Dropbox introduce il suo Password Manager e il Piano Famiglia per condividere l’account, ecco tutti i dettagli (aggiornato)

Vincenzo Ronca -

Dropbox ha appena compiuto un importante ma silente passo lanciando un nuovo Password Manager per iOS e Android, sebbene per entrambe le piattaforme l’accesso è attualmente ristretto.

Il nuovo Password Manager di Dropbox fa tutto quello che ci si aspetta da un gestore delle password, offrendo la possibilità all’utente di memorizzare tutte le credenziali di accesso ai vari siti dove è registrato. Il tutto è ovviamente condito dall’implementazione della crittografia end-to-end, la quale non permette nemmeno agli stessi server di Dropbox di accedere alle password memorizzate. Questo scongiura il pericolo di violazione delle password anche nel caso in cui i server venissero violati.

LEGGI ANCHE: Amazon Fire HD 8 (2020), la recensione

Ma Dropbox ha voluto fare di più e ha implementato il livello di sicurezza a conoscenza zero, cosa significa? Nella pratica, nessuna terza persona può visualizzare la password di login al servizio di gestione password, nemmeno Dropbox stessa. In tal caso, l’ipotetica violazione dei server dell’azienda non metterebbe a rischio nemmeno la password di login. Come è possibile realizzare qualcosa del genere? Sfruttando il principio di dimostrazione a conoscenza zero.

Per avere un esempio pratico: si immagini una persona che distingue i colori e una persona daltonica per cui il rosso e il verde sono indistinguibili. Per convincere la persona daltonica che due palline, delle quali una è rossa e l’altra è verde, sono diverse si lascia questa persona nascondere le palline dietro la schiena e successivamente proporne solo una all’altra persona che distingue i due colori: effettuando diverse prove e chiedendo se la pallina è stata scambiata o meno, la persona daltonica si convincerà che le palline sono diverse perché sarebbe impossibile per l’altro rispondere sempre correttamente affidandosi al caso (che corrisponde al 50% di probabilità di successo).

Il nuovo Password Manager di Dropbox è attualmente disponibile solo su invito per gli utenti Android e iOS. Secondo alcune indiscrezioni trapelate online la sua versione pubblica dovrebbe arrivare esclusivamente per chi possiede un piano di archiviazione a pagamento. Staremo a vedere.

Aggiornamento16/06/2020 ore 17:20

Aggiorniamo l’articolo con le interessanti novità annunciate da Dropbox. Tra queste c’è il Password Manager del quale abbiamo parlato ampiamente sopra: la novità arriva in versione beta e attualmente sarà disponibile esclusivamente per gli utenti Dropbox Plus.

Non finisce qui: Dropbox ha presentato anche Vault, un servizio che consiste in una sorta di sezione riservata del proprio spazio cloud in cui memorizzare documenti e informazioni particolarmente sensibili. L’accesso a Vault sarà regolato da un ulteriore PIN a sei cifre e i contenut al suo interno verranno crittografati. Anche Vault arriva in versione beta e sarà disponibile esclusivamente per gli utenti Dropbox Plus.

Dropbox ha annunciato anche la disponibilità di HelloSign eSignature, un tool per autenticare documenti e ricevere documenti autenticati direttamente integrato in Dropbox. Anche in questo caso, la novità è stata resa disponibile a un numero ristretto di utenti, probabilmente per essere testato prima del rilascio pubblico.

Infine, una delle novità più interessanti consiste nel Piano Famiglia: questo permetterà agli utenti Dropbox Plus di condividere il proprio spazio con massimo cinque membri della famiglia. Dropbox ha anche riferito che la novità verrà distribuita a tutti gli utenti Dropbox entro il 2020. Al momento non sono noti eventuali costi di accesso.

Via: 9to5Mac, The Verge
  • André

    Scusatemi, il concetto menzionato nel titolo di “marcia in più” rispetto agli altri quale sarebbe? Crittografia E2E, architettura “zero knowledge” sono la BASE dei gestori password come 1Password, Dashlane, LastPass.

    • Stefano Bellisario

      Anche Bitwarden se non erro…

      • Luke

        Come funziona Bitwarden? Gratuito o a pagamento? Meglio secondo te della versione free di LastPass?

        • Bitwarden ha una versione base gratuita, che a mio parere non ha mancanze tali da rendere “obbligatorio” l’acquisto di un piano a pagamento (altri password manager per esempio con il piano gratuito non permettono di sincronizzare su più dispositivi o hanno un limite al numero di credenziali). Rispetto a LastPass non so dirti perché quest’ultimo non l’ho mai usato.

          • Luke

            Ho appena migrato tutto su Bitwarden: multipiattaforma, tema scuro su Android, condivisione che funziona bene e sito organizzato molto meglio. Grazie per avermelo fatto conoscere👍👍👍

          • Luke

            L’app su Android, oltre che avere il tema scuro, è molto più reattiva di LastPass

        • Stefano Bellisario

          È gratuito, con alcune funzioni a pagamento. Ma il 90% è gratuito. Non conosco lastpass, ma bitwarden èun gran password manager

      • André

        Aggiunto nel commento originale!

    • Luke

      Tra l’altro sarà anche a pagamento a quanto pare…

    • Alex

      La marcia in più è la sponsorizzazione.. perché gli altri non pagano! 😂

  • norangebit

    Mamma mia quanta approssimazione.
    Non conoscere la password dell’utente è il minimo indispensabile per un sevizio di questo genere.
    Infatti le funzionalità descritte sono presenti in molte altre soluzioni che tra l’altro sono open source per cui si può verificare che il tutto sia e2ee e a conoscenza zero.