Brutta sorpresa all’orizzonte per iPhone 12: niente cuffie nella confezione, secondo Kuo

Enrico Paccusse Una mossa che incrementerebbe ulteriormente le vendite delle AirPods

Secondo l’ultimo report pubblicato da Kuo, noto analista specializzato nell’universo Apple, le confezioni dei prossimi iPhone 12 potrebbero arrivare più leggere del previsto, a causa dell’assenza di un componente sempre presente a partire dalla prima edizione.

Come avrete capito dal titolo, stiamo parlando delle cuffie EarPods, presenti prima con il jack audio da 3,5 mm e poi con attacco lightning (a partire da iPhone 7). Una decisione che potrebbe scontentare molti, ma non gli investitori, che stanno già pregustando un ulteriore aumento delle vendite delle AirPods.

LEGGI ANCHE: Abbiamo un nome e un prezzo per le prime cuffie over-ear di Apple

Al momento, la differenza di prezzo tra le cuffie con cavo e quelle wireless rimane ampia: sul sito di Apple, le AirPods partono da 179 euro, a fronte di 29 euro per la versione cablata. Ma cosa succederà se, come anticipato da Kuo, la società dovesse venderle a prezzo scontato in bundle con iPhone 12? La strada è segnata.

Via: 9to5mac
  • Arale’s Poop

    Le airpods sono le true Wireless che vendono di piú e Apple ha ancora le airpods 1a gen in vendita a prezzo ridotto rispetto ai 179 di cui parlate (lo street price è inferiore comunque).

    Vendere le airpods in bundle, significherebbe per Apple ridurre gli utili sui prodotti, dato che il bundle per concetto stesso serve per rendere il prodotto piú appetibile e deve avere quindi un prezzo vantaggioso rispetto al prezzo dei prodotti presi separatamente.*

    Perchè Apple dovrebbe tirarsi la Zappa sui piedi considerando la caterva di smartphone che vende e che le airpods, per vendite lorde, fossero un’azienda che produce SOLO AIRPODS entrerebbero prepotentemente nel Fortune 500, e questo dopo un paio di anni di disponibilità sul mercato…

    Quello a cui Apple punta è arrivare a vendere un prodotto in cui all’interno della condizioni trovi il telefono e la manualistica che per legge va inserita, nient’altro.
    Niente alimentatore e niente cavo.

    Questa ad esempio era anche l’ambizione di Jony Ive e lo diese apertamente.

    *metto la cosa qui sotto come testimonianza del concetto sui bundle.
    Io dovevo rinnovare il contratto col mio operatore e stavpi guardando quelle che erano le sovvenzioni sui nuovi telefoni, dopo qualche indecisione mi sono buttato a capofitto sul P40 Pro per 34,95€, tentato dal “bundle” con le Freebuds 3 e con il Watch GT2e.
    Mi son detto, se mi piace lo tengo nonostante la mancanza delle Gapps, altrimenti lo vendo (principalmente il mio problema era l’uso di YT).
    Risolto l’accesso su YouTube tramite App (uso YouTube Vanced + MicroG Vanced) mi son chiesto se rivenderlo o se vendere il Mi9T pro (che tanto male non è, cit.).
    Ed Ecco che grazie a questo bundle ho scoperto che le Gapps mi servono poco o niente e che il telefono lo tengo eccome.

    • Mariux Revolutions

      Come ha detto qualcuno online, Apple dovrà poi fare i conti la Francia, se questa mossa verrà messa in atto

      • Arale’s Poop

        Molti brand ormai mettono le cuffie solo nelle confezioni destinate al mercato francese.
        Prendi Xiaomi ad esempio, in Italia non le include, in Germania nemmeno.
        Peró la confezione destinata al mercato francese include le cuffie.

        • Mariux Revolutions

          Perché appunto, per una buona volta, i “franzosi” l’hanno imposto per legge e anche per ragioni sensate: gli utenti intenti in lunghe telefonate devono poter scegliere se continuare a tenere lo smartphone all’orecchio o se tenerlo lontano, usando le cuffie