Spusu arriva in Italia: svelate le tariffe con “riserva dati”

Giuseppe Tripodi -

Come anticipato nelle scorse settimane, oggi è stato annunciato ufficialmente Spusu, nuovo operatore virtuale da oggi disponibile in Italia. Si tratta di un Full MVNO che si appoggia a rete WindTre, che riprenderà le stesse meccaniche già presenti in Austria, paese da cui ha iniziato ad operare Spusu (il nome viene dal tedesco Sprich und Surf, che significa “parlare e navigare”).

In particolare, anche nel nostro paese Spusu adotterà la tecnica della Riserva dati, che permette agli utenti di accumulare una riserva di GB aggiuntiva rispetto a quella prevista dal piano: ogni minuto di chiamata ed ogni SMS non utilizzato verrà convertito in 1 MB a fine mese; questi dati, a cui si sommano anche i GB non utilizzati, vanno a confluire nella Riserva dati che l’utente avrà a disposizione.

Inoltre, con Spusu le chiamate dall’Italia all’estero (UE) sono gratis: non si parla quindi solo di roaming, sempre incluso per norma di legge, ma della possibilità di chiamare senza sovrapprezzo a numeri esteri (a patto che facciano parte dell’Unione Europea).

Spusu esordisce con tre tariffe, chiamate S-ole, M-are e L-una, che andiamo a vedere in dettaglio di seguito:

S-ole

  • 500 minuti
  • 100 SMS
  • 10 GB in 4G+
  • 20 GB di Riserva dati
  • Costo: 7,90€/mese

M-are

  • 1000 minuti
  • 200 SMS
  • 15 GB in 4G+
  • 30 GB di Riserva dati
  • Costo: 9,90€/mese

L-una

  • 2000 minuti
  • 500 SMS
  • 50 GB in 4G+
  • 100 GB di Riserva dati
  • Costo: 13,90€/mese

La quantità di GB della Riserva dati è il numero massimo di GB che è possibile accumulare con i minuti, SMS e GB non utilizzati. Spusu punta molto anche sulla trasparenza tariffaria, assicurando ai clienti che le offerte non presentano “costi nascosti”; inoltre, prevede la possibilità di cambiare sempre il proprio piano, senza spese.

La navigazione è in 4G+, fino ad un massimo di 300 Mbps in download e 50 Mbps in upload.

L’acquisto online è possibile solo con addebito su carta di credito o conto corrente, che sono anche i sistemi utilizzati per la ricarica; la SIM ha un costo di 9,99€ con spedizione inclusa e i tagli di ricarica sono di 10, 20 o 30€. Precisiamo che attualmente Spusu non ha negozi fisici, che verranno aperti successivamente a Milano, Roma e altre grandi città.

Infine, Spusu punta molto sull’assistenza clienti: il servizio clienti è disponibile via telefono al numero 3780101000, via mail (ciao@spusu.it) e via WhatsApp al numero 3780102000.

Aggiornamento

Abbiamo parlato della notizia anche nel nostro podcast, SmartWorld News

Ascolta “16/06 – Sky Wifi, Spusu e Nest Home” su Spreaker.

  • Michele

    ma si! io mi abbono! cioè la riserva dati, il cambio tariffe… cioè come ho fatto a starne senza fino ad oggi??? sisi ora mi abbono aspè……………….quasi fatto……… le ultime cose……… ma vaffanSPUSU…….

  • Adriano

    Mah….dove vogliono andare questi???

  • TheJedi

    Le premesse non sono male, ma i prezzi sono fuori mercato.

  • davide nove

    Alla fine più o meno ha ripreso le tariffe che hanno in madrepatria “Austria”..ma li è un altro tipo di mercato ” in confronto a noi è più caro come il resto dell’unione europea” per cui qui in Italia l’offerta diventa non più competitiva..
    https://uploads.disquscdn.com/images/df25f6cc910ab4ad05f0503777fc23386be62043b270f17f450c9280941fb052.jpg

    • Alvar Mayor

      Hai detto tutto.

      • davide nove

        Si per entrare in questo mercato “già saturo” e conquistare una fetta di mercato dovevano molto fare di più.. dovevano proporre delle offerte lancio che potevano attirare utenti.. l’uniche pedine che può invogliare sono le chiamate gratuite dall’Italia ai paesi della comunità europea e la riserva dati..ma certamente non basta….bastava fare 2 offerte.. M-are a 5,50€ e L-una a 7,90€ che avevano già più senso..

        • Alvar Mayor

          La riserva dati mi pare assai cervellotico come sistema, già vedo chi dirà “c’era scritto 50 giga, dove sono?”… Come atout possono avere la maggiore velocità di connessione rispetto Kena, Ho e Very, ma non fa la differenza. Le chiamate verso l’Europa a qualcuno possono interessare, ma con la possibilità delle chiamate su internet la massa dubito che la convinceranno!

          • davide nove

            Certamente.. Sono opzioni che potevano essere considerate qualora avessero avuto prezzi concorrenziali o pari degli altri operatori…

  • solurimbr

    Offerte non competitive in Italia, buone solo per chi chiama il resto d’Europa …anche l’estero ha tariffe decenti. Pessimo l’addebito diretto.