mia unità sia fallata ma io, USANDOLO SOLO PER WA, posizione disattivata, NFC disattivato, WIFI disattivato, schermo spento, gesti disattivati, Ok Google spento, Sensore luminosità spento, Luminosità 3(sto facendo tutte le prove possibili) ora ho il 36% di autonomia residua.
        Se lo usassi in modo normale, non arriverei alle 17.
        Se facessi una sessione d’allenamento di 1 ora alle 7:00 con GPS attivo e Frequenza cardiaca, si spegnerebbe credo alle 12:00
        Tra questo enorme problema di autonomia (ripeto, forse è un problema del mio Garret HR) ed Assistant che letteralmente non funziona e quando funziona è limitatissimo, PER ME, Wear OS è bocciato e mi sembra che Google stia tirando i remi in barca.
        Ad esempio volevo segnalare un paio di bug e per farlo bisogna fare i giochi di prestigio. Sul forum ufficiale WearOS ti spiegano come fare e che alla fine, per inviare il report, si aprirà una finestra con indirizzo mail preimpostato.
        NON È VERO.
        Crei il report, fai per inviarlo e nella finestra che si apre nell’app Wear non c’è nessun indirizzo e questo fantomatico indirizzo non si trova da nessuna parte.
        E questo sarebbe il supporto ufficiale Google….
        Se chiedo a WearOS di far partire X su Netflix, non sa cosa fare mentre se lo chiedo all’Home Mini fa quello che chiedo.
        Google mi ha fatto migrare da Play Music a YT Music (che già pago). WearOS supporta YT Music? No…..
        Io spero davvero che Google si dia una svegliata lato SW e che questo 4100+ sia la svolta perchè per ora, tutta la concorrenza, fa MOLTO meglio