Samsung presenta un nuovo display per l’era 5G: meno consumi e meno fatica per la vista (foto)

Vincenzo Ronca

Samsung è uno dei principali produttori di display anche per dispositivi mobili e ha appena presentato un nuovo prodotto che molto probabilmente vedremo sui prossimi smartphone che verranno lanciati sul mercato.

Si tratta di un nuovo display OLED, successore degli attuali AMOLED Infinity: il display ha ricevuto una certificazione Eye Care Display che ne attesta la sicurezza per la vista, il tasso di emissione di luce blu, che è quella che affatica maggiormente la vista, è più basso di circa il 7% rispetto agli attuali display Infinity di Samsung. Inoltre, il nuovo OLED di Samsung implica un minore consumo energetico a parità di performance: parliamo di una diminuzione di circa il 15% rispetto alla generazione precedente.

LEGGI ANCHE: Amazfit T-Rex, la recensione

Questa nuova generazione di display OLED potrebbe fare il suo corso sui prossimi smartphone 5G di Samsung e non solo: entro il 2024 è previsto un incremento del 50% del mercato relativo ai dispositivi 5G, Samsung probabilmente si sta preparando.

Via: LetsGoDigital
  • Alex

    Se questo nuovo dysplay, consuma il 15% in meno degli attuali, sarebbe interessante confrontarlo con un microled, per capire le differenze..
    Non vedo l’ora che vengano commercializzati entrambi, per capire le potenzialità di una o dell’altra tecnologia.

    • Archer

      Um microled è meglio senza se e senza ma. Più luminosità, migliore response time, no burn in e tutti i vantaggi dell’oled.
      Tuttavia ci vorranno ancora anni

      • Alex

        Perdonami, ma il tuo commento mi sembra molto superficiale..
        Di cosa parliamo, smartphone o tv ? Perché non ci vuole una laurea in ingegneria, per capire come le due cose siano estremamente differenti.
        Samsung ha già presentato in ambito Tv questa tecnologia, e sta investendo anche molto, come Apple ed altre aziende.
        Bisognerá capire in ambito smartphone che vantaggi offrirà questa tecnologia rispetto agli Oled evoluti. Ti ricordo come gli ultimi oled utilizzati per esempio su iPhone 11 pro, hanno un effetto burn-in veramente ridotto, che in uno Smartphone, per l‘utilizzo in se, é insignificante!

        • Archer

          Di entrambi. Le tv attualmente micro led non so se hai visto il prezzo. Il prezzo è elevato e molto perchè al momento attuale per produrre un pannello modulare micro led il failure rate durante la produzione è estremamente elevato e la resa produttiva bassa. In più per i telefoni bisogna anche miniaturizzare i led il che non è semplice e richiederà tempo prima che diventi mainstream.
          Riguardo ad iphone 11 il tuo commento mi sembra superficiale, non è uscito da nemmeno un anno e già si grida al miracolo del burn in ridotto come magia di apple quando in realtà il pannello è lo stesso identico dell’s10. Il burn in arriverà non in un anno ma in paio di anni di certo.

          • Alex

            Il Burn- in è praticamente assente ormai nella maggior parte degli oled in commercio, considerando che uno smartphone lo tieni al massimo 5 anni, in media se ti va bene, praticamente non avrai mai problemi. Io ho scritto per esempio iPhone, ma ovviamente tu per argomentare le tue tesi dovevi stravolgere il mio commento.

          • Archer

            guarda, il burn in è una caratteristica intrinseca dell’oled e ti assicuro che in 5 anni pur con tutti gli accorgimenti ti compare. Il burn in è talmente raro che molta gente dopo 1 anno porta il telefono in assistenza per avere lo schermo cambiato in garanzia.
            Tuttavia per argomentare le tue invenzioni dovevi sparare qualcosa su iphone